Piano rifiuti, per il M5s «è scaduto prima dell’ok» Angelini: «Legato all’emergenza, che in Sicilia non c’è»

Cresce la confusione intorno alla gestione dei rifiuti in SiciliaOltre agli inceneritori spacciati per termovalorizzatori, c’è anche la questione del Piano dei rifiuti dell’Isola, che non si capisce se sia scaduto o mai adottato. Per il gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle all’Ars, il Piano rifiuti della Sicilia è «scaduto prima ancora di essere approvato, e, quindi, già da cestinare». «È uno dei mille paradossi – dice il presidente della commissione Ambiente del’Ars, il grillino Giampiero Trizzino – di una Regione che lavora poco, male e quando lo fa riesce a farlo pure fuori tempo. Ma forse questo non è casuale, come, del resto, nulla è casuale in Sicilia. Basti pensare alla centrale di biomasse di Enna, alla proposta di costruire termovalorizzatori, alla finta emergenza rifiuti al vaglio del governo Renzi e via discorrendo».

Secondo i grillini il nuovo piano, il terzo in 25 anni, che dovrebbe gestire l’intero ciclo dei rifiuti è scaduto il 31 dicembre scorso. «Ma in assessorato – aggiunge Trizzino – è tutt’ora in corso la procedura di Valutazione ambientale strategica (Vas), che in realtà andava fatta prima dell’approvazione del Piano. Anzi, proprio la mancanza della Vas, insieme all’enorme superficialità con la quale sono stati portati avanti i lavori, ha determinato l’allungamento dei tempi di approvazione, che sono andati ben oltre quelli previsti». Della Vas, anzi, alla Regione si sono completamente dimenticati prima dell’invio al ministero per l’approvazione, cosa che ha fatto tornare il progetto al mittente e costretto i tecnici a rimettersi al lavoro fino a oggi, a termini, però, già chiusi.

«Dal 1989 ad oggi – racconta Trizzino – sono tre i Piani redatti, e i cittadini attendono ancora di vedere il minimo risultato. Le uniche cose che questi Piani hanno prodotto sono faldoni in Procura e alla Corte dei Conti: si vedano, ad esempio, le indagini sui termovalorizzatori (i quattro impianti previsti in Sicilia e bloccati dalla magistratura europea, ndr) e sulle assunzioni anomale dei soggetti che hanno gestito gli ambiti territoriali». «Intanto – dice sempre il presidente della commissione Ambiente dell’Ars – i cittadini vengono presi in giro con le vecchie storie degli inceneritori, spacciati come indispensabili per risolvere emergenze che in realtà spesso sono create ad hoc. Noi, comunque, guardiamo avanti. Abbiamo già chiesto al presidente della Regione, Rosario Crocetta, un incontro nel quale proporremo che i principi contenuti nella nostra mozione che punta sui rifiuti zero vengano trasfusi nella nuova programmazione».

Sull’argomento abbiamo chiesto qualche delucidazione ad Aurelio Angelini, docente all’università di Palermo di materie legate alla tutela dell’ambiente, considerato uno dei massimi esperti in Sicilia in materia di raccolta e trattamento dei rifiuti. «In giro c’è un po’ di confusione – dice il professore -. In realtà, il Piano regionale dei rifiuti non è scaduto. Il problema è diverso. Il Piano regionale dei rifiuti della Sicilia del 2012 è legato all’emergenza. Ed è superato perché in Sicilia non c’è alcuna emergenza in materia di rifiuti. Nella nostra Isola manca invece il Piano di gestione dei rifiuti. Per la precisione, siamo l’unica Regione europea a non avere ancora adottato il Piano di gestione dei rifiuti. Da questo Piano che non c’è discendono tutte le scelte tecniche, amministrative ed economiche».

«Il Piano del 2012, lo ribadisco – aggiunge Angelini – è di emergenza. E serve per le emergenze, non per gestire i rifiuti in condizioni normali. Tra l’altro, si tratta di un Piano mai entrato in vigore perché, tra le altre cose, manca la Vas». Ricordiamo ad Angelini che un mezzo testo di Valutazione ambientale strategica è stato inviato dagli uffici della Regione al ministero dell’Ambiente. «È vero – risponde il docente universitario -. Ma il ministero ha imposto una serie di prescrizioni. Sono state rispettate?». Detto questo, Angelini precisa: «In questa storia ci sono altri aspetti poco chiari, se non paradossali. Chi è che può emanare un Piano dei rifiuti in emergenza? Ci vuole il commissario per l’emergenza rifiuti. Ma il commissario per l’emergenza rifiuti non c’è, perché Roma, giustamente, non ha certificato in Sicilia la presenza di un’emergenza rifiuti. Quindi sono finiti in un cul-de-sac».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un progetto circondato dal mistero. «Ancora in attesa della valutazione ambientale strategica, ma comunque fuori tempo massimo» secondo il presidente della commissione Ambiente del'Ars, il grillino Giampiero Trizzino. «Un piano che serve per le emergenze, che il governo nazionale non ha certificato sull'isola, e non per gestire i rifiuti in condizioni normali», secondo il docente di Tutela dell'ambiente Aurelio Angelini

Un progetto circondato dal mistero. «Ancora in attesa della valutazione ambientale strategica, ma comunque fuori tempo massimo» secondo il presidente della commissione Ambiente del'Ars, il grillino Giampiero Trizzino. «Un piano che serve per le emergenze, che il governo nazionale non ha certificato sull'isola, e non per gestire i rifiuti in condizioni normali», secondo il docente di Tutela dell'ambiente Aurelio Angelini

Un progetto circondato dal mistero. «Ancora in attesa della valutazione ambientale strategica, ma comunque fuori tempo massimo» secondo il presidente della commissione Ambiente del'Ars, il grillino Giampiero Trizzino. «Un piano che serve per le emergenze, che il governo nazionale non ha certificato sull'isola, e non per gestire i rifiuti in condizioni normali», secondo il docente di Tutela dell'ambiente Aurelio Angelini

Un progetto circondato dal mistero. «Ancora in attesa della valutazione ambientale strategica, ma comunque fuori tempo massimo» secondo il presidente della commissione Ambiente del'Ars, il grillino Giampiero Trizzino. «Un piano che serve per le emergenze, che il governo nazionale non ha certificato sull'isola, e non per gestire i rifiuti in condizioni normali», secondo il docente di Tutela dell'ambiente Aurelio Angelini

Un progetto circondato dal mistero. «Ancora in attesa della valutazione ambientale strategica, ma comunque fuori tempo massimo» secondo il presidente della commissione Ambiente del'Ars, il grillino Giampiero Trizzino. «Un piano che serve per le emergenze, che il governo nazionale non ha certificato sull'isola, e non per gestire i rifiuti in condizioni normali», secondo il docente di Tutela dell'ambiente Aurelio Angelini

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]