Riserva Cavagrande, vietato accesso ai laghetti Il sindaco: «Come mettere in sicurezza Dolomiti»

Nuovi cartelli ben visibili, scritti sia in italiano che in inglese, ricorderanno ai visitatori della riserva naturale orientata di Cavagrande del Cassibile che è vietata la balneazione nei laghetti e che ogni infrazione sarà punita con una sanzione amministrativa.

Dopo un incendio di vaste proporzioni, scoppiato il 25 giugno del 2014, che distrusse migliaia di ettari di flora, fu emanata una ordinanza che vietava l’accesso al canyon attraverso l’ingresso principale, il sentiero Scala Cruci. «Il divieto di balneazione – spiega a Meridionews Nunzio Caruso, dirigente dell’azienda foreste demaniali di Siracusa – in realtà c’è sempre stato, anche in condizioni di normalità, per regolamento, perché si tratta di acque interne a una riserva naturale. È vero anche che la gente ne ha sempre fatto un uso improprio a causa di chi, pur essendone preposto, non ha esercitato i controlli. Adesso, però, – ha precisato Caruso – dopo il sopralluogo di venerdì scorso per il lavoro di messa in sicurezza di chilometri di costone roccioso che insistono sull’area dei laghetti, fatto insieme al dipartimento tecnico della regione Sicilia e ai vertici del Genio Civile di Siracusa, questi controlli saranno intensificati».

È vero però che un’indagine approfondita delle pareti del canyon non è ancora stata fatta «perché ci vogliono degli ingenti finanziamenti ma, nel frattempo, ho pensato – aggiunge Caruso – di fare una indagine con l’ausilio di un drone che però non è ancora partita a causa di un vento implacabile». Luca Cannata, primo cittadino di Avola, uno dei tre comuni interessati dai quasi tremila ettari di riserva, si chiede se «nelle Dolomiti sia possibile mettere in sicurezza la montagna. Qui il problema – sottolinea Cannata – è che da due anni non è stato avviato alcun progetto di intervento per la messa in sicurezza dell’area in questione e non si ha nemmeno un’ipotetica data della riapertura completa di Cavagrande. E questa situazione di inerzia e di immobilismo è dovuta solo all’inadeguatezza di chi dovrebbe gestire la riserva».

Fra il sindaco Cannata e il dirigente provinciale della forestale Caruso i toni sono, da tempo, accesi. «Se vengono giù dei massi, succede una strage e se muore qualcuno all’interno della riserva, la responsabilità è mia e non del sindaco – replica Caruso – e bisogna anche tenere conto del fatto che l’area dei laghetti è quella più ad alto rischio sismico di tutta la Sicilia». In passato, per scendere all’interno del canyon, era necessario firmare un’assunzione di responsabilità per accettare tutti i rischi «derivanti dalla natura dei luoghi tale da non escludere naturali e imprevedibili smottamenti, frane e cadute massi».

Intanto, in questi anni post-incendio, l’azienda foreste demaniali ha usato alcuni finanziamenti per curare i lavori di ricostruzione di un immobile, le cosiddette Case di Natala, che sono raggiungibili percorrendo i sentieri tuttora aperti e che si trovano a 95 metri dai laghetti, ovvero a pochi passi dalla zona dichiarata off-limits. «Dichiarata da chi? – si chiede il primo cittadino di Avola – Da chi è stato accertato questo problema di sicurezza? Dove sono le documentazioni che certificano lo stato dei luoghi? E se questo rischio fosse reale, perché c’è la possibilità di accesso da quei due sentieri?».

Attualmente agli oltre 1.500 visitatori quotidiani che, specie nella stagione estiva, vogliono godere della riserva naturale è possibile accedere soltanto attraverso due sentieri, quello di Mastra Ronna e quello di Carrubella. Molti sono i dubbi fra i cittadini, le associazioni ambientaliste e la giunta che hanno a cuore le sorti di questo inestimabile patrimonio naturale. «Alla luce di come stanno andando le cose, dall’indomani dell’incendio – dichiara il sindaco – l’impressione è che non si aspettasse altro per chiudere il canyon. A questo punto pensiamo che ci siano degli interessi dietro e cercheremo di approfondire la questione, chiedendo anche l’intervento di autorità competenti, per comprendere le reali motivazioni di questa ingiustificabile decisione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]