Politiche 2018, la Lega raddoppia i voti in Sicilia Vinta sfida con Meloni, boom a Taormina col 23%

Quasi 1.300 voti, il 23,5 per cento. Il doppio del Pd, il triplo di Forza Italia. Taormina è l’epicentro dell’avanzata della Lega anche in Sicilia. Non certo uno sfondamento, come accaduto in tante Regioni del centro nord, ma una crescita costante: più che raddoppiate le preferenze ottenute alle Regionali di appena quattro mesi fa. A novembre il partito di Salvini ha raggiunto il 5,6 per cento ma in una lista che comprendeva anche Fratelli d’Italia, in totale 108mila voti che permisero di eleggere due deputati in quota Meloni e solo uno leghista. Oggi la Lega, da sola, conquista circa 119mila consensi: poco sopra il 5 per cento. Con picchi in alcuni territori legati a problemi storicamente cavalcati da Salvini (immigrazione e crisi dell’agricoltura) o a candidati e personalità radicati nel territorio (è il caso ad esempio degli exploit nella zona jonica messinese e a San Cataldo). «A Gela, in Sicilia, siamo al 7 per cento», dice Salvini, rivendicando una crescita anche a Sud, nell’attesa conferenza stampa con cui stamattina ha dettato la linea per le prossime settimane di trattativa in vista della formazione del nuovo governo: rimanere nel recinto del centrodestra senza tentare alleanze col Movimento 5 stelle. Almeno all’inizio.

«Non sfondiamo perché c’è stata la valanga del Movimento 5 stelle – spiega Angelo Attaguile, segretario del partito in Sicilia orientale – Ma abbiamo doppiato Fratelli d’Italia, ci scatta un seggio al Senato in Sicilia orientale, forse due deputati a Catania e uno a Messina con Carmelo Lo Monte. Chi l’avrebbe mai detto?». Il seggio a Palazzo Madama potrebbe spettare proprio ad Attaguile, secondo nel listino proporzionale dietro Salvini. «Io con un ruolo a livello nazionale? Deciderà Matteo». 

Nelle province orientali la Lega ottiene risultati che sfiorano e in alcuni casi superano la doppia cifra: oltre il 10 per cento a Cesarò, sui Nebrodi; il 9,8 ad Acate, paese a vocazione agricola, così come a Vittoria dove supera il 6 per cento; il 7,5 nella città di Gela, alle prese con la riconversione della Raffineria e molti operai alla canna del gas; oltre il 9 per cento a Pietraperzia, segnata da un escalation di atti intimidatori nei confronti delle istituzioni e dove poche settimane fa qualcuno ha pure sparato contro il centro d’accoglienza per i migranti. A San Cataldo, paese di origine dell’eurodeputato Alessandro Pagano, coordinatore del partito in Sicilia occidentale, si scavalca il 9 per cento. 

Roccaforte salviniana è la riviera jonica del Messinese: a Giardini Naxos e Letojanni la Lega supera il sette per cento. Ma il vero exploit è a Taormina, dove raggiunge il 23 per cento. Risultato che ha il volto di Pippo Perdichizzi, avvocato penalista, gestore di un bar nel corso centrale della cittadina. «Cinque anni fa mi hanno definito il Bossi di Sicilia – spiega – fondammo la Lega siciliana che poi è confluita in quella di Salvini, è un percorso che parte da lontano. Adesso dovranno fare i conti con noi per la sindacatura di Taormina». Il legale dà anche la sua personale interpretazione della crescita esponenziale del Movimento 5 stelle in Sicilia rispetto alle Regionali. «Che ha fatto Musumeci in questi mesi? Niente, se non buttare la Lega fuori dal governo. E questi sono i risultati: chi lo ha votato a novembre, oggi ha scelto Di Maio». Il governatore è avvisato. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]