Smaltimento rifiuti, stop al processo Ofelia «Tra documenti dispersi e ammuffiti»

La caccia al tesoro è iniziata. Da trovare però non ci sono oggetti preziosi o monete d’oro ma documenti processuali. Si tratta di una sorta di giallo giudiziario che ha come protagonista una massiccia dose di carte che vennero sequestrate negli anni passati a due società che si occupavano di smaltimento rifiuti, la Ofelia Ambiente e la Bar Bis Engeenering srl, e ai loro rispettivi titolari, Giuseppe e Alessandro Monaco. Documenti che però in parte «allo stato risultano dispersi».

I due imprenditori sono infatti tra gli imputati insieme ad altre persone tra cui due funzionari della provincia di Catania, con le accuse a vario titolo di gestione di rifiuti pericolosi, abuso d’ufficio e falsità ideologica. Un presunto sistema che avrebbe unito due impianti operativi a Santa Venerina, nei pressi di Acireale, in cui sarebbero stati trattati in maniera non autorizzata dei rifiuti poi smaltiti, secondo gli investigatori, in alcuni terreni nel territorio di Ramacca, in un’area agricola vicino al fiume Gornalunga. Una gestione definita dall’accusa «abusiva» e con processi «assolutamente difformi da quelli previsti», fatta di un lungo elenco di rifiuti pericolosi tra cui fanghi da perforazione contenenti oli, ceneri e scorie pesanti provenienti da impianti di termovalorizzazione di rifiuti speciali e pericolosi, nonché rifiuti da demolizione contaminati da idrocarburi. Giuseppe Monaco figura come imputato anche nell’altro filone dell’inchiesta denominata Ofelia, quella che vede al centro un terreno della zona industriale di proprietà dell’Esa, l’Ente di sviluppo agricolo della Regione Sicilia, trasformato, secondo l’accusa, in una piccola terra dei fuochi. 

Al momento, come confermato in aula dagli avvocati Fabio Anile, Attilio Floresta e Carmelo Galati, sarebbero soltanto sette su 17 i faldoni di cui i difensori hanno precise notizie. «Non siamo nelle condizioni di poterci difendere – ha spiegato al collegio Floresta – siamo davanti a una situazione in cui non ci siamo mai trovati. In mezzo a quei documenti potrebbero infatti esserci quelli che dimostrerebbero la regolarità del lavoro svolto da queste ditte». Dubbi e perplessità che i difensori fecero emergere anche nei mesi precedenti quando, tramite due istanze destinate al magistrato titolare dell’accusa, chiedevano conto dei fascicoli. Richieste tuttavia che non hanno mai ricevuto una risposta.

Ad infittire il giallo sui dettagli della documentazione ci sarebbe anche un verbale redatto dai militari delle fiamme gialle in cui sarebbe stata messo nero su bianco una cattiva conservazione delle carte sequestrate. «Luoghi non idonei» spiega l’avvocato Anile, che avrebbero fatto marcire alcuni fogli a causa dell’umidità. Resta da capire quali. Il verbale infatti sarebbe stato redatto in maniera generica senza indicare quale parte della documentazione sia andata a male.

Il processo, che è stato rinviato a novembre, non è chiaro come andrà a finire. Il pm infatti, come annunciato dal presidente del collegio Ignazia Barbarino (a latere Camilleri e Principato), «proverà a fare un elenco della documentazione reperita o sequestrata e poi riconsegnata alle società». Il rischio, concreto, è quello che il processo sia nato profondamente viziato con l’ombra di un possibile ricorso degli avvocati alla Corte europea dei diritti dell’uomo per far valere il diritto di difesa degli imputati.

C’è poi il problema, ormai quotidiano, dei tempi della giustizia. I fatti contestati risalgono infatti al periodo 2006/2009, considerati i debiti calcoli, la prescrizione non è così lontana.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un giallo giudiziario ha al centro una massiccia dose di carte che vennero sequestrate negli anni passati a due società che si occupavano di trattamento della spazzatura, la Ofelia Ambiente e la Bar Bis Engeenering srl, e ai loro rispettivi titolari, Giuseppe e Alessandro Monaco, imputati dalla procura di Catania. Documenti che sembrano spartiti nel nulla. La denuncia arriva dagli avvocati. Il rischio è che il processo sia nato profondamente viziato

Un giallo giudiziario ha al centro una massiccia dose di carte che vennero sequestrate negli anni passati a due società che si occupavano di trattamento della spazzatura, la Ofelia Ambiente e la Bar Bis Engeenering srl, e ai loro rispettivi titolari, Giuseppe e Alessandro Monaco, imputati dalla procura di Catania. Documenti che sembrano spartiti nel nulla. La denuncia arriva dagli avvocati. Il rischio è che il processo sia nato profondamente viziato

Un giallo giudiziario ha al centro una massiccia dose di carte che vennero sequestrate negli anni passati a due società che si occupavano di trattamento della spazzatura, la Ofelia Ambiente e la Bar Bis Engeenering srl, e ai loro rispettivi titolari, Giuseppe e Alessandro Monaco, imputati dalla procura di Catania. Documenti che sembrano spartiti nel nulla. La denuncia arriva dagli avvocati. Il rischio è che il processo sia nato profondamente viziato

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]