Seconda fase del tram, a breve i primi sopralluoghi «Abbiamo imparato dagli errori delle prime linee»

Procede secondo la tabella di marcia del Comune l’iter per la progettazione e la realizzazione delle nuove linee tranviarie, che interesseranno gran parte della città e contribuiranno a costituire – con quelle già attive – un vero e proprio sistema di trasporto di superficie su ferro. Infatti, dopo l’aggiudicazione definitiva del bando relativo alle fasi successive di progettazione (studio di fattibilità tecnico-economico, progetto definitivo, oltre a direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza), come conferma il Rup dell’opera, l’ingegnere Marco Ciralli, è stata quasi ultimata la necessaria fase di verifica dei requisiti speciali richiesti per legge al gruppo vincitore, con l’ufficio Contratti del Comune pronto a dare il via libera. Perciò è ormai prossima la firma del contratto tra Palazzo delle Aquile e lo studio Cassata, capofila di un raggruppamento che include anche la Rpa di Perugia e la Technital di Verona.

«Le indagini preliminari – spiega Ruggero Cassata, titolare dello studio ingegneristico omonimo – sono quelle geognostiche, col georadar, ambientali. Per quello che ha previsto l’amministrazione comunale dovrebbero esaurirsi in un paio di mesi. Le risultanze delle indagini, che dovremo poi acquisire, saranno valutate per capire se contrastano con le nostre previsioni progettuali o se le confermano. Dopo di che il Comune, che ha già iniziato una sorta di dibattito telematico (visto che ha inviato il progetto a tutti gli enti interessati) sta acquisendo una serie di suggerimenti e consigli. Input che penso l’amministrazione ci chiederà di tener da conto nello sviluppo della definitiva progettazione di fattibilità». Dopo le indagini sulle interferenze, lungo tutti i percorsi ci saranno le conferenze di servizi con tutti gli enti interessati e quindi la gara d’appalto, con l’obiettivo del Comune di far partire i lavori entro la fine del 2019.

Il bando, lo ricordiamo, riguardava la progettazione preliminare di sette nuove linee, tre delle quali con priorità alta (le tratte “A” Balsamo-Croce Rossa, “B” stazione Notarbartolo-Libertà, e “C” Calatafimi-Orleans) interamente finanziate con 198 milioni di euro di fondi provenienti dal Patto per Palermo del 2016, e ha visto sfidarsi in forma anonima nove partecipanti (di cui quattro giunti alla selezione finale) in un iter lungo diversi mesi e gestito dalla piattaforma informatica Concorrimi. Gara che ha comportato per ogni concorrente uno sforzo notevole tra energie e professionalità. «Al progetto – sottolinea ancora Cassata – hanno partecipato tra i 50 e i 60 soggetti che hanno lavorato in una situazione assolutamente stressante ma coinvolgente, e che ha richiesto un impegno non indifferente». Alcune delle tavole del progetto vincitore sono state esposte ieri al deposito tram di Roccella nell’ambito di un laboratorio cittadino sulla mobilità sostenibile.

Il progetto del gruppo Cassata prevede alcune soluzioni innovative rispetto alla viabilità, comprese alcune opere accessorie quali diversi posteggi interrati, il ponte alle spalle della stazione Notarbartolo, un pesante restyling della rotonda di via Leonardo da Vinci e dello svincolo Basile, oltre alla pedonalizzazione della carreggiata centrale di via Libertà, di un pezzo di via Roma e via Marchese di Roccaforte. Soluzioni fortemente restrittive per l’attuale volume di traffico privato, che hanno fatto storcere il naso a qualche commentatore.La risposta di Cassata non si fa attendere. «Il nostro progetto è ispirato soprattutto dalla passione che ci deriva dall’essere anche cittadini palermitani – dice il progettista – perché avere vissuto in questa città e avere avuto esperienze lavorative diversificate, potendo viaggiare nel mondo, ci ha fatto acquisire una serie di know-how che abbiamo cercato di mettere a disposizione di Palermo. Non credo che sia un progetto utopistico, tante scelte sono anche abbastanza semplici: sono di grande effetto, ma non ritengo che siano delle scelte velleitarie. La strada dell’amministrazione comunale, che noi abbiamo sposato appieno, è quella che il tram di per sé è un elemento di riqualificazione forte, ma ancor di più il percorso che viene interessato dal passaggio dei convogli è stato arricchito con una serie di riqualificazioni urbane significative che non ritengo assolutamente utopistiche».

Una strada, quella della rigenerazione, che interesserà anche i tracciati tranviari esistenti, con correttivi quali lo spostamento di parte dei binari nella zona di via Leonardo da Vinci bassa e l’abolizione del Terminal Notarbartolo (sostituito da una fermata lungo l’asse del viale), con l’attestazione di varie linee al nuovo Terminal Giachery, dirimpettaio di quello che sarà il terzo deposito tram, negli spazi dell’ex stazione Sampolo. «Abbiamo imparato – conclude Cassata – dagli errori della fase costruttiva delle prime tre linee di tram, e per questo abbiamo previsto in tutti gli incroci tra binari più intersezioni (al contrario di quanto accade oggi, ad esempio, alla rotonda Einstein, dove manca il collegamento diretto tra il binario lato valle di viale Regione Siciliana e la parte alta di via Da Vinci, ndr), in modo tale da fornire più alternative di percorso al gestore del sistema tram e quindi consentendo di modulare meglio il servizio».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]