La storia delle 5000 piante di pomodoro illegali a Ragusa. «Erano per uso domestico»

«Il contrasto alla contraffazione delle varietà vegetali protette è una battaglia difficile, ma necessaria per la salute pubblica, la sicurezza alimentare e l’economia». Ne sono convinti dall’Aib, l’ufficio che si occupa di lotta alle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale sui materiali vegetali e che ha segnalato la strana vicenda avvenuta nel Ragusano. La titolare di un’azienda agricola locale, dopo avere regolarmente comprato 5000 piantine di pomodorini di varietà registrata da un noto produttore olandese, ne avrebbe illecitamente duplicate altre 5000 per talea. Così, dopo la segnalazione, le piante sono state sequestrate nel corso di un controllo da parte dei funzionari dell’Ispettorato centrale repressione frodi presso il ministero per l’Agricoltura (Icqrf) e degli ufficiali della forestale della Regione Siciliana.

Individuato il lotto irregolare, la notizia di reato è stata trasmessa alla procura di Ragusa che, convalidato il sequestro, ha iscritto l’imprenditrice nel registro degli indagati per il reato di fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale. L’indagata, pur ammettendo il fatto, si è difesa sostenendo di avere agito in buona fede, senza avere consapevolezza della gravità del reato e con l’unico fine di assicurare a sé e alla sua famiglia il pomodoro sufficiente alla produzione di salsa per uso domestico. In realtà, dalle 5000 piantine irregolari – se non fossero state sequestrate e distrutte – si sarebbero potute produrre circa 15 tonnellate di prodotto, da cui avrebbero potuto essere ricavate circa 3000 bottiglie di salsa.

È stato il pubblico ministero a disporre la distruzione delle piante ottenute dall’attività di duplicazione illecita e a chiedere poi al giudice per le indagini preliminari di archiviare il caso per «particolare tenuità». Una richiesta di archiviazione contro cui si oppongono sia il produttore olandese che l’Aib. «La responsabile – sostengono – era perfettamente consapevole dell’illecito commesso». Il gip ha accolto la richiesta del pm perché l’indagata era incensurata e anche per l’impossibilità di stimare l’entità del danno per il produttore. «È una decisione che rispettiamo, ma che non ci convince – afferma il managing director di Aib Bruxelles Ignacio Giacchi – Ci preoccupa l’impatto sul comparto economico. Riscontriamo a malincuore, in certe zone d’Italia, una persistente scarsa sensibilità su temi che, invece, sono di vitale importanza per un intero settore dell’economia nazionale. Pronunce come questa – continua – rischiano di veicolare un messaggio opposto, semplificatorio e pericolosissimo».

«La ragione della tutela comunitaria su determinate varietà, frutto dell’impegno scientifico di chi le ha perfezionate e brevettate, non è solo economica – continua Giacchi – Non dobbiamo dimenticare che la replicazione illegale attraverso il taleaggio facilita la diffusione di pericolosi virus che possono distruggere le coltivazioni professionali di intere aree. Questo tema è particolarmente importante per tutta la Sicilia che investe ogni anno ingenti sforzi per mantenere la competitività. C’è anche il problema relativo alla tutela della salute dei consumatori. Quando una pianta viene riprodotta illegalmente, è sconosciuta al sistema fitosanitario nazionale, da qui la mancanza di tutte le tutele sul prodotto finale e sulle modalità di produzione per il consumatore». E poi, c’è da considerare che chi riproduce illegalmente svolge concorrenza sleale verso i coltivatori che utilizzano materiale originale. «Gli Stati che non si preoccupano di fare rispettare i diritti sulle varietà vegetali rischiano di lasciare i propri agricoltori senza nuove varietà che possano resistere alle sfide del cambiamento climatico. Le autorità – conclude – devono rendersi conto che la protezione delle varietà vegetali è una questione di sicurezza alimentare».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]