Ragusa, Lingue a un passo dalla salvezza Nuova convenzione per riaprire le iscrizioni

Tra lunedì e martedì dovrebbe trovare termine l’ultima puntata dell’annuale telenovela che riguarda Lingue a Ragusa. E’ stata siglata dai membri del Consorzio ibleo la controproposta in risposta alla nuova convenzione redatta dall’Università di Catania. A scanso di problemi dell’ultimo minuto, Consiglio d’amministrazione e Senato accademico dovrebbero votare la modifica del Manifesto degli studi dopo l’approvazione dei revisori dei conti. Così, il Ministero dovrebbe dare il via libera all’Ateneo per la riapertura del sistema di iscrizioni ai test d’ingresso per il corso di Mediazione linguistica.

Negli ultimi giorni a tenere con il fiato sospeso erano state le reticenze del commissario straordinario della provincia di Ragusa, Giovanni Scarso. A rendere l’ambiente ancora più instabile, l’uscita di scena dai membri del Consorzio del comune di Modica. Socio minore, con un debito consistente di circa 300mila euro, ma pur sempre pedina nello scacchiere ibleo.

Grazie al nuovo accordo, che sostituisce quello siglato nel 2010, l’intero debito nei confronti dell’Università etnea sarà spalmato in rate che dovrebbero essere alla portata dello sforzo finanziario finora profuso dal Consorzio. Non ci dovrebbero essere più problemi di finanza derivata, quelli che secondo il presidente Enzo Di Raimondo erano la ragione principale dei puntuali ritardi nei pagamenti. Anche se sull’intera questione pesano spending review, riordino delle province e un passivo nelle casse del Consorzio di ben sette milioni di euro. E suona quasi come una dichiarazione di guerra la presa di posizione di Scarso: entro settembre sarà realizzato un piano che prevede la riduzione del 50 per cento delle spese consortili. Decisione che fa il paio con le varie richieste di liquidazione dell’ente ibleo presentate da Paolo Pavia, rappresentante degli studenti.

Rispetto al contratto stilato dai legali di palazzo Centrale, le modifiche non sono sostanziali. Esclusi dall’accordo i pagamenti di interessi e le fideiussioni assicurative. Le tasse degli studenti della struttura didattica speciale torneranno nelle casse iblee – così come prevedeva la convenzione precedente – almeno fino al 2015, anno in cui la gestione tornerà completamente in mano all’Ateneo. L’esclusività per l’apertura di nuovi corsi è stata attenuata: Catania avrà diritto di prelazione, ma in caso di mancanza di interesse sarà possibile rivolgersi ad altri atenei.

Dalla prossima settimana sarà dunque possibile avere la certezza della riapertura delle iscrizioni per il corso di Mediazione. Ma – come sempre – l’intera vicenda avrà ricadute sugli studenti. Con la sede ragusana esclusa finora tra le possibili scelte, le aspiranti matricole interessate agli studi del settore si sono rivolte altrove, visto che i termini per l’iscrizione ai test è ormai scaduta lo scorso 31 luglio. Nel caso in cui volessero rivolgere lo sguardo anche su Ragusa, saranno costrette a sborsare altri 40 euro per accedere alle prove che si svolgeranno tra fine mese e i primi di settembre.

 

[Foto di Phantom65]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Manca poco alla firma che dovrebbe portare alla nuova convenzione tra l'Università di Catania e il Consorzio ibleo. In gioco c'è la sopravvivenza della struttura didattica speciale di Lingue, che al momento non ha attivato il primo anno del corso di Mediazione. A fare le spese dell'ultimo tira e molla sempre loro, gli studenti. Costretti a pagare altri 40 euro se vorranno sostenere i test di accesso

Manca poco alla firma che dovrebbe portare alla nuova convenzione tra l'Università di Catania e il Consorzio ibleo. In gioco c'è la sopravvivenza della struttura didattica speciale di Lingue, che al momento non ha attivato il primo anno del corso di Mediazione. A fare le spese dell'ultimo tira e molla sempre loro, gli studenti. Costretti a pagare altri 40 euro se vorranno sostenere i test di accesso

Manca poco alla firma che dovrebbe portare alla nuova convenzione tra l'Università di Catania e il Consorzio ibleo. In gioco c'è la sopravvivenza della struttura didattica speciale di Lingue, che al momento non ha attivato il primo anno del corso di Mediazione. A fare le spese dell'ultimo tira e molla sempre loro, gli studenti. Costretti a pagare altri 40 euro se vorranno sostenere i test di accesso

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]