Pua, la Regione adotta il piano per la Playa Reintrodotte, ma solo in parte, le tutele ambientali

La
Regione sconfessa, ma solo in parte, il Consiglio comunale di Catania. Il Pua – il piano urbanistico attuativo Catania Sud – passa come piano di lottizzazione, quindi con maggiori tutele ambientali ma anche con il superamento di alcuni limiti. L’assessorato regionale Territorio e ambiente ha emesso il decreto con cui il progetto per la Playa di Catania viene approvato dopo un iter lungo 15 anni, avviato dall’allora e oggi sindaco Enzo Bianco che lo definisce «una delle più importanti scommesse sul futuro di Catania» nonostante, secondo diverse fonti, avrebbe intanto perso interesse sul piano. Che, con le modifiche proposte dal Consiglio regionale urbanistica (Cru) – poi respinte dal consiglio comunale etneo, ma riconfermate adesso dall’assessorato -, diventa meno appetibile per gli speculatori. «Non posso che prendere atto con soddisfazione che la Regione ha approvato il piano da noi portato avanti recependo una parte significativa delle osservazioni avanzate da ordini professionali, organizzazioni no profit e associazioni ambientaliste e soprattutto impedendo che nell’area nascesse un nuovo centro commerciale», commenta Bianco riferendosi all’osservazione proposta dai titolari del Palaghiaccio.

Nel progetto infatti figurano
palazzi per 35mila metri quadrati; un parco tematico appena più piccolo; un acquario e una pista di go kart da circa ottomila metri quadrati ciascuno; impianti variamente sportivi per diecimila metri quadrati e persino una chiesa. Ma dal Cru erano arrivate nei mesi scorsi diverse indicazioni a favore di una maggiore salvaguardia del paesaggio e di un minor impatto ambientale. Tra queste, la gestione pubblica di alcune parti del Pua; la possibilità di cambiare la zonizzazione del comparto destinato alle strutture ricettive, sportive e di svago; la grandezza dell’area da destinare a Parco urbano costiero. Indicazioni rigettate dal consiglio comunale etneo con un voto che ha fatto discutere: a schierarsi con l’opposizione era stata anche la parte di maggioranza che fa riferimento ad Articolo 4. Un comportamento che ha portato anche a un esposto da parte del comitato cittadino No Pua che ipotizza un possibile abuso d’ufficio di alcuni consiglieri.

La Regione ha comunque accolto in parte le modifiche volute dal consiglio comunale etneo. E, nello specifico, quelle relative all’
incremento del limite del 20 per cento delle superfici dei parcheggi, da destinare a impianti fotovoltaici, e delle altezze massime di otto e nove metri per le strutture ricettive oltre i 300 metri dalla battigia. L’amministrazione si dice comunque soddisfatta: «L’area interessata dal Pua è complessivamente di un milione e 243mila metri quadrati, la parte dedicata alle costruzioni di 185mila, con indice di edificazione, dunque, di appena 0,15 mq/mq». «La superficie da cedere al Comune – continuano nella nota – sarà di 513mila metri quadrati (oltre 50 ettari), suddivisa in un parco urbano (273mila metri quadrati), parcheggi (160mila) e strade (80mila).

«
Adesso tocca ai privati – aggiunge il sindaco Bianco – Attueremo un rigido protocollo per la legalità da stipulare con il Prefetto, poiché precondizione assoluta per noi è l’assoluto rispetto delle leggi e delle regole di trasparenza sia sulle procedure che verranno seguite sia sui fondi che saranno investiti». Un riferimento non casuale, considerate le nubi che si sono addensate sul progetto negli ultimi anni. «Questa mattina la Commissione ha approvato la Playa»; «Perfetto,– hai visto? Uno a zero, palla al centro». Questo stralcio di intercettazione viene riportato nella sentenza che ha condannato per concorso esterno in associazione mafiosa l’ex governatore siciliano Raffaele Lombardo. A dare l’annuncio del via libera al piano è Renzo Bissoli, a capo della società titolare del progetto Stella Polare. Bissoli parla con Mariano Incarbone, imprenditore originario di Enna, condannato in appello a cinque anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Quali siano questi fondi all’estero che dovrebbero finanziare il maxi investimento da quasi 500 milioni di euro non è ancora chiaro a nessuno.

Tra i protagonisti del Pua c’è poi l’imprenditore etneo – editore e direttore del quotidiano
La Sicilia – Mario Ciancio Sanfilippo, proprietario del 30 per cento dei terreni interessati dal progetto. Secondo il giudice che firma la sentenza di condanna a Lombardo, anche in questo caso Ciancio avrebbe utilizzato il suo «modello operativo»: acquistare dei terreni, renderli edificabili tramite agganci politici e poi rivenderli. Una presenza, quella dell’imprenditore, che è protagonista anche del primo esposto presentato dai No Pua e incentrato sull’iter amministrativo del piano definito «benevolo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Lo rende noto l'amministrazione etnea che si dice soddisfatta per il risultato. Quella che per i cittadini è «una grande speculazione edilizia» era stata limata dal consiglio regionale urbanistica, scontrandosi con il parere di diversi consiglieri etnei. Bianco: «Attueremo un rigido protocollo per la legalità». Nonostante le ombre sul progetto

Lo rende noto l'amministrazione etnea che si dice soddisfatta per il risultato. Quella che per i cittadini è «una grande speculazione edilizia» era stata limata dal consiglio regionale urbanistica, scontrandosi con il parere di diversi consiglieri etnei. Bianco: «Attueremo un rigido protocollo per la legalità». Nonostante le ombre sul progetto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]