Partecipate, Orlando scarica Pagliaro  «Se un presidente non va lo cambio»

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, entra a gamba tesa sul presidente dell’Amg Mario Pagliaro. Intervenuto a un’iniziativa della Cisl all’Istituto Pedro Arrupe su partecipate e servizi, il primo cittadino non ha avuto remore nell’attaccare il chimico del Cnr, messo a capo dell’azienda soltanto ad agosto con grandi aspettative: «Credo che sia necessario un confronto con i sindacati. Se c’è qualche presidente che non va si sostituisce, sia chiaro. Le scelte dei presidenti sono responsabilità mia: come li nomino, li revoco. Uno può essere uno scienziato, ma l’azienda deve funzionare». 

La dura presa di posizione di Orlando arriva dopo gli screzi fra lo stesso Pagliaro e una bella fetta di dirigenti e dipendenti. Nei giorni scorsi, infatti, una settantina di dipendenti ha firmato una lettera di sfiducia nei suoi confronti, mentre il consiglio di amministrazione ha bocciato la sua proposta di avocare a sé alcune funzioni dirigenziali. Il presidente dell’Amg aveva illustrato al Consiglio comunale la carenza di figure professionali specifiche, anche in seno allo stesso Cda, ma l’aula, e in particolare le opposizioni, Pd e Forza Italia in testa, avevano rimproverato l’atteggiamento «troppo personalistico» di Pagliaro. «L’Amg è una partecipata e come tale deve rispondere al Consiglio comunale, cioè ai cittadini», aveva attaccato il capogruppo azzurro Giulio Tantillo

Ma non c’è solo l’Amg. Durante l’incontro al centro Arrupe, cui hanno partecipato anche l’assessore all’Ambiente Cesare Lapiana e diversi consiglieri comunali, non sono mancate le polemiche anche sulle altre aziende di Palazzo delle Aquile, soprattutto sui temi caldi come il tram o i rifiuti. Il sindaco ha cercato di rispondere punto su punto alle critiche del sindacato e ha promesso un incontro confederale il 7 gennaio per programmare il nuovo anno, mentre il 23 dicembre vedrà le sigle della Reset per discutere l’aumento del monte ore. L’azienda presieduta da Antonio Perniciaro ha compiuto un anno proprio oggi e da domani sarà una consortile a tutti gli effetti dopo l’ingresso in qualità di soci di Amat e Amg. «Questo – ha commentato Perniciaro – completa il percorso di coinvolgimento diretto di tutte le aziende del Comune di Palermo e rappresenta un nuovo inizio per sinergie e collaborazioni».

«Il nostro obiettivo – ha detto Orlando – era innanzitutto quello di mettere in sicurezza il bilancio, che a Palermo, a differenza di altre città, significa mettere in sicurezza la città, perché le società sono interamente partecipate dal Comune. E oggi non c’è una sola partecipata in crisi. Sono tutte in utile di bilancio. Non ce n’è una a rischio fallimento. E tutte hanno una dimensione progettuale». Molto dura la replica di Dionisio Giordano della Fit Cisl Ambiente: «Non è vero che la Rap è in equilibrio finanziario. Dietro quei 200mila euro di utile c’è qualcosa che non va. Di recente il Comune ha ritirato 5 milioni di euro sul contratto di servizio e quindi c’è una perdita effettiva di 2-3 milioni. La prospettiva per l’anno prossimo è un segno negativo di 16 milioni. Dei 128 milioni di tassa sui rifiuti, alla Rap non ne spettano neanche 100. La prospettiva economico-finanziaria del 2016 è terribile. È inutile parlare di progettualità, dobbiamo guardare la realtà. Marino (il presidente dell’azienda, nda) può fare anche i miracoli, ma se non arrivano i soldi non bastano. Fra l’altro il presidente ci ha comunicato che fra quattro o cinque mesi tornerà a fare altro nella sua vita».  

Che non siano tutte rose e fiori lo conferma anche la segretaria Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca: «Per ogni partecipata sono tanti i nodi da risolvere – ha sottolineato  -,  ognuna con le sue specificità. La riorganizzazione futura anche in un’unica società non può prescindere dalla soluzione dei problemi delle singole aziende, che sono tanti, spesso economici, e che ne mettono a rischio la sopravvivenza. La tutela di tutti i lavoratori è il nodo fondamentale, bisogna partire da quella per innescare una gestione industriale delle singole realtà che coniughi sviluppo, lavoro e servizi finalmente adeguati». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]