Pd di Messina bloccato dalla fronda Genovese Raciti commissario: «Va ricostruito il partito»

«I fatti giudiziari vanno distinti da quelli politici». Con questa convinzione, Fausto Raciti assume il controllo del Pd messinese. Ieri, il commissariamento, a seguito delle dimissioni del segretario provinciale, Basilio Ridolfo. Il leader siciliano dei Democratici assume personalmente le funzioni di commissario, convinto che la «litigiosità dei gruppi dirigenti» sia alla base dell’«assenza di politica» nell’area peloritana.

Proprio l’impossibilità di dirimere le controversie tra il gruppo di Francantonio Genovese, parlamentare attualmente agli arresti e sotto processo nell’ambito dell’inchiesta Corsi d’oro sulla formazione professionale, e le correnti minoritarie, ha indotto Ridolfo alle dimissioni. Uno stallo che non ha permesso di procedere al nuovo tesseramento, né alla costituzione degli organismi locali di governo, invocati a più riprese da renziani, cuperliani, civatiani e quant’altro.

Quella del Partito democratico di Messina, del resto, è una crisi che si protrae da almeno due anni. Già la sconfitta elettorale nel 2013, alle amministrative del capoluogo, lasciava intendere che qualcosa non andasse. L’arresto di Genovese, un anno dopo, è stato un ulteriore segnale. Alla luce di queste considerazioni, forse, il commissariamento avrebbe potuto essere più tempestivo. «Intanto – fa rilevare il segretario regionale – bisogna dividere le questioni. La segreteria di Ridolfo nasce dopo la sconfitta delle amministrative in una logica unitaria per provare a superare le difficoltà che quei fatti ci consegnarono. In merito a Genovese, ho sempre scisso le due questioni e continuerò a farlo sempre. Una cosa sono i fatti giudiziari, una i fatti politici. Sarebbe stato sbagliato scaricare su Ridolfo la responsabilità di una vicenda che non lo riguardava».

Ciononostante, il Partito democratico messinese appare da tempo in stato confusionale. Non ha una posizione unitaria nemmeno su temi che, storicamente, dovrebbero essere di sinistra o di centrosinistra, come il registro delle unioni civili o l’isola pedonale, solo per citarne alcuni. Proprio questa incapacità di fare sintesi fa sì che in consiglio comunale, sempre nel capoluogo, si tenti di allungare il brodo invece di provare la strada della sfiducia di un sindaco, Renato Accorinti, che non ha mai avuto una maggioranza. Per non parlare delle ultime amministrative in provincia, caratterizzate da conclamate lotte intestine, come a Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto.

«A Messina – prosegue – è mancata la politica. Abbiamo provato diverse volte e in più occasioni a rilanciare l’azione del partito, trovando difficoltà enormi, spesso causate dalla litigiosità dei gruppi dirigenti. Commissariare una struttura territoriale non è mai una scelta semplice ma a Messina si è reso necessario. A mio avviso va ricostruito interamente il partito, valorizzando tantissima classe dirigente che, nonostante tutto, in questi mesi si è formata». Quello che Raciti rischia di ritrovarsi, adesso, è un partito ostaggio di un gruppo, quello dei genovesiani, che, come ammesso dallo stesso Ridolfo a Meridionews nei mesi scorsi, si mette di traverso rispetto a un rinnovamento che appare a molti indispensabile. 

Il fatto che il segretario abbia deciso di assumere in prima persona il ruolo di commissario è, tuttavia, dovuto dalla esclusiva necessità di «dare una risposta celere alle dimissioni di Ridolfo, a cui va il mio affetto e ringraziamento per il difficile lavoro che ha provato a portare avanti». «Non è detto che resti io – aggiunge – quello di Messina è un partito che va seguito quotidianamente e al quale va dedicato molto tempo. Il commissariamento va ratificato dalla direzione nazionale e in quella sede, assieme a Roma, valuteremo se sia più opportuno che resti io oppure individuare un soggetto più esterno». E a chi, come primissimi atti, si attende il tesseramento e il rinnovo degli organismi locali, Raciti risponde: «La prima cosa sarà un confronto con i militanti di Messina per capire assieme come rilanciare il partito».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]