Rifiuti, secondo vertice per il piano straordinario M5S attacca: «È finita la campagna elettorale»

Dopo il primo incontro di ieri, servito per dettare le linee generali del piano straordinario della pulizia della città, oggi il presidente della Rap Roberto Dolce e il sindaco Leoluca Orlando, insieme all’assessore alle aziende partecipate Jolanda Riolo, si vedranno di nuovo per stilare il percorso dettagliato da effettuare in città. Nel frattempo la Rap ha già avviato il monitoraggio dei rifiuti ingombranti che invadono le zone in cui insistono le scuole cittadine, al quale stanno lavorando tutte le aree aziendali. L’azione consiste in un censimento delle scuole per ogni circoscrizione del territorio cittadino con la relativa registrazione dei rifiuti ingombranti presenti per effettuare, in un secondo momento, lo sgombero. Un provvedimento, quest’ultimo, che si è reso necessario dopo l’aumento dei casi di abbandono verificatosi durante i mesi estivi.

L’amministrazione ha inserito il piano straordinario tra gli interventi da realizzare a ottobre, pianificandolo durante la riunione straordinaria di giunta che era stata convocata domenica scorsa Villa Niscemi. Il primo cittadino, infatti, ha dato un mese di tempo alla Rap per ripulire la città dai rifiuti, termine che vale anche per altre incombenze degli organi istituzionali: l’approvazione del bilancio e la nomina dei nuovi vertici delle partecipate. La lente d’ingrandimento della giunta si concentrerà proprio sulla Rap e sull’emergenza rifiuti che ha colpito Palermo in queste settimane, con le strade che sono tornate ad accumulare immondizia.

E non sono mancati i commenti dalle varie forze politiche rappresentate in consiglio comunale all’annuncio del piano straordinario da parte del sindaco. Per Giusto Catania, capogruppo di Sinistra Comune a Sala delle Lapidi, occorre operare rivedendo il contratto di servizio che la Rap ha siglato con l’amministrazione comunale: «L’esito della giunta politica lascia ben sperare affinché ricominci un’attività puntuale a tutela della vivibilità della città – ha scritto in una nota l’ex assessore – che, in questi ultimi mesi, ha assistito ad un inesorabile degrado a causa di una cattiva gestione dei servizi pubblici». L’esponente di Rifondazione Comunista ritiene che «la questione vada affrontata alla radice poiché il servizio di raccolta rifiuti, lo spazzamento e la raccolta differenziata non sono adeguati alle esigenze della città. C’è la necessità – conclude Catania – che la questione venga affrontata in modo radicale, rivedendo il contratto di servizio che lega il Comune all’azienda Rap».

Di tono decisamente più critico il commento di Antonino Randazzo, consigliere comunale in quota al Movimento 5 Stelle: «Con il piano straordinario si andranno a mettere delle pezze. Durante la campagna elettorale per le elezioni amministrative c’erano stati degli interventi straordinari dei quali ci eravamo accorti tutti. La città era migliorata, ci eravamo illusi che fossero interventi ordinari. In realtà la situazione è tornata critica. La città è devastata da innumerevoli discariche abusive, rifiuti ingombranti. La mia critica – continua Randazzo – si lega ai piani straordinari, prima di intervenire si arriva con l’acqua alla gola. Non ci sono interventi strutturali, un piano di investimenti che miri a rendere la situazione ordinaria». Proprio oggi il consigliere comunale di opposizione, che è esperto in gestione del ciclo dei rifiuti, ha ribadito con un post su facebook le proposte dei pentastellati per questo settore: l’istituzione della figura degli ispettori ambientali, con la preventiva approvazione del regolamento comunale che ne preveda compiti e responsabilità; la realizzazione delle isole ecologiche adeguatamente dislocate a servizio di tutte le circoscrizioni; la previsione di centri di riuso e riparazione per dare una ‘seconda vita’ agli oggetti, la creazione di iniziative e di un sito comunale per gli eco-scambi (scambio o vendita di beni usati) e il baratto e la videosorveglianza e fototrappole per incastrare gli incivili.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]