Paolo Pizzo, la voglia d’azzurro non tramonta mai «Non sono cambiato, credo di poter ancora stupire»

«Ho ancora voglia di buttarmi nella mischia, non ho nulla da perdere: ho il massimo rispetto per i miei compagni in nazionale, ma sento di poter continuare a dare il massimo». Bastano poche parole per comprendere come la passione per la scherma e il fuoco sacro dell’agonismo siano ancora ben presenti in Paolo Pizzo: questo nonostante i due splendidi titoli mondiali individuali di Catania 2011 e Lipsia 2017, l’argento olimpico a squadre arpionato a Rio de Janeiro nel 2016, tre argenti Europei e un oro ai Mondiali militari. Si tratta di una carriera che gli ha riservato le migliori soddisfazioni nella sua seconda parte: risultati straordinari, resi ancor più grandi dalla forza di volontà con cui l’atleta etneo ha superato due complicate operazioni alla mano otto anni fa e un delicato intervento al gomito nel 2018.

Nel maggio 2019 arriva la scelta di dare l’addio alla Nazionale, a un anno dalle Olimpiadi di Tokyo. L’idea era quella di tirare il fiato e rallentare i ritmi, aiutando la moglie nella cura della figlia e dedicandosi soltanto alle gare in Italia con i colori dell’Aeronautica Militare. L’arrivo dell’epidemia di Coronavirus e la quarantena hanno scombinato i suoi piani da atleta. «Mi sono dovuto riadattare a uno stile di vita molto diverso – confessa Pizzo a MeridioNews – con la necessità di dover fare quasi tutto in smart-working: senza gare in programma, poi, gli obiettivi non sono chiari. La difficoltà più grande è stata quella di dover ricostruire tra le quattro mura di casa mia un ambiente competitivo. Correre era infatti proibito: l’arrivo della seconda bambina (nata a maggio, ndr) mi ha costretto a concentrare gli allenamenti tra le sei e le otto del mattino, per poi poter essere operativo e non pesare su mia moglie». 

A giugno si torna a respirare, con qualche lezione in palestra e una voglia matta di gare ad alto livello che lo fa tornare sui suoi passi, riabbracciando la maglia azzurra. Il rientro in nazionale dovrebbe avvenire nel ritiro autunnale che verrà fissato tra fine settembre e inizio ottobre: «Da un anno a questa parte avevo pensato la mia vita in maniera diversa. Adesso ho rivalutato qualcosa: i miei compagni hanno accolto con grande felicità la notizia del mio rientro, non vedono l’ora di rivedermi: sono già pronto – scherza Pizzo – a subire le loro battute e scherzi per il mio cambio di programma». Resta però un punto interrogativo: un elemento esterno che potrebbe portare alla fine, stavolta definitiva, della sua esperienza internazionale: «Nel caso in cui durante l’autunno gli asili non riaprissero – ammette l’intervistato – la mia carriera sportiva sarebbe limitata all’Italia: non riuscirei a dividermi tra famiglia e allenamento».

Un’eventualità che verrebbe affrontata con grande serenità. Paolo Pizzo, infatti, ha le idee molto chiare in merito alla sua vita da grande: «Mi sento ancora un atleta, ma ho cominciato a fare esperienza sia nelle vesti di allenatore di giovani promesse che di mental coach. Ho avuto – spiega lo spadista catanese – la fortuna di incontrare persone e allenatori eccezionali nel corso della mia carriera. La capacità di ascoltare i giusti consigli ha sempre avuto una grande importanza: farne tesoro senza trasmettere questo bagaglio di conoscenza alle generazioni future sarebbe un limite». Allenare la mente, imparare a tirar fuori il meglio da atleti giovani e con ampi margini di miglioramento è una missione affascinante.

«Ho avuto una carriera non lineare, sempre in rincorsa: un underdog come dicono gli americani, con poca gente che credeva potessi raggiungere grandi traguardi. Adesso posso trasmettere il mio vissuto ai ragazzi: ho cominciato con gli Europei Under 20 di Spada a Roma, proseguendo con gli atleti della nazionale di nuoto. Sono stato un mesetto con loro – conferma lo schermidore – anche se adesso si è fermato tutto, avendo ricominciato a pieno ritmo con i carichi da atleta». La sensazione è che il Paolo Pizzo maestro e consigliere possa ancora attendere: «Ho mantenuto la stessa voglia di attaccare, aggredire, stupire e fare grandi cose. Alcune volte risulto arrogante nel credere di potere arrivare ovunque con le mie forze»: chissà se, tra le righe di quest’ultima affermazione, non ci sia anche un folle sogno chiamato Tokyo 2021.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]