Wikimedia

Rincari ai biglietti dei treni dopo che la Regione aveva annunciato riduzioni. «Errore di comunicazione?»

Cinquanta centesimi in più da aggiungere a un biglietto che di suo costava già 10,60 euro. Si tratta di una delle sorprese che hanno trovato con il nuovo anno i pendolari siciliani che utilizzano il treno per spostarsi da un lato all’altro dell’Isola. Un rincaro, pari al 5 per cento, che riguarda biglietti e abbonamenti in tutte le tratte gestite da Trenitalia. «Controllo con attenzione il prezzo del biglietto a ogni inizio anno. Lo faccio perché coincide con il periodo in cui normalmente si registrano sempre degli aumenti», racconta a MeridioNews un pendolare che viaggia sulla tratta Caltanissetta-Catania, con il biglietto che ha quindi superato gli 11 euro. «Tra l’altro penso che sia davvero eccessivo, senza considerare i costi, dovere impiegare 2 ore e trenta minuti per coprire i 100 chilometri di questo percorso». Dietro quello che può sembrare uno dei tanti aumenti si nasconde in realtà più di un nodo. Il primo è a livello comunicativo e rimanda a una nota ufficiale della Regione datata 21 dicembre 2023. A pochi giorni dalla fine dell’anno il presidente Renato Schifani e l’assessore alla Infrastrutture Alessandro Aricò annunciavano la firma del nuovo contratto di servizio con Trenitialia. Sigla sui documenti che sarebbe coincisa non solo con un’offerta migliore, in termini di servizi, ma anche con delle novità per il costo dei biglietti che «subirà una riduzione del 5 per cento e resterà invariato per i prossimi 4 anni», spiegavano nella nota.

La Regione annunciava costi minori ma a conti fatti da gennaio sono scattati gli aumenti per biglietti e abbonamenti. Com’è possibile? Per provare a trovare una risposta bisogna fare riferimento ai contratti di servizio. Quello nuovo, con scadenza 2033, avrebbe dovuto mettere definitivamente in archivio il vecchio datato 2017-2026. Lo stesso che prevedeva un aumento, da gennaio 2024, del 10 per cento per i biglietti e gli abbonamenti. «La domanda ci sorge spontanea – spiega a MeridioNews Giosuè Malaponti, presidente del Comitato pendolari siciliani – se l’aumento del 10 per cento era previsto da gennaio 2024 nel vecchio contratto, che cessa di esistere il 31 dicembre 2023, come mai viene riportato, decurtato ed inserito nel sottoscrivendo contratto di servizio 2024-2033?».

«Non è stato spiegato che quel cinque per cento era comunque un aumento», inferiore rispetto al 10 per cento inizialmente previsto, ma di un rincaro si tratta. «Non ho idea se possa trattarsi di un errore di comunicazione in stile Ferragnez da parte della Regione», aggiunge il presidente. Sui biglietti c’è anche la questione legata alla finanziaria del 2023. «In merito alle nostre pressanti richieste la Regione aveva istituito un capitolo nella finanziaria 2023 con risorse per 3,6 milioni di euro finalizzati alla sterilizzazione dell’aumento dei biglietti e degli abbonamenti del 10 per cento non dovuto per l’anno 2023. Che fine hanno fatto i 3,6 milioni di euro considerato che non è stato azzerato l’aumento di biglietti e abbonamenti non dovuto per l’anno 2023?».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]