Processo Mori, la requisitoria della Procura generale «Ha gravemente mancato ai propri doveri istituzionali»

L’ex generale dei Ros 
Mario Mori «ha gravemente mancato ai propri doveri istituzionali di ufficiale di Polizia giudiziaria». Lo ha detto il sostituto procuratore generale Luigi Patronaggio nel processo d’Appello contro Mori e  il colonnello Mauro Obinu accusati di favoreggiamento aggravato di Cosa nostra per la mancata cattura di Bernardo Provenzano nel 1995 a Mezzojuso, arresto che arriverà nel 2006, undici anni dopo.

Quella di oggi è stata la terza giornata di requisitoria;
lo scorso 11 novembre il Patronaggio ha tentato di esaminare la posizione dibattimentale del teste Michele Riccio, il colonnello grande accusatore dei due ufficiali. Posizione che, secondo il procuratore, la sentenza di primo grado (nella foto) ha “ridicolizzato” e messo in cattiva luce, addebitando tra l’altro a Riccio la mancata comunicazione all’autorità giudiziaria.

Questa volta invece l’intento è stato quello di sviscerare quelle che secondo la procura sono state le mancanze e le possibili motivazioni che hanno portato Mori a fare determinate scelte, consentendo al boss di Corleone di rimanere latitante per anni. Per dare forza al ragionamento, il procuratore ha ricordato l’episodio di
Terme Vigliatore, un paese in provincia di Messina in cui, nel 1993, un analogo favore sarebbe stato fatto dai carabinieri del Ros al boss catanese Benedetto Santapaola. Per la procura generale i Ros sapevano dove si trovava Provenzano e da tempo «Non è importante – ha detto Patronaggio – il motivo per cui lo hanno fatto:è certo però che i due sono colpevoli». Secondo il procuratore starebbe nella trattativa Stato-mafia, per la quale è in corso un altro processo a Palermo che vede come imputato anche in questo caso il generale Mori insieme ad altri rappresentanti dello stato ed esponenti di Cosa Nostra. «Non è comunque l’unica eventuale ragione – ha detto Patronaggio – perché vi potrebbe essere anche la appartenenza di Mori a servizi segreti deviati e la sua vicinanza a partiti politici di centro-destra. Quel che e’ certo – ha concluso – è che il reato è stato commesso”.

La prossima udienza è stata fissata per il 18 gennaio, per le conclusioni. La parola passerà al pg Roberto Scarpinato che come già annunciato spiegherà la scelta di «abbandonarela difficile dimostrazione della sussistenza dell’aggravante dell’art. 7 che è stata contestata agli imputati e cioè aver agito per favorire Cosa Nostra». Non sarà semplice ma come ha spiegato Patronaggio nelle scorse udienze «Ci apprestiamo a fare questa operazione di salto critico della prova che vogliamo incentrare su fatti concreti. E ciò facciamo non perché non crediamo in questo groviglio istituzionale che è la trattativa, o perché non crediamo nell’esistenza di zone oscure, ma perché una volta per tutte dobbiamo uscire da questo empasse processuale per cui tutte le condotte che gli imputati hanno commesso nel tempo in modo seriale sono tutte riconducibili a condotte di tipo colposo. Qui invece noi vogliamo concentrarci su poche condotte, dimostrare che esse sono dolose, e non ci interessa dimostrare altro».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]