Respiro, il progetto per gli orfani speciali di femminicidio «Le vittime sono anche i figli e chi si prende cura di loro»

«Vittime di femminicidio non sono solo le donne che vengono uccise ma anche i loro figli che restano orfani e noi nonni che proviamo a prendercene cura, troppo spesso sentendoci soli». Lo ripete da sempre Vera Squadrito, la mamma di Giordana Di Stefano, la 20enne uccisa con oltre 40 coltellate nell’ottobre del 2015 nelle campagne di Nicolosi (nel Catanese) dall’ex fidanzato Luca Priolo che è stato condannato a trent’anni. Con il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile è nato il progetto Respiro che coinvolge il Sud (Campania, Calabria, Basilicata, Puglia) e le Isole. L’obiettivo è quello di farsi carico della formazione e dell’inclusione socio-lavorativa degli orfani speciali, di sostenere le famiglie affidatarie e i caregivers e di creare o potenziare la rete delle realtà che si occupano del tema. 

In Sicilia i partner del progetto sono il Centro famiglieil centro antiviolenza Thamaia di Catania. «Si tratta di una sperimentazione pionieristica che mira a creare una rete per prendersi carico degli orfani speciali – spiega a MeridioNews Anna Agosta, la presidente di Thamaia – Spesso, una volta che si sono spente le luci dei riflettori della ribalta mediatica sul caso di femminicidio, anche i figli diventano invisibili. Questa iniziativa è di fondamentale importanza anche perché – aggiunge Agosta – si inserisce nel nostro lavoro di contrasto alla violenza maschile sulle donne». Il progetto è stato selezionato da Con i bambini perché, come ha spiegato il presidente dell’impresa sociale Marco Rossi-Doria durante l’evento online di presentazione, «quello dei bambini e dei ragazzi che hanno avuto la mamma uccisa, spesso davanti ai propri occhi, da un padre che poi si è ammazzato o dovrà affrontare una lunga pena detentiva, è un argomento così tragico che si pensa di non riuscire a intervenire». 

E invece qualcosa si può fare, anche pensando a chi resta a prendersi cura degli orfani e alla formazione di intere comunità locali. Il progetto Respiro prevede, infatti, la costituzione di équipe regionali di emergenza per gli aspetti psicologici, sociali ed educativi da mettere in campo attraverso 50 protocolli di intesa con enti pubblici e del terzo settore nei vari territori delle regioni coinvolte. Non solo riparazione, ma anche prevenzione con i 450 laboratori da attivare nelle scuole: sulla capacità di chiedere aiuto in situazioni di difficoltà per i bambini e sugli stereotipi di genere per gli adolescenti, oltre a quelli per formare i docenti. Un progetto per cui sono stati messi in campo risorse per un totale di tre milioni e 300mila euro in quattro anni. «È importante utilizzare fondi pubblici per questi fini – ha sottolineato l’onorevole Paolo Siani, vicepresidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza che è anche un pediatra – Sappiamo che un bambino maltrattato o che assiste alle violenze ha molta più probabilità di altri di diventare un adulto maltrattante». 

Una criticità condivisa pure dalla senatrice Valeria Valente, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sui femminicidi. «Dobbiamo prenderci carico della sofferenza di oggi che, altrimenti, rischia di moltiplicarsi. In questa direzione va la legge (4/2018), approvata ormai quasi quattro anni fa, che tutela “gli orfani a causa di crimini domestici”. Ad oggi, però – ammette la senatrice – di questa norma ci sono ancora aspetti che non funzionano bene a partire dalle procedure e dalle burocrazie che hanno tempi biblici». Che i bambini e i ragazzi rimasti senza entrambi i genitori non possono aspettare. Come ha testimoniato Vera Squadrito che, da quando la figlia è stata ammazzata dall’ex fidanzato sette anni fa, si prende cura della nipotina Asia e, insieme ad altre persone nella sua condizione ha fondato l’associazione Sorelle di sangue«Sono la voce di tante nonne che hanno dovuto seppellire una figlia e a cui sono stati affidati i nipoti. E il contesto – ha raccontato Squadrito – spesso demoralizza, fa paura e ci fa sentire soli nel buio». In base all’esperienza vissuta in prima persona, la donna ha sottolineato quanto sarebbe importante «la figura di un tutor che ci assista per relazionarci con il tribunale dei minori e con gli assistenti sociali». Non solo questioni burocratiche ma «anche per avere un sopporto per aiutare i ragazzi a superare il trauma che ha devastato la loro vita ma di fronte a cui non si possono arrendere». 

Ed è il caso di Giuseppe Delmonte. Il figlio di Olga Granà, la donna uccisa dal marito con sette colpi di ascia ad Albizzate nel Varesotto (in Lombardia) nell’estate del 1997 quando lui era appena diventato maggiorenne. Durante l’incontro, si è collegato dal corridoio fuori dalla sala operatoria dell’ospedale in cui lavora. «Oggi ho 45 anni e posso dire che il mio lavoro mi ha salvato perché io, al contrario di mio padre, le vite contribuisco a salvarle», ha detto Delmonte ricostruendo il suo percorso che non è stato semplice. «L’orfano diventa tale l’indomani e non può aspettare anni per la presa in carico sia dal punto di vita psicologico che economico – ha sottolineato – Ma servono interventi immediati per non rischiare che le vite sprecate siano più di quella che è finita per mano dell’assassino». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]