Processo Simona Floridia, l’esame dell’imputato Andrea Bellia «Sono innocente, non ricordo perché sono passati 30 anni»

«Sono innocente». Sono queste le prime parole pronunciate da Andrea Bellia di fronte alla corte d’assise nell’aula Serafino Famà del tribunale di Catania dove si sta celebrando il processo per omicidio volontario premeditato di Simona Floridia. Nel procedimento riaperto a distanza di 26 anni dall’archiviazione del primo fascicolo – e senza che il corpo della 17enne di Caltagirone sia mai stato ritrovato – lui è l’unico imputato. Non ha mai perso un’udienza e ieri, per più di sei ore ha risposto alle domande della pm, dell’avvocato di parte civile Giuseppe Fiorito e della legale che lo difende. «Non ricordo» è di certo la frase che Bellia, con i capelli ormai grigi e la mascherina nera a coprire in parte il volto, ha ripetuto più spesso.

L’imputato non ricorda circostanze del giorno della scomparsa né dell’indomani, non ricorda nemmeno orari, persone e chiamate. Gran parte dell’udienza è stata dedicata ai rapporti interpersonali tra i giovani che all’epoca facevano parte della stessa comitiva e alla telefonata intercettata che ha fatto riaprire il caso: l’ex fidanzato di Simona Floridia, Mario Licciardi, parla con la sua fidanzata dell’epoca Rossella Figura (che oggi è sua moglie) e racconta della confessione ricevuta dall’amico Bellia in merito alle responsabilità del delitto. «Non so perché lo abbia fatto, forse per rancore o per un desiderio di vendetta nei miei confronti – sostiene Bellia – perché riteneva che io mi fossi approfittato della sua ragazza, mentre invece era lei a essere interessata a me e ad avermi fatto delle avances». Che il mistero che ruota attorno al caso di Simona Floridia stia tutto nelle dinamiche relazionali, sembra ormai chiaro. Tanto che è lo stesso Bellia a chiedere di potere avere un confronto diretto in aula con Mario Licciardi e anche con Rossella Figura.

Alla fine dell’estate del 1992, con Licciardi al servizio militare, tra l’imputato e Figura si crea un rapporto «che non è mai andato oltre, perché Mario era il mio migliore amico e io credevo nel valore dell’amicizia». Un’amicizia che si interrompe però nel 1993, dopo una discussione piuttosto accesa, proprio quando Figura avrebbe raccontato al fidanzato di questa relazione intima fatta anche di appuntamenti a casa e di spinelli fumati insieme. «Credo che lui abbia creduto a lei perché era troppo innamorato, tanto che poi l’ha sposata», motiva l’imputato che chiarisce si trattava «solo di un’amicizia» e non tanto perché lui all’epoca era fidanzato con Simona Regolo. «Era un rapporto altalenante, io sono stato sempre libertino». Eppure al Comune erano già state affisse anche le pubblicazioni. «L’ho fatto solo per ottenere un permesso, una licenza più lunga dal servizio militare», sostiene. 

Stando a quanto ricostruito, è Bellia l’ultima persona ad avere visto Simona Floridia. Con lei, fa un giro in vespa «che è durato una mezz’oretta abbondante. Ma poi mi ha chiesto di scendere, l’ho accompagnata, ci siamo salutati e non so dove sia andata». Su quella sera i «non ricordo» sono tanti: non ricorda gli orari precisi (diversi in aula rispetto a quelli indicati in passato ai carabinieri e anche nell’intervista al programma Chi l’hai visto?), non ricorda cosa si sono detti e nemmeno chi hanno incontrato prima, durante e dopo. Anzi l’unico nome che fa è di un ragazzo che, invece, ha dichiarato che si trovava a lavoro. Soprattutto non sa indicare nemmeno il nome di una persona che abbia visto la 17enne scendere da quella vespa. «Sono anche passati 30 anni», si giustifica lui ma è la pm a chiarire che le sue affermazioni erano state generiche anche il giorno dopo la scomparsa

Nel corso dell’udienza poi l’imputato ha escluso che Licciardi fosse andato a fargli visita mentre si trovava in ospedale (ricoverato dopo un incidente autonomo con la vespa). Un punto importante perché, stando a quanto ricostruito, il 20 settembre del 1993, Licciardi sarebbe andato in ospedale dove Bellia «gli avrebbe detto di avere fatto sparire Simona, che aveva fatto una “cavolata”». Un passaggio è stato fatto anche sulle due telefonate arrivate nel febbraio e nel giugno del 1993 al programma di Rai3: «A me aveva dato l’impressione che fosse la sua voce», dichiara l’imputato che però non ricorda di essere andato da Licciardi a chiedere di riconosce quella voce. Era stata Rossella Figura a raccontare della richiesta di Bellia e Regolo a Licciardi che si sarebbe, però, rifiutato. Di quello che è stato ritenuto un «tentativo di depistaggio», Bellia – così come Figura – non ha memoria. Prima di lui era stata la sua fidanzata dell’epoca, Simona Regolo, la teste a dire più «non ricordo», tanto che il presidente della corte le aveva ricordato di essere sotto giuramento. Cosa che non ha potuto fare con Bellia perché, si sa, l’imputato non giura di dire tutta la verità


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]