Piazza Università, le guide turistiche in protesta «Difendiamo il nostro territorio e anni di lavoro»

«No alla guida abusiva, no alla guida nazionale». È questo lo slogan, urlato in diverse lingue, che ieri ha accompagnato la protesta delle guide turistiche catanesi, scese in piazza Università per opporsi alla recente normativa che ha stravolto il settore del turismo e della professione. Con un flashmob e un volantinaggio, in linea con lo stato di agitazione dell’intero comparto nazionale, i lavoratori locali hanno esposto i rischi ai quali andranno incontro i lavoratori del settore se non si interverrà con un provvedimento di urgenza. «La nostra professione è stata presa di mira dall’Europa che ha scardinato l’intero impianto economico del turismo», spiega Giusy Belfiore, presidente delle guide turistiche catanesi. «Attraverso una serie di norme, che hanno portato alla deregolamentazione della professione, ci ritroviamo oggi con operatori del settore stranieri, in particolar modo tedeschi, che lavorano in Italia, utilizzano i nostri servizi ma pagano le tasse nei loro Paesi».  

Prima dell’approvazione della recente normativa (la legge 97/2013), le abilitazioni per le guide turistiche erano di tipo territoriale, o provinciali o regionali. Con il recepimento della
direttiva Bolkestein la figura della guida turistica è stata inserita nella direttiva servizi anziché delle professioni, rendendo valida l’abilitazione a livello nazionale. «Questa legge non tiene conto dello straordinario patrimonio culturale che possiede l’Italia. Liberalizzando la professione si rischia di diventare tuttologi, con un inevitabile abbassamento della qualità dei servizi offerti ai turisti – continua Belfiore – Una guida tedesca non avrà mai la stessa conoscenza delle peculiarità e dell’identità del nostro territorio che ha una guida siciliana». In seguito alla legge 97, per normare la professione e difendere la qualità delle visite guidate, almeno nei siti più importanti e di maggiore rilevanza culturale, il ministero dei Beni culturali ha pubblicato il decreto ministeriale Franceschini e la lista dei Siti protetti. In base a questo, solo le guide con abilitazione specialistica di un certo territorio possono lavorare nei siti protetti, individuati da province o regioni, mentre le guide senza abilitazione specialistica possono operare dovunque tranne nei siti protetti. 

A fine febbraio, però, il
Tar ha annullato il decreto ministeriale Franceschini, gettando nel caos l’intera categoria. «L’introduzione della guida turistica nazionale – spiega Belfiore – è un enorme favore ai grandi tour operator internazionali, pronti a invadere il nostro territorio. Le multinazionali hanno premuto sull’Italia per deregolamentare il tutto e abbiamo la sensazione che il governo italiano non voglia porre rimedio a questa situazione». «Da un lato propinano l’importanza del turismo come fonte di occupazione e dall’altro mettono a rischio il nostro lavoro e la nostra professionalità, frutto di anni di sacrifici», conclude Belfiore. 

Dello stesso tenore sono le parole di Chiara Ponzo, giovane guida turistica catanese, che racconta le fatiche affrontate per raggiungere l’abilitazione. «Dopo
anni di sacrifici, in cui abbiamo conseguito una laurea, sostenuto esami di lingue, di storia dell’arte, sulle tradizioni popolari e sulla normativa turistica, per superare un esame durissimo, ci troviamo di fronte alla possibilità che qualcuno venga qui e ci tolga il lavoro. Tutti i giorni – afferma Ponzo – portiamo alto l’onore della nostra città con i turisti, perché è qui che siamo cresciuti e ci siamo formati. Siamo scesi in piazza per dimostrare che siamo pronti a lottare con le unghie e con i denti per difendere il nostro posto di lavoro», conclude Ponzo. La protesta, come annunciato dall’associazione delle guide turistiche catanesi, continuerà nei prossimi giorni con altre iniziative per chiedere una legge di riordino del settore al fine limitare i danni che l’attuale situazione normativa starebbe provocando.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]