Piazza Armerina, denuncia per carenza di medici in ospedale Sindacato: «Con riforma regionale si chiude pronto soccorso» 

È partita con un esposto alla Procura di Enna la denuncia della Federazione sindacati indipendenti (Fsi) contro l’Asp, per interruzione di pubblico servizio e la carenza dell’organico di dirigenti medici di specialità presso il presidio ospedaliero Michele Chiello di Piazza Armerina.

Alla base ci sarebbe il malcontento verso la nuova bozza di rete ospedaliera siciliana presentata dall’assessore regionale Baldo Gucciardi per adattare l’Isola alle direttive del decreto Balduzzi. «Un piano sanitario totalmente fallimentare e incongruente per la Sicilia», sostiene il sindacalista Maurizio Libro che preannuncia le possibili conseguenze della legge qualora sarà approvata. «La bocciatura del decreto 46/2015 , dell’allora responsabile alla Sanità Lucia Borsellino – spiega Libro – ha messo tutto l’intero sistema sanitario in discussione. Attualmente le aziende sanitarie sono nel caos e la nostra convinzione è che il decreto verrà imposto dallo Stato alla Sicilia, costringendo l’assessore di turno a prendere provvedimenti con esiti disastrosi».

La sua applicazione provocherebbe la chiusura di parecchi reparti e la conversione, da unità operative complesse a semplici, di molte strutture ospedaliere. In ogni caso, uno degli aspetti più preoccupanti riguarderebbe la perdita di numerosi pronto soccorso. Nella fattispecie, per quanto concernerebbe la provincia di Enna, se venisse chiuso quello di Piazza Armerina, i paesi dell’entroterra che dipendono dal complesso e gli stessi cittadini verrebbero indirizzati verso l’Umberto I di Enna.

Una situazione inaccettabile se si pensa che la carenza di un collegamento viario adeguato comporterà il rischio della perdita di vite umane nei casi di estrema emergenza. «Come si può concepire – si chiede il sindacalista – l’idea di chiudere i pronto soccorso e alcuni presidi ospedalieri in zone dell’entroterra in cui c’è un’inefficiente rete stradale e dove la maggior parte dei cittadini sono anziani. Piazza Armerina, poi, è un territorio a valenza turistica perché patrimonio Unesco, con diverse scuole e il carcere». Un decreto che, secondo Libro, sarebbe stato pensato solo per città che possono contare su ottimi collegamenti stradali ma non per un territorio privo di infrastrutture adeguate. «Il diritto alla salute dei cittadini va garantito nelle aree metropolitane così come nelle zone periferiche», sottolinea.

Disagi e disservizi riguarderebbero non solo i cittadini ma anche gli stessi lavoratori. Il modello sanitario infatti creerebbe esuberi, bloccando invece le assunzioni che sarebbero necessarie in strutture che già patiscono la povertà di personale medico. Nella querela, come detto, la Fsi riferisce la mancanza di personale specializzato presso il Chiello. «Reputiamo opportuno – aggiunge il sindacalista – che l’ organizzazione e il controllo della turnistica da parte della direzione sanitaria nei reparti, che perdura ormai da anni, viola il diritto alla salute». E il referente della Fsi, consapevole del danno che il decreto potrebbe comportare, si dichiara intenzionato a bloccare l’assessorato con un sit-in

A intervenire nella vicenda è anche il sindaco di Piazza Armerina, Filippo Miroddi. «Siamo pronti ad affrontare qualsiasi emergenza e fare tutto il possibile per salvare l’ospedale. Molto probabilmente venerdì – commenta il primo cittadino – si svolgerà una conferenza tra tutti i sindaci del Libero Consorzio per decidere sul da farsi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]