Quant’è siciliana Dublino Giovani al bivio tra lavoro e voglia di tornare

«Qui siamo persone. Valiamo un contratto di lavoro serio». Fabio s’è laureato a Catania, in informatica. Ma ora lavora qui. «Tornerai in Sicilia?». «Tu che ne dici?».

C’è Fabio, capelli lunghi e bruni, e un posto in una grande azienda informatica. Cresciuto a Pozzallo, piccola cittadina marinara nel ragusano, anche se ormai la carta d’identità lo dà per residente a Dublino. C’è Silvia, palermitana, sorriso sincero, con un posto alla Google. Un sogno. Ma lungo la centrale O’ Connell Street, tra i fast food che vendono panini lerci, non si sente l’odore di pane e panelle. Lo stesso cielo lo vede Paola, che viene da Modica, anche lei ragusana, laureata con il massimo dei voti alla Bocconi e ora un presente ed un futuro in Irlanda. E poi c’è Dario, calabrese che non rimpiange la propria terra, studente erasmus a Dublino con in tasca una laurea triennale in Scienze politiche a Siena. Il suo sguardo la sera per rientrare a casa non incrocia più il lungo mare di Reggio ma sfiora la centrale Grafton Street, dove una marea di gente invade i negozi nella bolgia dello shopping. Anche Marco viene dalla Calabria e al momento vive in un freddo ma accogliente ostello. È partito, con uno zaino in spalla, alla ricerca di un lavoro che gli desse un futuro: «Dalle mie parti lavoro ma non posso progettarmi neanche il giorno dopo. Voglio prendere aria e per questo sono qua».

Fabio, Marco, Silvia, Paola, Dario sono i nuovi migranti italiani. Non ci sono più valige di cartone, cabine e gettoni telefonici. Sono i migranti del 2000: zaino in spalla, facebook e skype per comunicare. La generazione duemila o forse la generazione zero.

Fabio, 26 anni, lo incontriamo quando finisce di lavorare. Appuntamento al Trinity college e poi di corsa in un vecchio pub. Gli sgabelli sono in legno e nelle pareti sono appese vecchie foto in bianco e nero. In un angolo del locale un vecchio musicista, con i baffi all’insù che sembran toccare il cielo, suona Galway girl, una vecchia ballata irlandese che scatena una danza, sciolta dai fumi dell’alcol. Fabio sorride davanti a una pinta di birra scura comincia a raccontare la sua avventura. «Io appena mi sono laureato a Catania, in informatica, ho pensato di iscrivermi a Como, in un corso che mi piaceva molto. Serviva l’inglese e allora ho deciso di passare un po’ di tempo a Dublino per migliorare la lingua». Fabio non è più tornato e mentre il vecchio musicista intona A whiter shade of pale dei Procol Harum ci confessa: «Ho tentato, così quasi per gioco, e ho mandato il mio curriculum ad alcune aziende. Una di queste mi ha chiamato, io non ci credevo, e mi ha detto di fare un colloquio». Il colloquio era un po’ strano. Dall’altra parte della scrivania non c’era nessuno in carne ed ossa ma uno schermo con un uomo a Los Angeles. Per Fabio è la svolta. Ora si occupa di sistemi antivirus ed è contento del suo lavoro. «E’ impensabile che in Italia possa accadere la stessa cosa e soprattutto qui ti trattano con dignità. In Italia tu sei il suddito e l’altro è il tuo padrone. È una questione di mentalità – riflette Fabio – Io, quando ho cominciato a lavorare, ero un po’ servile, come siamo abituati a fare noi, ma poi ho capito che qui è diverso. Qui siamo persone e valiamo un contratto a tempo indeterminato».

Ma l’odore del paese non esce dalla mente di Fabio. Un rapporto quasi carnale quello che lo lega alla sua terra, come ogni buon siciliano. «A me manca tantissimo la Sicilia e a volte mi sento quasi in colpa per averla lasciata. Ma io voglio tornare e poter costruire qualcosa laggiù con il bagaglio professionale che mi sto facendo lavorando a Dublino». Intanto la pinta è già mezza vuota e nell’aria c’è un vecchio brano di Bob Dylan quando Fabio comincia a parlare del suo grande hobby. Appena esce «ro travagghiu» – come dice lui in maniera poco british – va a suonare con gli amici. Hanno messo su una band con la voglia di inondare le strade piene di artisti di Dublino con i propri suoni: un po’ mediterranei, un po’ irlandesi. Quando era in Sicilia, Fabio era il frontman di una band molto nota nel suo ambiente: gli Skaramanzia. Giù e su dai palchi di mezza Italia e un cd all’attivo. Cantavano la voglia di cambiare, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. «Al momento ci siamo fermati per ovvie ragioni ma io spero che primo poi ripartiremo».

Sono tante le speranze sotto il cielo d’Irlanda. Ci sono i sogni di Fabio come quelli di Silvia o Dario. C’è il cantante che suona una ballata ai migranti e un’Italia che si allontana.

Giorgio Ruta de Il Clandestino su I Siciliani giovani

[Foto di remuz]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sono partiti con uno zaino e tante speranze. Quasi come i loro nonni. Ma spesso con una laurea in tasca e il sogno di un contratto che li rispetti. Sono approdati in Irlanda, tra birra, colloqui on line e gli hobby di sempre. La prospettiva? «Tornare e poter costruire qualcosa con il bagaglio professionale che mi sto facendo lavorando a Dublino», racconta Fabio. Riprendiamo le loro storie raccolte da Giorgio Ruta de Il Clandestino per I Siciliani giovani

Sono partiti con uno zaino e tante speranze. Quasi come i loro nonni. Ma spesso con una laurea in tasca e il sogno di un contratto che li rispetti. Sono approdati in Irlanda, tra birra, colloqui on line e gli hobby di sempre. La prospettiva? «Tornare e poter costruire qualcosa con il bagaglio professionale che mi sto facendo lavorando a Dublino», racconta Fabio. Riprendiamo le loro storie raccolte da Giorgio Ruta de Il Clandestino per I Siciliani giovani

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]