Scala dei Turchi, spuntano i cartelli proprietà privata Pensionato ne rivendica l’uso e chiede la recinzione

Di chi è la Scala dei Turchi? Secondo molti è patrimonio dell’umanità, secondo alcuni è del dottor Ferdinando Sciabbarrà, pensionato da Realmonte. Proprio oggi, colui che si professa proprietario della spiaggia ha apposto vari cartelli recanti la scritta «proprietà privata» su tutto il perimetro della scogliera bianca che, ogni anno, attrae migliaia di turisti e bagnanti da tutto il mondo. «Oggi i vigili si trovavano sul posto per un altro motivo: qualcuno voleva installare un gazebo sulla scala, forse per vendere gelati e granite, e nel frattempo si è verificato ciò che sappiamo». A parlare è il sindaco di Realmonte, fresco di elezione, Calogero Zicari. 

Ambulanti a parte, la Scala dei Turchi, già oggetto di una richiesta di investitura a patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco, è al centro di una contesa tra il pubblico e il privato che, da oggi, diventa aspra e molto intricata. Secondo il primo cittadino, Sciabbarrà rivendica il proprio diritto reale sulla scorta di una usucapione maturata, a sua volta, dal padre; e lo fa arrogandosi il dominio di tutta la porzione di litorale: «dal mare alla strada». Il privato – stando sempre alla ricostruzione di Zicari, eletto 70 giorni fa come indipendente di sinistra e con l’ausilio del Pd – aveva chiesto a tutte le autorità di riferimento l’autorizzazione a recintare l’area. Ma il comune di Realmonte, che si fregia (non si sa ancora per quanto) del titolo di Città della Scala dei Turchi, dal canto suo, si era già opposto con nota scritta. E adesso chiede la riperimetrazione. «Sul nostro ente – conclude il sindaco – grava tutto: dall’ordine pubblico alla pulizia, e non applichiamo nemmeno la tassa di soggiorno».

«Per capirci qualcosa», recita un post sulla pagina Facebook della delegazione agrigentina dell’associazione Mare Amico, che ha sollevato oggi il caso postando le foto con i cartelli. Ma la vicenda resta un giallo. Secondo alcuni, compreso il sindaco Zicari, ci sarebbe «un’intesa tra il sedicente proprietario della spiaggia e il responsabile, proprio, di Mare Amico per la gestione privatistica del bene». «Niente di tutto ciò – tuona il portavoce Claudio Lombardo – siamo un’associazione di carattere nazionale e la nostra unica soddisfazione è che finalmente si affronti pubblicamente l’argomento». Con quanti volontari? «Non ragioniamo in termini di volontari, ma di Facebook: siamo più di 7.500 sul social, contiamo centinaia di presenze alle manifestazioni e a Ferragosto, durante il servizio di vigilanza eravamo una trentina». 

Già un anno fa Mare Amico, con Lombardo in testa, aveva sollevato il problema della carenza di controllo e pulizia alla Scala, investendo della questione l’allora sindaco Puccio, il quale, a sua volta, durante una visita alla Regione «scoprì che la spiaggia è privata, ma il privato restava in silenzio perché aveva paura di incorrere in incidenti e, di conseguenza, responsabilità simili a quelle delle maccalube di Aragona», dove persero la vita due bambini. Adesso il nuovo sindaco, afferma Lombardo, «che è un tipo focoso, a mo’ di Masaniello, vuole riperimetrare. Ma il perimetro è disegnato dalla natura e poi, parliamoci chiaro, il primo cittadino non è in grado di gestire nemmeno un Ferragosto». Ci sarebbero un parere della Regione, tutto un incartamento del catasto e il decreto dell’Ufficio regionale del Demanio a sancire il diritto di proprietà privata. Ma su un suo possibile interesse di ottenere da Sciabbarrà, una volta che avrà fatto valere il proprio diritto, la gestione della scogliera, Lombardo ribadisce: «Non è così, noi abbiamo ipotizzato due modelli di gestione: uno pubblico-privato, ed uno totalmente privato. Inoltre è giusto pagare un ticket di tre euro per accedere alla spiaggia, in modo da contingentare le visite». 

E mentre l’afflusso alla Scala sta quasi superando quello alla Valle dei Templi, il presidente del circolo Agrigentino di Legambiente, Claudia Casa, afferma lapidaria: «È una vicenda ridicola: non riteniamo che ci siano motivi fondanti di proprietà privata; è una situazione analoga agli immobili abusivi della Valle dei Templi, e in più qui qualcuno sta soffiando sul fuoco ingenerando erronei convincimenti nel privato».  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una delle spiagge più famose della Sicilia rischia di essere chiusa e fruibile a pagamento. Ferdinando Sciabbarrà, sulla scorta di una usucapione maturata dal padre, vorrebbe recintarla. Ma è battaglia col Comune di Realmonte: «Ci occupiamo dell’ordine pubblico e della pulizia e non applichiamo nemmeno la tassa di soggiorno». Il ruolo dell'associazione Mare Amico

Una delle spiagge più famose della Sicilia rischia di essere chiusa e fruibile a pagamento. Ferdinando Sciabbarrà, sulla scorta di una usucapione maturata dal padre, vorrebbe recintarla. Ma è battaglia col Comune di Realmonte: «Ci occupiamo dell’ordine pubblico e della pulizia e non applichiamo nemmeno la tassa di soggiorno». Il ruolo dell'associazione Mare Amico

Una delle spiagge più famose della Sicilia rischia di essere chiusa e fruibile a pagamento. Ferdinando Sciabbarrà, sulla scorta di una usucapione maturata dal padre, vorrebbe recintarla. Ma è battaglia col Comune di Realmonte: «Ci occupiamo dell’ordine pubblico e della pulizia e non applichiamo nemmeno la tassa di soggiorno». Il ruolo dell'associazione Mare Amico

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]