Santa Rosalia, sarà Leo Gullotta la voce narrante del Festino «Lei ha ancora molto da dirci, è memoria e futuro insieme»

«In questo momento in cui abbiamo bisogno di punti di riferimento guardiamo insieme a questa donna meravigliosa e santa, perchè ha ancora molto da dirci» dice l’arcivescovo Corrado Lorefice. «Come ogni anni siamo qui a fare memoria e a immaginare un futuro, cercando di cogliere con lei un segno dei tempi» aggiunge il sindaco Leoluca Orlando. Non serve nemmeno essere di Palermo per capire a chi si riferiscono Lorefice e Orlando. Lei è Rosalia: la santa, la santuzza, colei che salvò Palermo dalle peste del 1625 e alla quale ancora oggi in tanti, devoti e non (perchè a lei credono anche alcuni atei), guardano con fiducia e speranza. E il ricco programma del Festino di santa Rosalia, giunto alla 394esima edizione, è stato presentato questa mattina presso il Palazzo Arcivescovile. Per quella che, secondo il direttore artistico Lollo Franco – coadiuvato da Letizia Battaglia – rimane «la festa barocca più importante d’Europa, o almeno tra le prime cinque».

E di fronte alla santa non ci sono divisioni che tengano. Così sarà l’attore catanese Leo Gullotta a raccontare le fasi del Festino, e a cucire i vari momenti del grande spettacolo che come ogni anno si snoderà lungo il percorso che dal Piano di Palazzo Reale porta al Foro Italico. L’attore non è riuscito a essere presente ma ha voluto ugualmente intervenire telefonicamente, confermando di aver «accettato il ruolo con grande entusiasmo». Il tema di quest’edizione, che cade nell’anno delle Capitale della Cultura, è “Rosalia bambina”. Il motivo lo ha spiegato lo stesso primo cittadino. «Cercando di cogliere il segno dei tempi abbiamo immaginato questo tema, che si ricollega al messaggio Io sono persona che da tempo la città lancia. Penso ad esempio anche a chi in questa sala mostra le magliette rosse, per il genocidio dei migranti nel Mediterraneo e dove sono tanti i bambini che muoiono durante le traversate».

Il ricchissimo programma è interamente consultabile sul sito del Comune. Come ci ha tenuto a ribadire più volte Lollo Franco, «le celebrazioni non finiranno il 14 luglio, ma proseguiranno anche il 15». Sarà in ogni caso Leo Gullotta ad aprire il Festino, intorno alle 21 del 14 luglio, dal Piano di Palazzo Reale, accompagnando il pubblico, con la sua capacità recitativa e la sua inconfondibile voce, nella rappresentazione della vita della santa, patrona di Palermo. Il primo quadro avrà la coreografia di Luc Bouy e vedrà la partecipazione del coro delle voci bianche della fondazione Orchestra sinfonica Siciliana con la direzione musicale del maestro Giuseppe Mazzamuto. Il carro, allestito da un team di artiste professioniste, rappresenta un veliero con due alberi e saranno ben visibili i fiori simbolo di santa Rosalia, rosa e lilium, in un gioco di colori allegro e fiabesco dedicato alla fanciullezza. Al suo fianco, da Palazzo Reale ai Quattro Canti, la Kids Orchestra Band del Teatro Massimo, composta da ragazzi compresi tra gli 8 e i 15 anni.

Fra le sorprese dell’edizione 2018 c’è la presenza di Kitonb Project, compagnia di teatro estremo. Il loro spettacolo davanti alla Cattedrale, accompagnato da Leo Gullotta nei panni del diarista, simboleggerà la peste a Palermo e il miracolo del 1625 con un susseguirsi di effetti speciali che prima creeranno un’atmosfera inquietante per poi dare vita a un’esplosione di liberazione e gioia. Ancora emozioni ai Quattro Canti dove la compagnia catalana de La Fura dels Baus, celebre in tutto il mondo, racconterà la liberazione dalla peste con una performance di particolare suggestione, con effetti scenici e di luce mai visti e con la partecipazione di numerosi artisti volontari reclutati in città. Sempre ai Quattro Canti, come da tradizione, ci sarà l’omaggio floreale del sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Il finale, a Porta Felice, sarà gioioso, colorato e ricco di allegria. Non a caso i protagonisti saranno piccoli danzatori con la performance di un Angelo a cura di Kitonb Project. Il Carro poi raggiungerà il Foro Italico dove la festa si concluderà con i tradizionali giochi d’artificio.

Molto ricco di eventi e di spunti culturali anche il programma della manifestazioni che animeranno la città dal 10 al 13 luglio tra Piazza Pretoria, Piazza Marina, Piazza Bologni, Piazza Monte di Pietà, la Cattedrale e Palazzo Sant’Elia (che ospiterà la mostra fotografica “Per amore di Rosalia”). La formale inaugurazione del 394esimo Festino avverrà a Piazza Pretoria il 10 luglio alle 18.30 con il saluto istituzionale delle autorità a cui farà seguito il ballo dei Giganti di Mistretta e la sfilata che si concluderà davanti alla Cattedrale.

Tra gli spettacoli più importanti per il suo elevato valore sociale c’è Rosalia è Palermo, messo in scena il 12 e 13 luglio, alle 21 a Piazza Monte di Pietà, dalla Compagnia Teatrale dei detenuti – attori del carcere Ucciardone, diretta da Lollo Franco («io non li chiamo detenuti, per me sono attori e basta»), con la partecipazione della piccola Marialisa Pagano nel ruolo di Rosalia. Di particolare rilevanza il Festinello – Il Carro di Santa Rosalia dei bambini che sfilerà l’11 luglio alle 18.30 dalla Cattedrale con le piccole Rosalia dei quattro mandamenti – Palazzo Reale, Monte di Pietà, Castellammare e Tribunali – e di alcune comunità straniere residenti in città: Mauritius, Bangladesh, Filippine, Ghana. Il corteo sarà accompagnato anche in questo caso dalla Kids Orchestra Band del Teatro Massimo. La ricerca dei testi e la consulenza storica è stata affidata a Ignazio Buttitta.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]