Omicidio S.G. La Punta, parla il figlio dell’assassino «Voleva uccidere, ha organizzato un‘ultima cena»

Un ritorno al passato raccontato davanti ai giudici con la voce rotta dall’emozione ma senza esitazioni. A parlare dietro il microfono è Andrea Russo, sentito come testimone nel processo per l’omicidio della sorella, la 12enne vittima del padre 47enne durante la notte del 22 agosto del 2014 a San Giovanni La Punta. In aula il ragazzo traccia il profilo di Roberto Russo partendo da lontano. «Lo vedevo strano, sembrava dentro un altro mondo ma non potevo mai pensare che potesse arrivare a tanto». L’operaio, finito nel vortice della disoccupazione e improvvisatosi venditore ambulante di frutta, uccise la figlia più piccola mentre dormiva nel letto matrimoniale accanto all’altra sorella, 14 anni, rimasta gravemente ferita. «Era stato lui – prosegue – a chiedere espressamente che dormissero insieme». 

Il racconto, stimolato dalle domande dell’avvocato Antonio Patti che assiste l’imputato, prosegue con alcuni aneddoti. Particolari che, secondo la procura di Catania, sosterebbero l’accusa di omicidio premeditato. Ipotesi che anche il figlio sottolinea più volte di condividere. «Nei mesi precedenti lo vedevo strano, ma in particolare tre giorni prima che accadesse tutto, mentre in televisione scorreva la notizia di un delitto in una famiglia, lui mi disse che capiva perché accadevano determinate cose». Una costatazione che sul momento avrebbe lasciato il giovane stranito ma che, alla luce di quanto accaduto, potrebbe celare un significato differente. 

Secondo la ricostruzione, Roberto Russo avrebbe organizzato anche quella che il figlio non esita a definire «l’ultima cena». Una riunione di famiglia da condividere davanti a una pizza qualche ora prima del delitto. «Si era fatto prestare 200 euro perché ci voleva tutti insieme, io gli dissi che poteva anche evitare di farlo e mangiare tranquillamente a casa». Il figlio parla del padre come «un cane bastonato, spesso triste e strano». Stati d’animo probabilmente legati alla precarie condizioni economiche, dopo il posto lavoro perso due anni prima a causa della chiusura dell’azienda dove lavorava. Dopo l’omicidio aveva anche tentato di togliersi la vita colpendosi con un coltello al petto senza però riuscire nel suo obiettivo. Ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania, trascorsi alcuni giorni era scoppiato a piangere davanti alle magistrate che lo avevano interrogato, chiedendosi anche il perché non fosse riuscito nell’intento con il coltello da cucina. Un’arma che, secondo il figlio, «di solito era nascosta e non era mai stata utilizzata in casa».

Mentre il racconto prosegue, a guardare il testimone ci sono alcuni parenti che lo hanno accompagnato in aula. Le domande si susseguono e spesso a chiedere chiarimenti è la presidente della corte Anna Maria Caserta. Da sviscerare ci sono anche i problemi familiari che l’uomo aveva con la moglie. La donna proprio in quei giorni si era allontanata dalla casa di San Giovanni La Punta, tornando dai propri genitori. «Mio padre prendeva delle gocce per dormire la notte e mi parlava di mia madre dicendomi che aveva paura di perderla». Un ritratto di fragilità psicologica che Russo aveva messo nero su bianco in una lettera ai familiari, acquisita agli atti del processo, nella quale concludeva: «Ci rivedremo nell’aldilà».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]