Foto di Dario De Luca

Il report della commissione Antimafia: Cosa nostra è viva, si è evoluta e ragiona come un’azienda

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 amministratori locali del 392 Comuni dell’Isola, oltre che esponenti della magistratura e delle forze dell’ordine impegnate nel contrasto alla criminalità organizzata.

Ne è uscito fuori un quadro che presenta «una mafia meno pressante ma capillare, all’insegna del “pagare meno, pagare tutti”» come si legge dalla relazione finale. Una mafia che punta ancora forte sul pizzo, sulle estorsioni, aiutata dal fatto che le associazioni antiracket non riescano spesso a coprire tutto il territorio siciliano. Il caso più eclatante è quello della provincia di Agrigento, che non annovera nessuna associazione iscritta all’albo prefettizio. «il racket si è trasformato nel pagamento generalizzato di piccole somme che, a fronte di minori entrate, hanno garantito una certa acquiescenza da parte degli operatori economici tradottasi in una collaborazione quasi spontanea degli estorti. Nuove forme di raccolta del pizzo anche attraverso le forniture e i servizi, con gli stessi estortori che emettono fattura per le loro attività nei confronti degli estorti».

Una mafia che anche dove sono ancora in piedi i mandamenti storici, non si fa la guerra, ma preferisce la collaborazione tra le diverse anime che la compongono pur di ottenere profitto, come nel caso del traffico degli stupefacenti, con le piazze di spaccio tacitamente spartite tra clan. Una visione più imprenditoriale, che porta a delegare sul territorio e nel frattempo a infiltrarsi in settori dell’economia come quello energetico, quello dei rifiuti al turismo.

E poi c’è la questione dei beni confiscati, che a oggi rimane un problema: da una parte ci sono le aziende sottratte alla criminalità, che per il 90 per cento finiscono per essere messe in liquidazione, dall’altra i tanti immobili che vengono sistematicamente occupati in maniera abusiva, immobili che comunque spesso si presentano in condizioni non ottimali e non beneficiano di un sistema di riutilizzo che riesca a impegnarli nel modo migliore.


Dalla stessa categoria

I più letti

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 […]

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 […]

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 […]

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 […]

Si abbassano la «tensione antimafia nell’opinione pubblica» e «l’incidenza delle associazioni antirachet» e Cosa nostra ne approfitta per evolversi. Questa la conclusione a cui è arrivata la commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana, che ha voluto fare un lavoro di indagine sullo stato di salute della mafia in Sicilia, scandagliando il territorio e ascoltando 302 […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]