Residenza Scuderi, studenti al contrattacco «Facciamo rete contro gli sprechi»

«Non sarà uno sgombero a fermarci. L’impegno intrapreso dal collettivo Aleph e da quanti vorranno sostenerlo parte proprio da qua. Continueremo ad incontrarci e a seguire la linea di denuncia degli sprechi dell’Università, ma non solo. Sono tanti i beni pubblici abbandonati a Catania», dice una studentessa (che vuole restare anonima) tra i promotori dell’occupazione della residenza universitaria di via Carrata, sgomberata dall’Università – appena ventiquattro ore dopo l’ingresso dei ragazzi – ieri pomeriggio.

«L’edificio non è agibile, quindi non possiamo permettere che voi restiate qua». Sarebbe questa la motivazione addetta dall’ingegnere dell’Ufficio tecnico Mario Cullurà ai ragazzi del collettivo Aleph, alla presenza del direttore amministrativo Lucio Maggio (non insensibile alla questione sicurezza all’interno dell’Ateneo, come i lettori che ci seguono da tempo ricorderanno). La residenza Scuderi – ribattezzata dagli occupanti Centro sociale occupato autogestito Ziqqurat – è però ristrutturata e arredata di tutto punto, come mostrano le immagini del video pubblicato da Ctzen. Armadi, sedie e tavoli nuovi di zecca. Ma anche servizi igenici, l’impianto elettrico, il riscaldamento e persino un televisore a schermo piatto in quella che sarebbe dovuta essere l’aula studio degli studenti. Uno spreco, come denunciato qualche settimana fa dal Movimento studentesco di Catania che parla di 6 milioni di euro spesi per ristrutturare l’edificio, la residenza di via Etnea e quella di via Oberdan, l’unica attualmente aperta. Perché spendere tanti soldi per ristrutturare degli immobili con problemi strutturali e quindi inagibili? Questo è quanto domandano gli studenti. Al Movimento studentesco, però, da parte dell’Ateneo non è mai arrivata risposta.

Ecco perché i promotori dell’occupazione non hanno alcuna intenzione di fermarsi. «Abbiamo voluto metterci in gioco e fare quello che andava fatto. Riprenderci uno spazio che ci è stato negato ma che appartiene a noi studenti». Un’assemblea partecipata, nonostante il freddo pungente e la pioggia, si è svolta ieri sera in via Oberdan, davanti all’edificio sgomberato. E ha messo in evidenza un dato di fatto. Dopo l’occupazione e il repentino sgombero della residenza universitaria, molti altri gruppi attivi in città sul fronte della riappropriazione dei beni pubblici abbandonatiMovimento studentesco, Cpo Experia, Arci, Teatro Coppola, Officina Rebelde –  si sono mostrati solidali all’iniziativa del neonato collettivo studentesco. Nonostante i progetti dei ragazzi sulle possibili attività da fare sfruttando lo spazio Ziqqurat siano per il momento andati in fumo, «l’attenzione sugli spazi abbandonati in città si è riaccesa e questo sgombero potrebbe essere l’inizio di una collaborazione tra le diverse realtà sensibili al tema, che fino ad ora hanno lavorato separate», commenta un occupante.

D’altronde il nome del collettivo parla da sè.  «L’Aleph?è considerato da molti critici un punto di partenza. Il luogo che contiene tutti i punti, il luogo nel quale si trovano senza confondersi tutti i luoghi della terra visti da ogni angolazione», spiegano i ragazzi. Ed è quello che si propongono di fare, partendo dalle realtà a loro vicine.

Un’occasione per fare rete e guardare a tutti quei beni dimenticati a Catania. E lavorare affinché vengano rivalutati, insieme e per tutti. E’ stata questa, infatti, la conclusione dell’assemblea. E il punto di discussione del prossimo appuntamento, fissato per martedì 10 gennaio nei locali dell’Officina Rebelde.


Dalla stessa categoria

I più letti

Un'occupazione lampo, quella degli studenti nei locali universitari di via Carrata. Lo sgombero dell'Ateneo - il pomeriggio del 6 gennaio - è arrivato appena ventiquattro ore dopo. Ma i membri del collettivo Aleph non si fermano e, con la solidarietà degli altri gruppi cittadini attivi sul fronte della riappropriazione dei beni pubblici, intendono proseguire sul fronte della denuncia e della mobilitazione

Un'occupazione lampo, quella degli studenti nei locali universitari di via Carrata. Lo sgombero dell'Ateneo - il pomeriggio del 6 gennaio - è arrivato appena ventiquattro ore dopo. Ma i membri del collettivo Aleph non si fermano e, con la solidarietà degli altri gruppi cittadini attivi sul fronte della riappropriazione dei beni pubblici, intendono proseguire sul fronte della denuncia e della mobilitazione

Un'occupazione lampo, quella degli studenti nei locali universitari di via Carrata. Lo sgombero dell'Ateneo - il pomeriggio del 6 gennaio - è arrivato appena ventiquattro ore dopo. Ma i membri del collettivo Aleph non si fermano e, con la solidarietà degli altri gruppi cittadini attivi sul fronte della riappropriazione dei beni pubblici, intendono proseguire sul fronte della denuncia e della mobilitazione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]