Processo Ciancio, lo stop a pubblicare l’agenzia su Dell’Utri Ranucci: «Intervenne quando era vicepresidente dell’Ansa»

Assente durante l’appello al palazzo di giustizia di Catania, nel processo in cui è imputato per concorso esterno a Cosa nostra, ma presente a Paternò nella sala conferenze dell’azienda Netith. Il protagonista è sempre Mario Ciancio Sanfilippo, editore, ex direttore del quotidiano La Sicilia e imprenditore. L’uomo si è presentato in contrada Tre Fontane, accompagnato dal figlio Domenico, per prendere parte a un evento su nuovi modelli di sviluppo del territorio nell’era digitale. Allo stesso tavolo il patron di Netith, il vescovo di Acireale Antonio Raspanti e i vertici locali dell’Arma dei carabinieri. Negli stessi attimi davanti il giudice Roberto Passalacqua sfilava il giornalista, vice direttore di Rai 3 e conduttore di Report Sigfrido Ranucci, chiamato in aula come testimone dai fratelli Dario e Gerlando Montana

Ranucci venne citato in giudizio insieme a Milena Gabanelli da Ciancio davanti il tribunale civile di Roma dopo l’inchiesta I Vicerè, pubblicata su Report nel 2009. L’editore nel 2012 chiese un risarcimento di 10 milioni di euro ma i giudici non evidenziarono nessun danno nei confronti di Ciancio che, invece, venne condannato a pagare le spese di giudizio. «L’inchiesta era nata perché il Comune di Catania aveva accumulato debiti per circa un miliardo di euro – spiega Ranucci all’avvocato Goffredo D’Antona – Parlammo anche del ruolo dell’informazione in città e, secondo noi, non c’era stato un racconto corretto su politiche e interessi economico-finanziari. Indicammo anche il ruolo in chiaro-scuro di un direttore (Ciancio, ndr) che all’epoca era vicepresidente dell’Ansa e presidente della federazione italiana degli editori».

Durante la puntata un passaggio, durato pochi minuti, riguardò la mancata pubblicazione del necrologio del commissario di polizia Beppe Montana, ucciso il 25 luglio 1985. Vicenda, quest’ultima, finita anche al centro del processo Ciancio. «Lo mettemmo in correlazione al fatto che a ottobre 2008 venne pubblicata una lettera, proveniente dal 41bis, sul giornale. Nel testo c’erano delle lamentele sul carcere duro». L’autore della missiva, nonostante Ranucci in aula abbia indicato Enzo Ercolano, era stato Vincenzo Santapaola, figlio del capomafia della famiglia di Cosa nostra catanese Nitto. «In queste vicende ho ritrovato degli episodi che mi hanno coinvolto. Nel 2000 avevamo realizzato un’inchiesta esclusiva che riportava il contenuto di una cassetta Vhs in cui due giornalisti francesi intervistavano il giudice Paolo Borsellino due giorni prima della strage di Capaci». Jean Pierre Moscardò e Fabrizio Calvi si stavano occupando dei rapporti tra mafia e politica ma la registrazione, della durata di circa 50 minuti, non venne mai pubblicata e la sua esistenza venne svelata soltanto nel 1994 dal settimanale l’Espresso che ne riportò una parziale trascrizione. Il documento completo finì, tramite Fiammetta Borsellino, nelle mani di Ranucci che il 19 settembre 2000 la pubblico nell’ambito di uno Speciale Borsellino su RaiNews24.

«Era l’unica testimonianza inedita – spiega Ranucci – Borsellino parlava del ruolo di Vittorio Mangano e faceva, in maniera generica, i nomi di Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. Ci fu un tentativo di stoppare la pubblicazione da parte degli avvocati di Dell’Utri. Quando noi mandammo a l’Ansa lo sbobinato l’agenzia non la pubblico. Il direttore dell’epoca, che era Roberto Morione, mi disse che c’era stato un’intervento di Ciancio in qualità di vicepresidente dell’Ansa. Io però non ho mai avuto la possibilità di verificare questa cosa», conclude Ranucci. Durante la prossima udienza si proverà a sentire il collaboratore di giustizia Giuseppe Raffa. L’uomo il giorno prima dell’udienza sarebbe stato arrestato impendendo di fatto la sua audizione. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]