Parcheggi, car pooling Cittadella L’Ateneo apprezza ma non partecipa

Come ogni anno ad ottobre riprendono le lezioni e per gli studenti e i professori della Cittadella universitaria torna il dramma del parcheggio. Un problema che, secondo l’Ateneo, da quest’anno dovrebbe essere stato in parte superato con l’entrata in vigore – lo scorso 6 luglio – del nuovo regolamento per la circolazione e la sosta dei veicoli nel centro universitario. Questo piano prevede 400 posti liberi all’interno della Cittadella, di cui 90 a pagamento e 330 riservati al personale. Più 1300 gratuiti riservati a studenti e docenti nel parcheggio Santa Sofia di via Zenone.

Per scongiurare lo stress da posto auto, il Momact (ufficio di Mobility management dell’Università), impegnato a studiare forme di mobilità sostenibile, consiglia inoltre l’utilizzo delle linee di trasporto pubblico, ciclomotori o biciclette. E suggerisce soluzioni alternative come il car pooling per la condivisione della stessa automobile. Idea quest’ultima che l’ateneo sposa in pieno ma non appoggia nella concreta realizzazione.

Perché a mettere su il progetto di Micro car pooling Cittadella, di fatto, ci hanno pensato alcuni studenti. «Esasperati dal problema, siamo spesso costretti a recarsi in Cittadella con due ore d’anticipo sulle lezioni pur di trovare un posto auto», racconta Moreno Bonaventura, uno degli ideatori. «In certi casi per il parcheggio si è arrivati anche alle mani. Queste cose sono impensabili, specie all’università», continua.

L’idea è semplice. Per sfruttare quanto più possibile il parcheggio gratuito Santa Sofia, in assenza di una navetta che trasporti gli studenti da questo punto alla Cittadella, si può fare car pooling, soprattutto durante gli orari di punta. Gli studenti si organizzano in gruppo, scegliendo un’automobilista tra loro. E dopo aver lasciato la propria vettura in via Zenone, si spostano dal parcheggio con una sola automobile. Questo meccanismo renderebbe il sistema mobilità più sicuro, veloce e all’insegna dell’ecosostenibilità.

«Per la realizzazione del progetto abbiamo chiesto la collaborazione di Carpooling.it che ci ha suggerito come gestire al meglio il servizio e ci fornirà gli appositi adesivi da applicare sulle automobili carpooliste. Questo serve infatti ad identificare i soggetti che aderiscono al progetto ed evitare il sorgere di eventuali timori nell’accettare un passaggio da possibili sconosciuti», racconta Bonaventura. «Sappiamo bene che all’inizio ci sarà molta diffidenza. Qui non siamo abituati a questo tipo di soluzioni ma si tratta di un sistema già sperimentato che, in altre città, funziona benissimo». Perché possa partire anche a Catania, in piccolo nella Cittadella Universitaria, occorre però l’interesse di tutti, degli studenti come dell’Università.

Di fatto, all’Ateneo i promotori dell’idea hanno chiesto di riservare un certo numero di posti auto della Cittadella alle vetture carpooliste. Richiesta che non è stata accettata. «Sposiamo in toto la soluzione proposta dai ragazzi – ci dice la professoressa Annalisa Greco, responsabile del Momact – ma le condizioni attuali ci spingono a lasciare il sistema della mobilità, almeno per ora, invariato. Cosa che non vieta agli studenti di iniziare a sperimentare da soli la soluzione proposta».

Senza il concreto appoggio dell’Università, però, l’dea degli studenti rimane solo una proposta, difficile da realizzare. «Solo avendo la garanzia di un parcheggio sicuro all’arrivo, gli studenti si sentiranno invogliati a fare car pooling, lasciando la propria automobile in via Zenone», spiega l’organizzatore. A giorni le lezioni riprenderanno un po’ ovunque e raggiungere la Cittadella diventerà nuovamente un’odissea. «Noi continuiamo a divulgare la proposta sperando nella risposta dei colleghi e in un ripensamento dell’Università», continua Bonaventura.

Intanto il sito di riferimento per i futuri carpoolisti è pronto e i promotori della mobilità ecosostenibile, per ora, portano avanti la loro proposta sul web e nei social network. iPhone, Android e Facebook, d’altronde, sono indicati come gli strumenti più adatti per organizzare gli spostamenti. Ma dove non arriva l’appoggio dell’Università, basterà la tecnologia?

[Foto di micro Car pooling


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Al via le lezioni e scatta la corsa al posto auto nella Cittadella Universitaria. Più di mille stalli gratuiti al parcheggio Santa Sofia e nemmeno una navetta che consenta di raggiungere il polo universitario. Una soluzione ecosostenibile arriva però dagli studenti: la condivsione dell'automobile. Ma l'Ateneo non sostiene il progetto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]