Saponara, ancora in attesa tre anni dopo Restano gli sfollati, il fango e la rabbia

Era il 22 novembre del 2011 quando il fango ha inghiottito Saponara, Comune di tremila abitanti in provincia di Messina. Quella sera persero la vita in tre: Luca Vinci, Giuseppe e Luigi Valla. Oggi, a distanza di tre anni e mezzo, poco sembra essere cambiato. Per i 225 sfollati la vita non è mai ripresa normalmente: solo alcuni sono parzialmente rientrati nei propri appartamenti. E nonostante i fondi – col contagocce – e le gare di solidarietà, la messa in sicurezza è ancora lontana. «Siamo un po’ seccati, hanno fatto solo le indagini geognostiche in alcune zone, ma non in centro – racconta Mariella Puglisi del comitato cittadino Per la ricostruzione di Saponara – Stanno facendo i progetti, l’idea è di presentarli entro luglio e, prima che finisca l’estate, ci hanno detto che inizieranno i lavori. Ma prima avevano detto a giugno». Il sindaco avrebbe anche inviato una lettera al governatore regionale Rosario Crocetta per lamentare l’inerzia di Calogero Foti, a capo della Protezione civile, ente che dovrebbe gestire il risanamento della zona colpita dall’alluvione.

«Si è trattato di un caso anomalo, perché è un’area che ha ricevuto la manutenzione dei cittadini. Anche le inchieste della Procura hanno chiarito che ciò che si è verificato è legato all’eccezionalità dell’evento», spiega Bruno Manfrè della Protezione civile. «Le risorse a disposizione ammontano a 48 milioni di euro e, all’inizio, sono state date dalla Regione con il contagocce – continua – Di questi, i primi 20 milioni li abbiamo usati per procedere a lavori di somma urgenza, contributi e affitti». D’altronde, come spiega lui stesso, gli interventi dell’ente regionale servono a «ripristinare le condizioni minime». Ma per mettere in sicurezza la zona dove sono morte tre persone ci vorrà ancora tempo. E soldi. Persino i quasi 800mila euro raccolti con gli sms solidali sono stati spesi in ritardo, «perché pare che in un primo momento le compagnie telefoniche li volessero destinati a piazze o palazzetti con una targa che li ricordasse», racconta Puglisi.

I cittadini, intanto, attendono. «Qui sotto c’erano cinquant’anni di storia che è sfumata», racconta Salvatore Pino, titolare dell’omonimo bar, indicando le etichette di bottiglie pregiate ormai cancellate dal fango. Per i commercianti sono state previste poche agevolazioni. Tra cui la possibilità di un mutuo. «Io ne ho fatti due – racconta Pina, dal bancone del suo minimarket – Con uno ho sistemato il negozio, con l’altro ho pagato in parte il primo mutuo e il resto l’ho usato per vivere. Perché il solo lavoro non bastava più, abbiamo dovuto ricominciare tutto da capo». Tra chi si arrabbia e chi sospira, aleggia comunque la rassegnazione. Anche davanti al ricordo delle promesse e delle speranze di vedersi quanto meno annullare le tasse da pagare.

E non va meglio nelle case. «Io non posso ancora rientrare perché casa mia è nella zona rossa», spiega Puglisi. «Mia moglie, ogni volta che va in sala da pranzo, piange – racconta Giuseppe Bertino – Lo sa solo lei tutti i ricordi che teneva in quella vetrinetta e che ha perso». «La vita ti cambia per sempre», dice con un filo di voce Gianluca Ghezzi. Lui è tra quelli che hanno perso di più. Il piccolo Luca, «il figlio di mia moglie Piera – racconta con voce calma, ma che ancora si incrina al ricordo di quella sera e del vuoto che ha provocato – Quando il fango ha invaso la casa, ho infilato le mani lì in mezzo per aiutarli. La prima che ho trovato è stata Piera. Ma, quando ho tirato fuori Luca, ho capito che non c’era più». Oggi, della casa a due piani che ospitava la famiglia, non restano che lo scheletro abbandonato e le macchie di fango sul muro.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]