Polizia, il punto del sindacato su sicurezza in città Il segretario: «A Catania c’è anarchia istituzionale»

Riordino delle carriere e nuovo contratto di lavoro, risoluzione delle criticità emerse nel capoluogo etneo e aumento del controllo sul territorio: sono questi i quattro temi caldi affrontati questa mattina nel corso dell’assemblea sindacale del Siap, il sindacato italiano appartenenti polizia, presieduta dal segretario provinciale Tommaso Vendemmia. «Dal primo ottobre è iniziata una nuova fase di assestamento, propedeutica al riordino vero e proprio che avverrà tra cinque anni – spiega Vendemmia – con un aumento delle buste paga che sarà proporzionale al tipo di carica ricoperta e che avrà effetto anche sul contratto. Si tratta di un risultato su quale tutti i sindacati hanno lavorato in maniera congiunta». Per il segretario Siap l’aumento, che avrà un ammontare medio di 85 euro a busta paga, non risolve certamente i tanti problemi che da anni affliggono il corpo della polizia di Stato, ma è un passo in avanti in direzione del riordino, che definisce «una svolta importante, un po’ come è stata la legge 121», facendo riferimento all’ordinamento della pubblica sicurezza del 1981.

Per quanto riguarda la città di Catania, Vendemmia si esprime senza mezzi termini: «Qui vige una situazione che io definisco di anarchia istituzionale: lo abbiamo visto con l’aggressione al vigile Luigi Licari, e lo vediamo ogni volta che c’è uno sbarco: i vari corpi – carabinieri, municipale, polizia, e via discorrendo – lavorano ognuno per i fatti propri, senza coordinarsi tra loro. Operando in queste condizioni, non siamo preparati a collaborare». E al problema dell’assenza di un coordinamento sul territorio si aggiunge quello del sottodimensionamento dell’organico impiegato: «Ci impegniamo a chiedere l’aumento dell’ordine pubblico, al momento affidato totalmente alla questura, che si trova oberata di lavoro ogni volta che si verifica uno sbarco o in occasione delle partite di calcio; bisogna anche risolvere la spinosa questione degli straordinari, che sono alla base del lavoro in polizia: la nostra squadra mobile lavora quasi totalmente di straordinari, altrimenti servirebbero il doppio delle risorse. E si occupa di tutto, non solo di omicidi o mafia, ma anche delle singole emergenze cittadine, dallo scippo all’aggressione. Per non parlare della carenza di unità mobili: ci sono cinque commissariati e neanche altrettante unità disponibili durante la notte. Sta ai dirigenti avere la capacità di far funzionare il dipartimento».

Sulla sicurezza pubblica a Catania, Vendemmia parla di «casi di violenza gratuita, che sono un sintomo di debolezza, il risultato di scelte poco lungimiranti avviate anni fa». E sulle aggressioni ai danni di medici al pronto soccorso, autisti, vigili e ai tanti altri che si trovano a operare sul territorio, Tommaso Vendemmia dichiara a MeridioNews: «Si tratta a mio parere della conseguenza di una diminuzione costante di controllo sul territorio, ci sono troppi tavoli di ordine e sicurezza pubblica indetti dalla prefetta ai quali poi non si decide nulla». Ma le aggressioni, secondo Vendemmia, «sono anche il sintomo di un degrado sociale che è sorto perché i quartieri sono stati abbandonati: il Vittorio Emanuele si trova in un quartiere difficile ma la soluzione non è andare a militarizzare l’ospedale, ma piuttosto concentrarsi su specifici parametri di organizzazione in caso di emergenza da impartire allo stesso personale sanitario e investire sulle guardie particolari giurate e fare in modo che le regole sull’ingresso nel nosocomio, da limitarsi al paziente e a uno e un solo accompagnatore, vengano rispettate». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]