Piano di rientro, giunta chiede una modifica al Consiglio Serve copertura per gli interessi sul prestito statale

Nei prossimi giorni, probabilmente già prima del 31 dicembre, il consiglio comunale di Catania verrà convocato con urgenza per tornare a parlare del piano di riequilibrio finanziario, lo strumento, approvato nel settembre del 2013 dalla Corte dei conti regionale, attraverso cui in dieci anni l’ente potrà mettere in sicurezza i conti e ottimizzare le spese. Con tanti sacrifici per i cittadini in termini di imposte e tagli ai servizi. Adesso l’assemblea cittadina è chiamata ad apportare una modifica a quel piano, redatto dalla precedente amministrazione Stancanelli e portato avanti anche dall’attuale giunta Bianco. Serve inserire la copertura agli interessi derivanti dall’accesso ai fondi del decreto legge 35. «Si tratta di tre milioni e 800mila euro, oneri finanziari sui 175 milioni che abbiamo ottenuto dallo Stato e con cui abbiamo pagato i creditori. Saldati i debiti verso questi ultimi, gli interessi non aumenteranno nel tempo e non si creerano nuovi oneri la loro rivalutazione», spiega l’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando. Ma in poche parole, nel piano va spiegato dove andranno presi i soldi – i quasi quattro milioni – per pagare gli interessi del prestito statale.

Il dl 35 rappresenta lo strumento – promosso dal governo Monti – per pagare i debiti scaduti della pubblica amministrazione. Prestiti che lo Stato concede agli enti locali a tassi agevolati: cioè con un interesse del due per cento, la metà rispetto ai tassi comuni del mercato. Il Comune di Catania ha ricevuto 190 milioni di euro, di cui 175 sono stati utilizzati per pagare i creditori, mentre 15 milioni sono stati restituiti. «Perché – spiega Girlando – siamo riusciti a ottenere degli sconti da alcune transazioni con qualche grosso creditore». 

Un anno fa, tuttavia, l’amministrazione annunciava che, grazie al ricorso ai fondi del dl 35 e al pagamento di interessi dimezzati, si sarebbe potuto ricorrere in misura minore alle anticipazioni di cassa, cioè ai soldi che le banche anticipano al Comune, in perenne crisi di liquidità. È con quel risparmio che si sarebbero dovuti coprire gli interessi del prestito statale. Che dal prossimo anno diventeranno circa quattro milioni e 200mila euro, e così negli anni a seguire, considerato che il debito nei confronti dello Stato verrà spalmato su trent’anni. 

Le risorse invece sono state trovate altrove. «Quest’anno – spiega Girlando – riusciremo a trovare la copertura in risorse aggiuntive e nuovi risparmi non prevedibili qualche anno fa». Si tratta di un milione e 800mila euro derivante dalla valorizzazione della rete del gas e dall’abolizione di una legge nazionale che imponeva ai Comuni di anticipare le spese d’affitto e di manutenzione degli immobili destinati a sedi giudiziarie, a cominciare dal tribunale. «Il ministero rimborsava a posteriori, ma solo per il 20 per cento – sottolinea Girlando – era insomma una fregatura per il Comune, ma dal 1 settembre 2015 non sarà più così». 

Le coperture per quest’anno, quindi, nascono anche da «un colpo di fortuna», come ammette lo stesso assessore. Ma intanto resta il dato – non chiarito dall’amministrazione – che gli interessi sul prestito dello Stato si vanno a sommare a quelli che già si pagano alle banche per le anticipazioni di cassa. Senza alcun risparmio. Privando il bilancio, già di per sé asfittico, di somme che sarebbero potute essere destinate ad altri servizi. Una situazione che rischia di peggiorare dal prossimo anno, quando la contabilità dovrà essere fatta sulla base del principio di cassa: non si potrà spendere secondo le entrate previste, ma solo in modo proporzionale alla liquidità di cui il Comune dispone. Un grosso problema per un ente che nel 2013 è stato capace di riscuotere solo il 58 per cento delle tasse


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]