Piano giovani, Lo Bello: «Ci sarà il terzo click day» Ma la Sicilia rischia di vedere dimezzati i fondi rimasti

Mentre tra gli operatori della Formazione professionale siciliana monta la protesta, il governo regionale ricorre al solito valzer delle promesse, con qualche cambio di scena. Fuori Nelli Scilabra, ad affermare che è tutto a posto è la nuova assessora Mariella Lo Bello che ieri sera, a Sala d’Ercole, si è esibita in una nuova serie di «tranquilli, non ci sono problemi». Roma? «Non ha tagliato i fondi del Piano Giovani», ha detto Lo Bello. In realtà, da indiscrezioni, si apprende che l’incontro andato in scena lunedì scorso nella capitale non sarebbe andato benissimo. In ballo, com’è noto, ci sono250 milioni di euro del Piano giovani non ancora utilizzati

Sono le risorse finanziarie che fanno parte dei fondi Pac – 3,5 miliardi di euro in tutto il Sud, un miliardo e 200 milioni di euro solo in Sicilia – già requisiti dal governo Renzi. Al prelievo mancano ancora gli ultimi dettagli. Il governo nazionale deve ancora dire se se li prenderà tutti, se ne lascerà un po’ alla Sicilia o se – come ha affermato temerariamente ieri sera a Sala d’Ercole l’assessora Lo Bello – li lascerà tutt’e 250 alla Sicilia. A noi risulta che Roma, avendo saputo che a Palermo, nel mondo della Formazione professionale, si preparano scioperi a catena, ha deciso di rinviare la decisione. E risulta anche che, se andrà bene per la Sicilia, Roma si incamererà almeno la metà di questi 250 milioni. 

Ma l’assessora alla Formazione ha affermato che il governo Renzi non scipperà un solo euro dai fondi del Piano giovani. Dunque non ci dovrebbero essere problemi per la terza annualità dell’Avviso 20. E neanche per i tirocini formativi. L’assessore ha detto che dopo i due click-day della scorsa estate, considerati validi (al netto di migliaia di ricorsi da parte di giovani disoccupati esclusi) ci sarà il terzo click-day. Insomma, si proseguirà assegnando i tirocini formativi sempre via internet, lasciando fuori i giovani disoccupati che non vanno sulla rete. 

L’occasione per dare modo agli stessi ragazzi che non vanno sulla rete di confezionare un’altra caterva di ricorsi che si andranno ad aggiungere a quelli presentati. Stando a quello che ha detto ieri sera Lo Bello, i problemi con Ett – la società ligure che era stata chiamata a fornire e gestire la piattaforma informatica – dovrebbero essere stati risolti. A noi risulta che è ancora in corso una trattativa per definire i rapporti tra il dipartimento regionale della Formazione e questa società. E che l’accordo non è ancora stato trovato. 

L’assessora ha detto inoltre che ripartirà anche il progetto Prometeo. Per la cronaca, è il progetto da 35 milioni di euro che la Regione ha affidato al Ciapi di Priolo. Operazione nata male tra il 2013 e il 2014. I soldi sono arrivati dalle economie dell’Avviso 20, il mega bando finanziato con il Fondo sociale europeo (Fse). Con queste somme non spese l’amministrazione regionale, legge alla mano, avrebbe dovuto finanziare enti che erano rimasti fuori dalla graduatoria dello stesso Avviso 20. Facendo, per l’appunto, scorrere la graduatoria. Ma il dipartimento Formazione – retto all’epoca dei fatti dalla dirigente generale, Anna Rosa Corsello – ha deciso di utilizzare questi 35 milioni per un bando destinato ai dipendenti del settore rimasti senza lavoro dopo la chiusura del Cefop e le disavventure dello Ial Sicilia e di altri enti e società della formazione (anche se non è chiaro come sia possibile, con i fondi europei, creare bandi ad hoc). 

Un ente di Monreale – il Ted – che è primo in graduatoria e che è rimasto escluso ha presentato ricorso al Tar Sicilia, chiedendo la sospensiva del provvedimento (ha chiesto, in pratica, di bloccare il progetto Prometeo messo su, di fatto, con i soldi che sarebbero dovuti andare agli enti e alle società del settore con lo scorrimento della graduatoria). Il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva, mentre il Cga – Consiglio di giustizia amministrativa, in Sicilia organo di appello del Tar – ha accolto la richiesta di sospensiva

Morale: in attesa che il Tar entri nel merito della questione il progetto Prometeo è bloccato. Perché bisogna capire se i 35 milioni di euro debbono andare al progetto Prometeo o agli enti rimasti fuori dalla graduatoria (la seconda ipotesi è la più probabile, perché il Tar non dovrebbe smentire il Cga). Ieri, però, in Aula, l’assessora Lo Bello ha detto che il progetto Prometeo ripartirà, supponiamo a prescindere dal giudizio del Tar ancora pendente. Un atto di grande coraggio, perché in questa storia si potrebbe configurare un danno erariale. Resta da capire se la firma sulla ripartenza del progetto Prometeo la apporrà lo stesso assessore o i dirigenti del dipartimento. Tema centrale, questo, perché chi firmerà corre anche il rischio di rispondere in solido. 

Intanto stamattina il gruppo parlamentare di Forza Italia all’Ars terrà una conferenza stampa proprio sulla formazione professionale. Già ieri il vice capogruppo, Vincenzo Figuccia, ha annunciato che il suo partito, già a partire da oggi, sarà in piazza con i lavoratori per manifestare contro un governo regionale «che da due anni promette, ma non mantiene gli impegni che assume».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]