Piazza teatro Massimo in balia delle auto I vigili: «Colpa dei catanesi indisciplinati»

Vedere auto, moto o motorini posteggiati in piazza Bellini – meglio nota come piazza teatro Massimo, come l’ente lirico che ospita – per i catanesi è usuale. Eppure la zona è a traffico limitato, in teoria transitabile solo dai residenti e per il carico e lo scarico degli esercizi commerciali dell’area. Di certo vige il divieto di sosta. A dissuadere dalla volontà di trasgredire le regole ci sono delle vere e proprie barriere: delle palle di cemento in ogni ingresso della piazza. Ma qualcuno le ha semplicemente spostate, come è visibile dalle foto, permettendo così l’accesso indisturbato ai mezzi. «Ce ne sono ogni giorno e a qualunque ora», dichiara la signora che vende tabacchi in piazza. «Io però non ce la metto mai, perché altrimenti prendo la multa di certo. I vigili non ci sono sempre ma, quando passano, fanno le contravvenzioni – conclude – Preferisco pagare le strisce blu , sebbene siano una spesa e non sempre sia facile trovare parcheggio». E della mancata sorveglianza continua da parte della polizia municipale cittadina sono in tanti a lamentarsi. Anche i cittadini under 30 che si sono organizzati nel gruppo Catania source proprio per risolvere tutti insieme piccoli e grandi problemi comuni, lamentano il mancato rispetto delle regole in piazza teatro Bellini, con tanto di foto.

Il transito delle auto, inoltre, danneggia il manto stradale che non è di asfalto, ma fatto di tante piccole mattonelle tra blocchi scolpiti di pietra lavica. Un lavoro già ripristinato in passato, anche se qualche rattoppo con l’asfalto c’è, a discapito dell’aspetto estetico della piazza. «Avevano iniziato a riempire le buche della piazza con la pece, dopo dieci email di protesta per fortuna hanno messo nuovamente i sanpietrini», scrive Luca D’amico a commento della foto pubblicata da Catania source. Non solo. Lamenta anche che «la fontana dei delfini è a secco da settimane e non si sa il perché» e le condizioni generali della piazza.

Oltre al continuo flusso di mezzi a motore che transitano, in effetti, la zona appare abbandonata a se stessa e in balia dei vandali. «Il teatro, nonostante le telecamere, è pieno di graffiti; la polizia si trova proprio sulla piazza ed alle spalle della stessa nonostante ciò si continua a spacciare e i posteggiatori controllano la zona», conclude D’Amico. «Anche sotto il palazzo delle finanze – dice Turi che abita lì vicino – si trovano sempre macchine posteggiate. Sono quelle di chi si occupa di Tributaria, ma dubito che siano autorizzati». «Per non parlare di quando i ragazzini escono da scuola  – continua il cittadino – I genitori parcheggiano direttamente lungo la via teatro Massimo fregandosene di ogni regola».

E in effetti proprio su via teatro Massimo c’è un commissariato di polizia, ma non è inusuale trovare posteggiata qualche auto di servizio accanto all’ingresso. La competenza, comunque, trattandosi di problemi di viabilità, è dei vigili urbani i quali però non riescono a fare un servizio continuo in loco. «Siamo troppo pochi e dobbiamo necessariamente girare per la città. Facciamo quel che possiamo, ma purtroppo i catanesi sono indisciplinati e non ci aiutano nel nostro lavoro. Hanno anche spostato i blocchi per impedire il passaggio», comunicano allargando le braccia dal comando etneo.


Dalla stessa categoria

I più letti

Un esempio di parcheggio selvaggio, nonostante la zona sia traffico limitato, in cui sono stati persino spostati i blocchi che dovrebbero impedire l'accesso ad auto e motorini. I residenti si lamentano del transito ingiustificato e dell'abbandono generale dell'area. «Il teatro, nonostante le telecamere, è pieno di graffiti; la polizia si trova proprio sulla piazza; alle spalle della stessa, nonostante ciò, si continua a spacciare e i posteggiatori controllano la zona». Ma la polizia municipale allarga le braccia: «Siamo troppo pochi e i cittadini non ci aiutano». Guarda le foto

Un esempio di parcheggio selvaggio, nonostante la zona sia traffico limitato, in cui sono stati persino spostati i blocchi che dovrebbero impedire l'accesso ad auto e motorini. I residenti si lamentano del transito ingiustificato e dell'abbandono generale dell'area. «Il teatro, nonostante le telecamere, è pieno di graffiti; la polizia si trova proprio sulla piazza; alle spalle della stessa, nonostante ciò, si continua a spacciare e i posteggiatori controllano la zona». Ma la polizia municipale allarga le braccia: «Siamo troppo pochi e i cittadini non ci aiutano». Guarda le foto

Un esempio di parcheggio selvaggio, nonostante la zona sia traffico limitato, in cui sono stati persino spostati i blocchi che dovrebbero impedire l'accesso ad auto e motorini. I residenti si lamentano del transito ingiustificato e dell'abbandono generale dell'area. «Il teatro, nonostante le telecamere, è pieno di graffiti; la polizia si trova proprio sulla piazza; alle spalle della stessa, nonostante ciò, si continua a spacciare e i posteggiatori controllano la zona». Ma la polizia municipale allarga le braccia: «Siamo troppo pochi e i cittadini non ci aiutano». Guarda le foto

Un esempio di parcheggio selvaggio, nonostante la zona sia traffico limitato, in cui sono stati persino spostati i blocchi che dovrebbero impedire l'accesso ad auto e motorini. I residenti si lamentano del transito ingiustificato e dell'abbandono generale dell'area. «Il teatro, nonostante le telecamere, è pieno di graffiti; la polizia si trova proprio sulla piazza; alle spalle della stessa, nonostante ciò, si continua a spacciare e i posteggiatori controllano la zona». Ma la polizia municipale allarga le braccia: «Siamo troppo pochi e i cittadini non ci aiutano». Guarda le foto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]