Da San Cristoforo al red carpet di Los Angeles: abiti con scarti di arance e cuciti dalle sartorie sociali di Catania

Dal cuore del quartiere San Cristoforo di Catania al red carpet di Los Angeles. Sono storie di fili in comune che si intrecciano insieme quelle che hanno portato un abito e un gilet realizzati dalle sartorie sociali catanesi Midulla e Moda Operandi a sfilare sul tappeto rosso delle celebrità di Hollywood. A indossarli sono stati Seydou Sarr, il protagonista del film di Matteo Garrone candidato agli Oscar Io Capitano, e l’attivista e influencer – anche lei senegalese – Aida Diouf Mbengue.

«Se ci fermiamo un attimo a pensare – confida a MeridioNews la fondatrice del progetto Midulla San Cristoforo Amelia Alessia Cristaldi – ancora non ci sembra vero, eppure è accaduto». E a creare l’intreccio sono state le materie prime di Orange fiber, l’azienda – anch’essa catanese – che realizza tessuti pregiati dagli scarti delle arance. Sottoprodotti degli agrumi che hanno ispirato la stilista di moda sostenibile italo-americana Sandy Poole che ha disegnato sia il vestito che il gilet. E che da qui è partita per un progetto che prenderà la forma di un documentario dal titolo Commonthreadstories, che si traduce proprio con Storie di un filo comune.

«Sono abiti che diventano manifesti», aggiunge Cristaldi che nella sartoria sociale di via Zuccarelli, oramai da anni, offre formazione al lavoro alle donne del quartiere San Cristoforo, a Catania. Tra queste c’è anche Adele: abitante dello storico e complesso rione, madre di quattro figli, che si è formata alla sartoria sociale Midulla. Oggi lavora per Orange fiber e sono sue le mani che hanno preparato le campionature dei tessuti sostenibili. Insieme a quelle delle donne migranti sopravvissute alla tratta che vengono accolte e formate alla sartoria sociale Moda Operandi. Due realtà che hanno attirato Sandy Poole, la regista e stilista nata a Milano e cresciuta a Los Angeles che, però, ha anche sangue siculo. Originario dell’Isola era infatti il nonno materno, partito da autodidatta da Balestrate (in provincia di Palermo). «Volevo che i drappeggi e le pieghe dell’abito seguissero la forma del corpo di Aida come un’onda che la investe – ha detto la stilista – Dovevano sembrare organici e spontanei, come se si fossero formati da soli senza alcun intervento».

Un obiettivo centrato con l’abito e il gilet, realizzati con un tessuto tessuto da Taborelli (mulino sostenibile con sede a Como che tesse per marchi di lusso), cento per cento sostenibile perché ricavato dagli scarti delle arance. Un materiale innovativo dell’artigianato del settore tessile che sarà al centro anche della prima stagione della docuserie di Poole, intitolata Common Thread, il cui trailer sarà proiettato in anteprima ad aprile. Una serie di viaggi al femminile, di cui sarà protagonista Aida Diouf Mbengue (che conta 2 milioni di follower sui social), che esplora l’umanità, le tradizioni e la sostenibilità attraverso la lente del tessile e dell’artigianato. La prima stagione sarà tutta dedicata alla Sicilia, alla sua storica fama per la produzione della seta e alla politica dei rifiuti legata alle ecomafie. Un percorso che si snoda tra artigiani locali di talento che forniscono soluzioni sostenibili. «I tessuti sono un potente legame con il passato – conclude la regista – intrecciato alla cultura, alle tradizioni e alla narrazione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal cuore del quartiere San Cristoforo di Catania al red carpet di Los Angeles. Sono storie di fili in comune che si intrecciano insieme quelle che hanno portato un abito e un gilet realizzati dalle sartorie sociali catanesi Midulla e Moda Operandi a sfilare sul tappeto rosso delle celebrità di Hollywood. A indossarli sono stati […]

Dal cuore del quartiere San Cristoforo di Catania al red carpet di Los Angeles. Sono storie di fili in comune che si intrecciano insieme quelle che hanno portato un abito e un gilet realizzati dalle sartorie sociali catanesi Midulla e Moda Operandi a sfilare sul tappeto rosso delle celebrità di Hollywood. A indossarli sono stati […]

Dal cuore del quartiere San Cristoforo di Catania al red carpet di Los Angeles. Sono storie di fili in comune che si intrecciano insieme quelle che hanno portato un abito e un gilet realizzati dalle sartorie sociali catanesi Midulla e Moda Operandi a sfilare sul tappeto rosso delle celebrità di Hollywood. A indossarli sono stati […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]