Il rapporto tra italiani e social: una nazione di 44 milioni di utenti

Una vera e propria nazione di utenti. Sono 44 milioni, infatti gli italiani che usano in social (e che in meedia lo fanno per oltre un’ora e mezza al giorno). Una nazione più popolosa di tutta la Polonia, quasi il quadruplo di Grecia, Portogallo e Repubblica Ceca, e cinque volte tanto la Norvegia, la Croazia e l’Irlanda.

Sono questi i dati contenuti in Digital 2023, il report annuale di We Are Social, che spiega anche come ci siano oltre 50 milioni di utenti connessi a internet e più di 78 milioni di connessioni mobile. Il tempo speso sui social è, precisamente, di 1 ora e 48 minuti, più di quello speso per la lettura di notizie (1h e 22 min) ma meno rispetto alla navigazione generale (5h e 55 min). Non è di certo un caso, insomma, se il 72% degli utenti spiega di stare su internet per trovare informazioni, mentre 1 italiano su 2 usa il web per stare in contatto con famigliari e amici e il 44% per acquistare.

Dati che non possono passare inosservati e che devono essere studiati anche dall’economia. Lo sanno bene nel settore del gambling online, dove da qualche anno si è puntato forte sui social casinò: si tratta di una via di mezzo tra social network e casinò online in cui conoscere amici, parlare, chattare ma anche scommettere, giocare e divertirsi. Questa tendenza non solo riflette il crescente interesse verso forme di intrattenimento digitale integrate, ma apre anche nuove prospettive per il marketing e la fidelizzazione della clientela, sottolineando l’importanza di un approccio olistico nel settore del gioco online.

Stare insieme è infatti un aspetto fondamentale dell’utilizzo dei social, scelti in maniera eterogenea in tutte le fasce anagrafiche. Se i cosiddetti boomers scelgono ancora Facebook come principale piattaforma di socializzazione, i Millennials sono quelli di Instagram mentre le Gen Z ha fatto suo soprattutto TikTok. Non sembra rientrare in nessuna di queste categorie, invece, la Regione Calabria, che per quanto riguarda i messaggi istituzionali tramite social è all’ultimo posto in Italia. Si legge in questa ricerca, curata da De Rev, dove si sottolinea come la nostra regione non utilizzi Instagram da gennaio 2022, mentre in un anno ha pubblicato appena 5 post su Facebook, senza avere neanche un profilo su X, il vecchio Twitter per intenderci. “Con 20.242 follower e un engagement dello 0,001% – si legge nel report – surclassa in negativo le due Regioni fanalino di coda dell’anno scorso: Valle D’Aosta e Trentino-Alto Adige”. Un dato che deve essere presto rivoluzionato. Per non rimanere fuori dal mondo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]