Foto di Tania Van den Berghen da Pixabay

Società di volley e ginnastica «sfrattate» da Valverde. «Chiederemo gli atti ufficiali». La replica del sindaco

Una squadra di pallavolo a conduzione familiare, fondata nel 2010, che si è ritrovata senza palestra in cui potere fare attività. Un destino da condividere con una scuola di ginnastica ritmica. La denuncia è quella che arriva da Valverde, piccolo Comune in provincia di Catania, e ha come protagoniste la società di volley Cyclopis e l’associazione sportiva dilettantistica Vulcanica. Dietro i fatti, stando alla voce dei responsabili delle due realtà, ci sarebbero questioni di natura politica e un clima non proprio disteso con l’attuale amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Caggeggi. «Come ogni anno, da 14 anni a questa parte, abbiamo fatto la richiesta per ottenere la concessione della palestra della scuola media Allegra di via Dante, di proprietà del Comune – racconta a MeridioNews Alessandro Trombetta, direttore generale della Cyclopis – Quest’anno, però, le cose sono cambiate. Prima dal Comune hanno convocato una riunione ma noi, insieme a un’altra società che si occupa di ginnastica ritmica, non siamo stati inviati. La mattina prima di questo incontro, fissato alle 16, è arrivata una Pec di risposta alla nostra richiesta di concessione in cui veniva indicato che la nostra proposta non poteva essere accetta per carenza di orari».

Un’esclusione che ha spiazzato la realtà pallavolistica che beneficiava di dieci ore settimanali coinvolgendo circa 150 iscritti dal mini volley, riservato ai più piccoli, fino ai tesserati impegnati nel campionato di serie C. «A tutte le vecchie società è stata data la concessione e anche a due nuove realtà – continua il dirigente – Il Comune ha chiamato altre società per coprire i nostri spazi. Una di queste ha accetto e ha ottenuto la concessione. Abbiamo parlato ufficiosamente con il sindaco e lui ci rimprovera di avere fatto campagna elettorale per il primo cittadino uscente. Attualmente ci siamo trasferiti a San Gregorio di Catania e abbiamo iniziato lì i nostri corsi. Dalla parte nostra, ci sono anche tanti genitori che hanno votato l’attuale sindaco». Genitori che si sono uniti scrivendo una missiva in cui chiedono lumi sulla vicenda. Chiarezza che vorrebbe anche la società di pallavolo. «Ho chiesto, sotto spinta dei genitori, a un legale – conclude Trombetta – di ottenere dal Comune tutti gli atti di questa vicenda, così da capire i motivi dello sfratto».

«Anche noi abbiamo subito questo torto ma in modo diverso», denuncia Roberta D’Antona, tecnica responsabile degli allenamenti della Asd Vulcania Ginnastica Ritmica. Realtà che beneficiava di appena due ore all’interno della palestra comunale e che ha deciso di spostare i propri iscritti altrove. «Durante il mandato della precedente amministrazione, la mia società aveva firmato per avere in concessione gratuita un terreno del Comune per avviare la costruzione di una nuova struttura, da mettere a disposizione anche dell’ente – spiega a MeridioNews – All’indomani delle elezioni non abbiamo più avuto notizie e il nuovo sindaco ci ha detto che la procedura non era stata fatta in maniera corretta e sul sito del Comune hanno pubblicato la revoca. Quando il nostro presidente si è recato in municipio per avere gli atti, i funzionari hanno risposto che avevano avuto disposizione di non fornire nulla. Dopo questa vicenda, abbiamo deciso di aspettare ma adesso, dopo l’invio di questa Pec in cui veniva scritto che non c’era spazio per noi, insieme a Trombetta ci siamo rivolti a un legale. Eravamo l’unica società con sede a Valverde a occuparci di ginnastica ritmica».

Contattato da MeridioNews il sindaco Domenico Gageggi ha replicato: «Ci dispiace dover constatare che una normale rotazione viene strumentalizzata per fini personali e di pretese posizioni dominanti, estranei all’interesse collettivo. L’amministrazione ha operato, nel rispetto del principio di alternanza e di ampliamento dell’offerta sportiva, oltre che nella legittimità della legge e del regolamento. Ci dispiace non avere spazio per tutti, ci auguriamo che le attività sportive possano incrementarsi nei prossimi anni, stiamo, infatti, lavorando all’ampliamento delle strutture presenti nel territorio. Al momento, possiamo registrare che la nuova e variegata offerta sportiva ha riscosso grande gradimento da parte della cittadinanza e tutti i corsi sono pieni».

Riceviamo e pubblichiamo dal sindaco di Valverde Domenico Gaggegi
Con riferimento alla dichiarazione grave e diffamatoria, che ragioni di “tipo politico “ non meglio precisate, abbiano determinato l’azione amministrativa, con la presente, si formula espressa smentita circa le ragioni poste a fondamento dell’atto amministrativo. Un iter irregolare obbliga l’Amministrazione a procedere in autotutela per evitare un danno all’ente, così come , il criterio di alternanza deve essere comparato con il buon andamento della pubblica amministrazione. Pertanto , certi e sicuri , della legittima dell’azione amministrativa posta in essere dagli uffici amministrativi , riserviamo ogni azione legale e la sottoposizioni degli atti alla magistratura competente ove dovessimo ravvisare lesioni di immagine danni all’Ente.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]