Riapre in corso Sicilia la sede del Movimento sociale  La affitta Fratelli d’Italia, era chiusa dai tempi del Pdl

Si respira nostalgia già dal piano di sotto. Chi sale le scale di Palazzo Beneventano per tornare a varcare la soglia della vecchia sede cittadina di Movimento sociale italiano e Alleanza nazionale quasi si commuove già qualche rampa prima, passando davanti alla porta d’ingresso della segreteria dell’indimenticato Benito Paolone. Dove tutto è rimasto com’era, compresi gli adesivi dell’ultima avventura da candidato alle Comunali di Catania, nel 2008, quando c’era già il Popolo della libertà. Al secondo piano, invece, le pareti imbiancate e i soffitti tirati a lucido dovrebbero segnare l’inizio di una nuova storia per la casa di sempre di missini e post-missini, riaperta dopo anni per diventare la sede dell’odierna reincarnazione della destra – il partito Fratelli d’Italia – che ambisce a diventare grande e forte come la destra del passato. Ma, all’ordine del giorno, per il gruppo di militanti che si è radunato in corso Sicilia a Catania, c’è un’altra speranza con maggiore priorità: che Nello Musumeci possa farcela, diventando così il primo presidente proveniente dalla destra nella storia della Regione Siciliana.

Non c’era quindi momento migliore del periodo elettorale per tagliare il nastro di un luogo del cuore per tanti esponenti e militanti catanesi. L’appartamento barocco che ospiterà le attività locali del partito di Giorgia Meloni rivede la luce dopo che, da quasi dieci anni, era stato di fatto abbandonato. Anche questo può considerarsi uno degli effetti collaterali della travagliata storia del Popolo della Libertà: quando An si scioglie formalmente, dopo la fusione con Forza Italia, i beni del partito erede dell’Msi – la cui fiamma tricolore ancora troneggia, di nuovo illuminata, sul balcone di corso Sicilia – sono confluiti nel patrimonio della Fondazione Alleanza Nazionale, oggi proprietaria della sede catanese. 

Adesso la locale pattuglia di meloniani ha preso in affitto l’immobile, impegnandosi anche a ristrutturarlo. Accordo arrivato sia perché gli equilibri nel cda della fondazione – dove tutte le anime della vecchia An sono rappresentate – da qualche tempo sorridono di più a FdI, sia perché favorito da un partito che mantiene un trend di costante rafforzamento, sebbene le percentuali restino ancora lontanissime da quelle post svolta di Fiuggi. Anche sulle pareti, intanto, compaiono i concetti che la leader del partito tocca nel suo discorso a Catania: «La destra è un’idea, una visione del mondo che pre-esiste ai partiti, esula dai programmi e attraversa le generazioni». «Questa dovrà essere la dimora di tutti quelli che cercano valori di riferimento – scandisce Meloni – quei valori che in Italia non possono mancare».

Il buono stato di salute della destra italiana e siciliana potrebbe anche essere sancito dal ritorno al governo, almeno in Sicilia, in prima persona. «Abbiamo preso un impegno con lui – spiega infine Giorgia Meloni, rivolgendosi proprio a Musumeci che le sta accanto – di dargli un gruppo di deputati che rimarranno dalla stessa parte dall’inizio alla fine della legislatura, per questo abbiamo concordato con Musumeci un esponente di Fratelli d’Italia nella futura giunta». Affinché ciò si realizzi non basterà la riorganizzazione della destra sul territorio: servirà prima di tutto che la lista Nello Musumeci presidente, assemblata assieme al movimento Noi con Salvini, raggiunga il 5 per cento dei consensi alle elezioni del 5 novembre, riuscendo così ad eleggere propri rappresentanti all’Assemblea regionale siciliana. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]