Regionali, Pd e M5s estendono ancora il campo largo «Ormai è alleanza che va oltre il modello nazionale»

«Il candidato non si cerca, si sceglie in maniera collegiale con tutte le forze che saranno in campo». Proseguono le prove tecniche di campo largo tra Partito democratico e Movimento 5 stelle, le due maggiori forze politiche della coalizione che andrà a sfidare sul versante di centrosinistra il governatore Nello Musumeci alle prossime elezioni regionali. Due entità politiche che, prima dell’esperienza al governo nazionale, poco avevano da spartire e che si stanno ancora studiando ma che, al momento, hanno trovato dei solidi punti d’incontro su cui basare la prossima campagna elettorale

Prima su tutte, la composizione dello schieramento. Che secondo il capogruppo grillino all’Ars Giovanni Di Caro, sarà aperto «alle forze che sono avverse al governo Musumeci. Non solo al Pd e alle forze di centrosinistra, ma alle forze sane di quello che viene chiamato centro moderato: chi non si riconosce in Forza Italia e chi da lì prenderà le dovute distanze. Anche se bisognerà, comunque, trovarsi d’accordo e lavorare anzitutto sui temi».

Per quello che concerne il rapporto con i democratici, Di Caro appare piuttosto sereno. «Ci siamo incontrati in più occasioni, in una in particolare abbiamo allargato l’alveo delle forze politiche anche a chi non è presente all’interno dell’Ars, per esempio c’era pure una delegazione dei Verdi. Abbiamo tutti evidenziato il fatto che bisogna avvicinarsi al mondo dell’associazionismo, al terzo settore e ai grandi movimenti come Se resti arrinesci, forze giovani e realtà da coinvolgere e fare partecipare alla campagna elettorale». Parole a cui fanno eco quelle del segretario regionale del Partito democratico Anthony Barbagallo, che riguardo all’alleanza conferma: «Ci stiamo lavorando, siamo impegnati ogni giorno sul campo. L’ultimo passo avanti è stato avere chiuso gli accordi per le amministrative in un Comune di 40mila abitanti con un centrosinistra unito, insieme al Movimento 5 stelle».

«La nostra non è un’alleanza scontata – prosegue Barbagallo – E non è una cosa che si fa con una telefonata dalle segreterie nazionali di partito. Caltagirone, Adrano, San Cataldo e Lentini (Comuni in cui il campo largo correrà unito alle prossime elezioni, ndr) sono un ulteriore conferma della bontà del progetto. E non è più soltanto un’idea che viene dal modello nazionale, ma sono rapporti e intese, temi e prospettive comuni». E sull’immediato futuro: «La scelta più imminente sarà quella della città di Palermo, e già la prossima settimana ci incontreremo per definire il progetto politico con 5 stelle e coalizione compatta». 

Se c’è tuttavia un punto su cui i punti di vista di Di Caro e Barbagallo ancora divergono, seppur senza grosse contrapposizioni, è l’identikit ideale del candidato presidente della Regione. Per il pentastellato «la Sicilia ha bisogno di un presidente che non strizzi l’occhio ai comitati d’affari di turno. Un presidente che sia dei siciliani, che dia attuazione al programma elettorale e anteponga i temi agli interessi di partito. A livello di astrazione – continua Di Caro – è ovvio che debba essere una persona che sia anche capace di fare delle scelte difficili: mi sto riferendo alle tante partecipate che orbitano intorno alla Regione, ai loro bilanci fantasma». E soprattutto che sia condiviso prima dai deputati grillini, poi dalla coalizione. Secondo Barbagallo, invece, il prossimo candidato del campo largo alla presidenza dovrà essere comunque un nome noto, «conosciuto in tutta la Sicilia e che colga il consenso più ampio tra gli alleati, ma che abbia anche capacità amministrativa, competenza, riconoscibilità. In questo momento – aggiunge – ai siciliani serve la dirigenza del buon padre di famiglia, non l’uomo solo al comando. E non deve essere necessariamente un politico di professione».

Guardando in casa d’altri, i due esponenti di Pd e M5s non sembrano preoccupati più di tanto da un possibile colpo di coda di Musumeci verso la rielezione. Per entrambi, infatti, l’attuale governatore rischierebbe seriamente di trovarsi a correre senza una coalizione. «È ovvio che hanno scaricato Musumeci – dice Di Caro – per il modo in cui comunicano, appare chiaro che la Lega avrà un suo candidato». «Ormai pubblicamente e privatamente i leader del centrodestra non nascondono più l’idea di voler cambiare il cavallo in corsa – aggiunge Barbagallo – Un de profundis che non solo investe l’incapacità organizzativa, ma anche la mancanza di visione del centrodestra. Gli elettori siciliani, comunque, stanno vedendo il centrodestra all’opera e sapranno giudicarlo». Simili anche i punti di vista su Italia Viva, con Barbagallo che tuttavia non chiuderebbe in faccia la porta a un eventuale cambiamento di casacca in favore del Pd. «Io Italia Viva non l’ho capita: senza Sammartino ho l’impressione che questa forza politica in Sicilia si sia politicamente dissolta. Qualcuno seguirà Sammartino, forse qualcuno seguirà l’attuale governatore, ma la sensazione è che a livello regionale del partito rimarrà poca cosa». «Ci sono alcune forze parlamentari che hanno ambiguità con le forze del governo – la posizione del segretario del Pd – Le porte sono aperte a chi che rompe col centrodestra, ma alcuni rapporti ambigui devono cessare».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]