«Perché lavoriamo?». A UniCt l’analisi sul precariato Un ciclo di lezioni aperte su cronaca e temi d’attualità

Nell’era dei contratti precari, dei lunghi stage formativi e dei periodi di prova non retribuiti c’è chi prende di petto la situazione e si domanda: Perché lavoriamo?. Se ne è parlato ieri pomeriggio all’ex Monastero dei Benedettini in occasione del primo appuntamento con Zammù Spotlight, il nuovo format di Zammù Multimedia che si terrà una volta la mese in un diverso dipartimento dell’università di Catania. «Così porteremo la radio in giro e ci faremo conoscere oltre i confini del Monastero, dove radio Zammù è nata», spiega a MeridioNews lo speaker Mauro Gemma. E non a caso il primo incontro si è svolto proprio al dipartimento di Scienze Umanistiche. «Ci sembrava doveroso partire da qui – chiarisce la collega Renata Giordano – non solo perché siamo particolarmente legati a questo posto, ma anche per il tema trattato».

Ad inaugurare il ciclo di open lesson rompendo il ghiaccio con gli studenti lo scrittore Daniele Zito, autore di Robledo (Fazi Editore), che nel suo secondo romanzo descrive in modo provocatorio un mondo dove si lavora senza essere pagati. «Fino a cinque anni fa ero circondato da persone che lavoravano senza essere pagate, me compreso, e a un certo punto mi sono domandato il perché», spiega Zito, 37 anni. «Il mondo del lavoro è mutato e continua a mutare, cambiando volto e modalità di sfruttamento – aggiunge – mentre mi sembra che la società resti immobile, come una grande spugna che assorbe i cambiamenti e li interiorizza. Chissà quanti giornalisti che guadagnano un euro ad articolo per avere il tesserino ci sono tra di voi, quanti volontari che lavorano nei musei e nelle biblioteche, quanti che scrivono un libro senza guadagnarci pur di potersi dire scrittore».

E proprio dalle riflessioni di Zito prende spunto il discorso del primo ospite del format, Raimondo Catanzaro, docente di Sociologia e Sociologia economica nelle Università di Catania, Trento e Bologna. «Lavoriamo perché abbiamo bisogno di avere un’identità rispettabile nel mondo e nei confronti degli altri – dice a MeridioNews pochi minuti prima dell’incontro – e il lavoro è uno dei modi con cui possiamo conquistarci questa identità. Da sempre, o almeno da qualche secolo a questa parte». Se nella tradizione cristiana il lavoro era visto come una condanna e veniva svolto da schiavi e servi della gleba che erano proprietà dei padroni, tra il 16esimo e il 17esimo secolo da umiliazione diventa mestiere riconosciuto, professione, vocazione. Un fattore importante nella costruzione dell’identità della persona e dei rapporti con gli altri.

«La dimensione del lavoro coincide, a un certo punto, con quella personale e con quella di gruppo. Come dicono gli americani Niente ha più successo del successo. E il lavoro che ha successo è quello che agli occhi degli altri rende di più». Ai nostri occhi, invece, ciò che rende di più è farlo al meglio delle nostre capacità e possibilità. Se piace, e soprattutto se non piace. Perché in quel caso la sfida è ancora più grande e diventa un dovere etico. «Oltre alla sfera individuale dal lavoro dipende, in parte, anche quella sociale, poiché si creano gruppi di riferimento e cerchie di riconoscimento con cui si hanno interessi in comune e che definiscono la nostra appartenenza, i valori a cui ci ispiriamo e il modo in cui ci approcciamo agli altri», conclude il professore.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]