Processo Poseidon, rinvio a fine mese I fondi pubblici e la cricca della pesca

Bisognerà attendere la fine di ottobre per sapere quale sezione penale del tribunale di Catania dovrà occuparsi del processo alla presunta cricca della pesca. Dopo il rinvio a giudizio per sei imputati, datato giugno 2014, la prima sezione presieduta dal giudice Alfredo Cavallaro (a latere Passalacqua e Corrao) ha deciso di rimettere gli atti al presidente del tribunale etneo. Da decifrare ci saranno anche le richieste di costituzione di parte civile. Alla Regione siciliana e Comune di Acicastello potrebbero infatti aggiungersi, se la richiesta verrà accolta, l’associazione pescatori marittimi professionisti e le associazioni Codici onlus e Codici Sicilia.

Una presunta truffa di 2,8 milioni di euro di fondi comunitari del settore della pesca marittima nell’ambito dei cosiddetti P.I.T. (Piani di intervento territoriali). Il sistema aveva come punto cardine la costituzione di alcune associazioni temporanee di scopo (Aci Poseidon e Aci Nettuno) formate da aziende private con gli enti pubblici, i Comuni di Acireale e Acicastello a fare da capofila per garantirsi il cento per cento dei contributi. Sono nove i progetti finiti nella rete degli inquirenti. Nella lista c’è quello relativo alla relazione di «quattro manuali standard da destinare in favore del comparto peschiero» costati quasi 500mila euro e quello relativo alla sicurezza e formazione per superare le discriminazioni che subiscono i pescatori, a cui vennero destinati 300mila euro. A fare da contorno ci sono, secondo l’accusa, i relatori di alcuni convegni pagati decine di migliaia di euro con presunte fatture gonfiate ma anche computer affittati a 300 euro al giorno.

Sotto inchiesta sono finiti anche incarichi e consulenze, in cui spesso chi affidava i lavori e colui che li riceveva erano la stessa persona. Come se non bastasse nel lungo elenco c’è anche l’incarico conferito da una società a un addetto delle pulizie originario delle isole Mauritius. L’uomo sarebbe passato da stracci e detersivi alla mansione, fittizia, di «raccolta dati» per un compenso di quasi 4000 euro. Soldi mai ricevuti ma anche questi sborsati dall’Unione Europea per il rilancio del settore pesca nelle Aci.

Uno schema ben collaudato secondo gli inquirenti fatto di progetti comunitari confezionati «in alto loco» e una volta divenuti definitivi girati a quelli che vengono definiti «i deus ex-machina locali» al vertice di svariate società che avrebbero consentito alla presunta associazione a delinquere di operare una vera e propria spartizione della Sicilia da occidente a oriente. Lo stretto connubio avrebbe avuto una spalla fondamentale negli sponsor politici senza i quali i progetti, scrivono gli inquirenti, si «arenano nei meandri della burocrazia».  Nelle carte dell’inchiesta, condotta dagli uomini della Guardia Costiera, ad essere messo nero su bianco più volte c’è il nome dell’eurodeputato catanese Giovanni La Via (che nel periodo delle indagini ricopriva la carica di assessore regionale all’agricoltura e foreste con delega alla pesca), titolare in passato della ditta Spata s.a.s. di La Via Giovanni & C. poi rinominata in Spata srl. Durante una perquisizione datata 2012, gli inquirenti, all’interno della sede catanese di quest’ultima società, accertavano l’esistenza di «un ufficio utilizzato solo ed esclusivamente dall’onorevole La Via che per ovvi motivi legati all’immunità parlamentare non è stato perquisito» (l’ex assessore non è mai stato iscritto nel registro degli indagati né di conseguenza tra coloro rinviati a giudizio, ndr).

A denunciare il presunto sistema attraverso diversi esposti è stato il sindacalista del settore Fabio Micalizzi. Anch’egli coinvolto insieme al padre Carmelo, negli anni novanta, in diverse indagini riguardanti contributi comunitari.

I rinviati a giudizio con l’accusa di associazione a delinquere e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, sono Antonino Felice Catara (ex presidente del Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia), Laura Gulizia (dipendente del Comune di Aci Castello), Salvatore Li Calzi, «amministratore e gestore di fatto della Spata srl» bollato dagli inquirenti come «il fac-totum». Imprenditore e consulente d’impresa, è stato candidato alle ultime elezioni comunali di Catania con il Popolo delle Libertà a sostegno di Raffaele Stancanelli. Pasquale Maggiore, appartenente alla massoneria titolare dell’azienda Mcq Sicilia srl di Palermo , ritenuto la “mente” di tutto il sistema, Orazio Gaetano Puglisi (ex legale rappresentante del Consorzio Catania Ricerche) e Francesco Giovanni Riccioli (titolare di un’azienda e consulente dei progetti). Erano in 35 coloro che finirono nel registro degli indagati mentre due sono state le posizioni archiviate. Si tratta di Stefania Massimino, presidente della cooperativa Gente di Mare 1991 e Antonino Moschitto, in passato amministratore della Spata srl.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]