“Sicilia, basta con gli ipermercati”

“La grande distribuzione organizzata? Lo sappiamo, è un problema. Ma lo stiamo affrontando. Lavoriamo per salvaguardare le piccole e medie imprese commerciali. Abbiamo chiesto e ottenuto una clausola di salvaguardia. In parole più semplici, abbiamo raggiunto un accordo per non autorizzare l’apertura di altri ipermercati. A Palermo e provincia siamo già alla saturazione”.
A parlare è Salvatore Bivona, presidente della CIDEC regionale e di Palermo. CIDEC è un acronimo che sta per Confederazione Italiana Esercenti e Commercianti.

– Presidente, Palermo, come lei ha detto, è satura di ipermercati. E la Sicilia?

“Tutta la Sicilia è satura, in verità. Ormai la grande distribuzione organizzata è presente in tutt’e nove le province dell’Isola. Palermo, Catania e Trapani, ad esempio, hanno fatto il pieno di ipermercati. Ora è arrivato il momento di dare spazio alla piccola e alla media distribuzione. Penso agli esercizi commerciali che si snodano su una superficie non superiore a mille metri quadrati. Dobbiamo dare la possibilità ai piccoli di migliorare le proprie attività”.

– Parliamo della situazione del commercio in Sicilia. Scenario generale.

“Si soffre. La disoccupazione avanza. Il dilagare delle attività commerciali, spesso, è un fatto patologico. Innesca l’autodistruzione. La liberalizzazione ‘selvaggia’ del settore non risolve i problemi. Semmai li accentua. La verità è che, prima di effettuare investimenti, bisogna ragionare sulla capacità recettiva della Sicilia. E’ un messaggio che vorremmo lanciare al presidente del Consiglio, Mario Monti. Certe enfatizzazioni creano aspettative sbagliate”.

– La vita delle aziende commerciali in Sicilia. Le nuove, soprattutto.

“E’ bassa: due anni in media. Difficile resistere all’attuale crisi. Anche se molti insistono”.

– Cioè?

“Cito un esempio. Una friggitoria in uno dei quartieri popolari di Palermo. Incassa, in media, trenta euro al giorno. Impossibile continuare. Eppure continua. E sa perché? Perché, mi ha detto il titolare, con trenta euro almeno mangio…”.

– Le banche.

“Questione complessa. Spesso sotto accusa perché non erogano prestiti. Mettiamoci dalla loro parte. A chi dovrebbero prestare il denaro? A chi è già indebitato? A un disoccupato chi dovrebbe fare credito? E perché? Dovrebbe intervenire la Regione. Potenziando il piccolo credito”.

– Fondi europei.

“Va male. Difendiamo il vecchio e non il nuovo. Perché la Regione siciliana non investe veramente nelle attività turistiche? Noi presentiamo tanti progetti. Tutti regolarmente bocciati”.

– Vi siete chiesti il perché?

“Certo. E ci siamo anche dati le risposte. In Sicilia la politica non vuole lo sviluppo. Preferisce tenere le ampie fasce popolari e i nuovi poveri nel bisogno. E’ il solito ricatto del consenso elettorale. Un disastro”.

– La Regione sta utilizzando un sacco di fondi europei per spettacoli. Parliamo del ‘Circuito del mito’. Che ne pensate?

“Che dobbiamo pensare? È un palliativo confezionato per gli amici di questo o quel politico di turno. Con ricadute sul territorio di quindici giorni, un mese al massimo. Quando le stesse risorse finanziarie, se utilizzate in iniziative strutturali, potrebbero avere ricadute economiche di otto-dieci anni”.

– Parliamo di Palermo. La Fiera del Mediterraneo non c’è più…

“E’ sparita la Fiera del Mediterraneo. E non c’ ancora un palazzo dei congressi. Due segni del fallimento della politica e dell’amministrazione di Palermo. La Fiera del Mediterraneo, bene o male, ha accompagnato il capoluogo della nostra isola per quasi sessant’anni. Andava migliorata. Ed era comunque un punto nel Mediterraneo. Invece oggi…”.

– Oggi c’è il deserto.

“L’ho detto e lo dico ai candidati a sindaco: Palermo ha bisogno di una Fiera grande tre volte quella del Mediterraneo. E di un palazzo dei congressi”.

– Dove potrebbe vedere la luce il palazzo dei congressi?’

“Hanno chiuso la Fiera del Mediterraneo. Bene, lo spazio libero c’è”.

Veramente lì si prevede una bella speculazione: hotel e altre cosette…

“Lo sappiamo. E mi sembra una follia. Così come è una follia non avere ancora realizzato un mercato generale di ortaggi, frutta e pesce. Se ne parla da dieci anni. Se ne parla e basta. Sono queste le vere scommesse di chi andrà ad amministrare Palermo nei prossimi anni”.

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

“la grande distribuzione organizzata? lo sappiamo, è un problema. Ma lo stiamo affrontando. Lavoriamo per salvaguardare le piccole e medie imprese commerciali. Abbiamo chiesto e ottenuto una clausola di salvaguardia. In parole più semplici, abbiamo raggiunto un accordo per non autorizzare l’apertura di altri ipermercati. A palermo e provincia siamo già alla saturazione”.

“la grande distribuzione organizzata? lo sappiamo, è un problema. Ma lo stiamo affrontando. Lavoriamo per salvaguardare le piccole e medie imprese commerciali. Abbiamo chiesto e ottenuto una clausola di salvaguardia. In parole più semplici, abbiamo raggiunto un accordo per non autorizzare l’apertura di altri ipermercati. A palermo e provincia siamo già alla saturazione”.

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]