Rachid Berradi, l’atleta-Cavaliere che ha adottato Palermo «È la città che mi ha accolto e che dobbiamo migliorare»

«È stato l’altro ieri pomeriggio, alle tre, ho ricevuto questa telefonata: “Pronto? È il Quirinale“. Pensavo davvero che fosse uno scherzo». Invece era realtà. Quella telefonata annunciava a Rachid Berradi, bandiera dell’atletica palermitana, nominato ieri Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal presidente Sergio Mattarella. «Quando ho capito che la cosa era un po’ più seria – racconta Berradi – l’emozione è stata talmente tanta che non riuscivo a parlare. È diventata una cosa inaspettata e soprattutto una notizia del genere, in questo anno così difficile, fa molto piacere. Il pensiero è andato subito a mio figlio, era entusiasta, saltava e non se ne accorgeva nemmeno».

Primatista italiano della mezza maratona, rappresentante nazionale alle olimpiadi di Sydney 2000, campione europeo under 23 dei diecimila metri, Berradi ha fatto di Palermo, la città che lo ha accolto quando aveva solo dieci anni, la sua casa, anche dopo avere appeso gli scarpini al chiodo. «Sono partito da un piccolo villaggio dell’entroterra del Marocco – continua – Palermo è stata la città che mi ha accolto e la città che mi ha dato molto. Se uno ha voglia di arrivare o di riscattarsi in qualche modo ce la può fare. L’arrivo in questa città è stato molto bello. Gli arabi, dopo 300 anni di dominazione, hanno lasciato molte tracce e le culture sono davvero vicine. L’integrazione è stata perfetta. Quando uno incontra delle persone positive, che aiutano il suo percorso è semplice. E lo sport facilita molto le cose».

E per la gente di Palermo Rachid Berradi ha anche deciso di spendere le proprie energie. Coordinatore per l’aspetto sportivo di Libera, dal 2009 guida la sua società sportiva, l’Atletica Berradi 091, con cui cerca di portare la cultura dello sport come risorsa per la ricerca di riscatto e l’esaltazione di valori come correttezza e legalità all’interno di quartieri dal tessuto sociale fragile come lo Zen, dove allena la squadra di calcio amatoriale Atletico Zen. E l’onorificenza del Capo dello Stato verte proprio su questo aspetto della carriera di Berradi, insignito insieme ad altri 35 «esempi civili» che si sono istinti per il loro «impegno nella solidarietà, nel volontariato, nell’inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella promozione della cultura, della legalità e del diritto alla salute».

E nelle non poche difficoltà nel fare sport nel capoluogo, Rachid Berradi riesce a vedere quasi una risorsa. «È vero – spiega – le strutture fanno tanto, ma Palermo ha molto altro da offrire. Quando i miei colleghi si allenavano col freddo e la neve, io mi allenavo con 13-14 gradi». E il clima, insieme alla voglia di riscatto e di emergere, sono stati fattori fondamentali per la grande tradizione dell’atletica palermitana. «In quel periodo avevo esempi come Salvatore Antibo, Luigi Zarcone, i fratelli Selvaggio. Tutti grandi atleti venuti fuori da Palermo, con tutte le immense difficoltà che c’erano. E anche oggi c’è ancora molto da fare – conclude – dobbiamo cercare di migliorare la situazione per dare ai bambini la possibilità di praticare attività sportiva». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]