Pagina Facebook Giorgia Meloni

Politiche 2022, un solo vincitore e tutti gli altri vinti. Le priorità per promossi e bocciati

Chiuse le urne – archiviati exit pool e proiezioni – rimangono i numeri, dai quali non possono prescindere né interviste né tavole rotonde, con dichiarazioni ricche di analisi e commenti. Stavolta non si è assistito al vecchio scenario delle partite a carte e delle inevitabili discussioni che nascono alla fine di ogni mano quando i rilievi per una scelta sbagliata si intrecciano con le spiegazioni di chi, anche di fronte all’evidenza, si ostina a difendere la propria giocata.

Questa volta i numeri sono stati così chiari da sconsigliare qualsiasi tentativo di ipotetiche difese d’ ufficio, visto che, al di là delle spiegazioni più o meno fondate, difficilmente si può ignorare la verità che viene dalle urne: il Centro destra ha vinto, tutti gli altri hanno perso. E se anche si osservasse che dei due contendenti che si sarebbero dovuti sfidare, uno – il Centro sinistra – ha rinunciato a disputare la partita ancora prima di scendere in campo (come ampiamente dimostra il mancato raggiungimento di un accordo unitario cui si deve l’ordine sparso con cui hanno proceduto forze politiche che, se assieme, avrebbero potuto giocarsela o quantomeno tenere il risultato in bilico fino all’ultimo) poco importa: difficilmente, con i se e con i ma, si va avanti.

Che ciò sia accaduto non stupisce. Era nell’aria e l’evento non può considerarsi del tutto inatteso. In una democrazia, quando l’insoddisfazione raggiunge certi livelli, l’unica soluzione risiede nella stessa democrazia ed è rappresentata dall’alternanza. Ogni elezione, infatti, rappresenta un esame a tutti gli effetti al quale chi ha governato si presenta per avere un giudizio su ciò che ha fatto (ciò che avrebbe voluto fare e non ha fatto) e chi si propone per governare al suo posto per illustrare cosa farà di diverso e di meglio.

Nel nostro caso, gli esaminatori, cioè gli italiani, non hanno avuto dubbi, riponendo in Giorgia Meloni quella fiducia che hanno negato a Enrico Letta e che non hanno rinnovato a Luigi Di Maio e che hanno ridotto, almeno rispetto alle proporzioni dell’ultima tornata al Movimento fondato da Beppe Grillo, cui ultimamente è giunto in soccorso l’ex premier Giuseppe Conte. I numeri sono chiari per tutti: per chi è stato premiato, cui sicuramente la legittima soddisfazione per il risultato conseguito non farà perdere di vista la realtà, e per chi è stato bocciato che, piuttosto che impegnarsi in pietose analisi per mascherare l’evidenza dell’insuccesso, farebbe bene a concentrarsi seriamente sulla ricerca delle cause che lo hanno determinato.

Proprio i numeri saranno il punto di partenza per tutti: per il Pd che non ha convinto gli italiani della bontà delle scelte operate nella legislatura appena conclusa (all’opposizione durante il governo giallo-verde; in maggioranza con il quello giallo-rosso prima e con quello di larghe intese poi); per il Movimento 5 stelle, cui certamente servirà l’esperienza di quanto sia differente stare all’opposizione rispetto allo stare in maggioranza; per la Lega e soprattutto per il suo leader che, collocandosi a meno del 50 per cento rispetto al totale raggiunto da Fdi, ha dilapidato lo straordinario consenso delle ultime europee; per gli stessi Fratelli d’Italia, ai quali non può sfuggire il peso delle responsabilità che nascono da un esito elettorale così consistente e dalle attese che da esso scaturiscono.  

Mentre il partito dell’astensione, confermando la sua gravità e la sua incidenza, si attesta intorno al 36 per cento, la fase elettorale chiude i battenti e cede il passo alla fase istituzionale. Dopo l’insediamento dei nuovi parlamentari, si passerà alla elezione dei presidenti di Camera e Senato, si procederà con le consultazioni da parte del Presidente della Repubblica prima di arrivare all’incarico, più che scontato, al nuovo, anzi alla nuova, presidente del Consiglio.  A quel punto il quadro sarà ancora più chiaro: chi ha vinto si dedicherà a governare (misure anticrisi, sessione di bilancio, gestione Pnrr, guerra in Ucraina) e chi ha perso se ne starà all’opposizione, riflettendo sul perché della sconfitta e cercando di rigenerarsi negli uomini e nelle donne, nei contenuti e nelle strategie. Toccherà poi alla storia scegliere l’aggettivo più adatto per la pagina che è stata scritta con le Politiche del 2022.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]