Renzi a Messina firma il Patto per lo sviluppo Acquedotto, due svincoli e porto di Tremestieri

Dopo aver trascorso la giornata tra Palermo e Trapani, il premier Matteo Renzi ha proseguito il suo tour siciliano toccando Taormina e Messina. Nella Perla dello Jonio il premier ha svolto un sopralluogo in vista del G7 presentando il logo che accompagnerà d’ora in avanti l’importante evento internazionale. Si tratta di un disegno stilizzato che riproduce i contorni del celebre Teatro Greco.

Dietro la scelta di organizzare l’incontro tra le sette nazioni più potenti al mondo c’è un retroscena, svelato dallo stesso Renzi nel corso della mattinata. «Inizialmente il G7 doveva essere organizzato in Toscana – ha spiegato – ma quando un vertice internazionale ha detto che la Sicilia è terra di mafia ho cambiato subito idea. La Sicilia impartisce lezioni di cultura da secoli e il suo lato più bello dev’essere mostrato al mondo intero. Taormina riceverà un’immagine pazzesca a livello internazionale».

Renzi ha poi raggiunto Messina per l’attesa firma del Patto per lo Sviluppo. Grazie al Masterplan la nuova Città Metropolitana presieduta dal sindaco Renato Accorinti riceverà 332 milioni di euro per finanziare importanti progetti. La cerimonia si è tenuta nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università peloritana.

Dopo il saluto del rettore Pietro Navarra e del sindaco Accorinti, è stato il turno di Renzi. Un discorso a largo raggio il suo, ma chi si aspettava un riferimento al Ponte sullo Stretto è rimasto deluso. Il premier ha più volte ribadito la volontà di costruire l’opera, ma nella città in cui dovrebbe sorgere ha preferito virare su argomenti di carattere generale. Una scelta, forse, ben ponderata per evitare inutili incidenti istituzionali.

Renzi ha dunque parlato di lotta alla mafia e dell’importanza del ruolo dei sindaci a servizio del bene comune. Spazio poi all’accoglienza dei migranti per la quale il governo destinerà maggiori risorse ai Comuni più virtuosi. «Applichiamo un principio di giustizia e solidarietà – ha spiegato -. La Sicilia ha gestito un’emergenza e non possiamo far finta di nulla».

Il primo ministro è poi sceso nello specifico elencando i progetti che verranno finanziati con i 332 milioni di euro messi a disposizione della città metropolitana dal Masterplan. «Con sei milioni verrà sistemato l’acquedotto Fiumefreddo ed è un’opera a cui tengo moltissimo. Ci sono poi le infrastrutture con i 95 milioni per gli svincoli Giostra e Annunziata e i 72 milioni per il porto di Tremestieri con la relativa piastra logistica». Renzi non ha dubbi sulla certezza della realizzazione delle opere. «I finanziamenti sono vincolati e questo è un punto cruciale del Patto. Ci mettiamo d’accordo su dove finiranno i soldi e non verrà sprecata alcuna risorsa come invece è avvenuto in passato».

Nonostante il massiccio dispiegamento di forze dell’ordine, non si sono registrati tesioni tra i manifestanti. Erano solo un centinaio di persone ad attendere Renzi all’ingresso dell’Università. Un sit-in organizzato da partiti politici, come Rifondazione Comunista e Movimento 5 Stelle. Presenti gli esponenti messinesi del Comitato per il No in vista del prossimo referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre.VergognaRenzi, vattene e La Costituzione non si tocca. Questi gli slogan più utilizzati. Fischi e cori anche per il presidente della Regione Rosario Crocetta che ha raggiunto l’ateneo poco prima l’inizio della cerimonia. E a proposito di Referendum, Renzi ha concluso la giornata presenziando un dibattito al Palacultura dove ha sostenuto le ragioni del Sì.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]