Perso l’amore (non resta che bere)

Autore: Marco Rossari
Casa editrice: Fernandel
Pagine: 157
Costo: 12 euro

Perso l’amore non resta che bere, un endecasillabo perfetto su cui Rossari costruisce la sua storia, una storia che comincia da un rientro e finisce con una partenza. Il rientro è quello londinese del protagonista, partito da solo, in un periodo di crisi con la ragazza. E proprio l’ultima notte di quel viaggio di cui sappiamo pochissimo, Marco tradirà la ragazza con un’australiana ciclo fornita e senza precauzioni. E’ l’inizio delle sue paranoie ipocondriache, una macchia sul re di Spagna (un modo elegante per dire “il cazzo”) getterà il protagonista in una situazione di sconforto dovuta a una sieropositività presunta.

Marco ha due amici: Leo, cameriere in una discoteca fighetta, rincasa esausto verso le cinque della mattina, mangia un barattolo di mozarella di bufala, vomita, dorme fino alle quattro del pomeriggio, si alza depresso per fare qualche telefonata, esce per andare a bere l’aperitivo e da lì va a lavorare già sbronzo, e non smette più finché non rincasa verso le cinque, mangia un barattolo di mozzarella di bufala, vomita, eccetera eccetera. Tommaso invece è uno studente di medicina, 22 anni e mai una ragaza. Al momento dell’arrivo di Marco all’aeroporto di Linate i 2 amici sono fradici di tequila. Hanno estorto all’Alitalia i nomi dei passeggeri sul volo e hanno bevuto uno shot sale e limone per ogni bar da viale Tibaldi a Linate.

La storia d’amore di Marco finirà poco dopo il suo rientro, come previsto. Non funzionava più. Allora sarà un crescendo di sbronze. Fino alla svolta decisiva: la notte tra il 28 e il 29 Dicembre, dopo un paio di giorni di febbre, Marco si sveglia con uno strano dolore al petto. Finirà in clinica dove trascorrerà il capodanno insieme al Doktor Strunz che gli diagnosticherà una pericardite che non farà altro che alimentare i suoi deliri ipocondriaci (paura di allontanarsi dal raggio d’azione degli ospedali “in ospedale ce la fai sempre, a meno che non sia un attacco davvero fulminante“, mano sul collo per controllarsi le pulsazioni cardiache). L’ospedale sembra più un punto di partenza che un punto d’arrivo, perché Marco riesce, grazie anche ad una serie di dialoghi allucinati con immaginarie infermiere, in un processo introspettivo.

Sempre in clinica, il Giovane Infartuato (così si definirà Marco), incontrerà Giulia . “Chi è, dove l’ho già vista? Ma certo! Giulia! L’amica di Sergio che ho conosciuto a Londra. Quella che ha fatto saltare il tappo della fedeltà, passandomi sotto il naso l’elisir dell’invaghimento“. Una volta uscito dalla clinica Marco scoprirà nuove droghe (l’aspirina) e tornerà ai vecchi piaceri (l’acol).

Voglio gridare e pestare i piedi e diventare paonazzo come un bambino, fermare l’aereo, virare e tornare indietro. Bere per tutta la vita birre tall e collezionare le lattine in un angolo della cucina. E ogni volta che qualcuno mi chiede come sto indicare il mucchio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]