Nuovo personale nei Centri per l’impiego dell’Isola Regione annuncia concorsone per altre assunzioni

Con una delibera di giunta, la Regione si impegna a  dare il via a «tutte le iniziative necessarie alla individuazione di un percorso volto a definire l’affidamento dell’assistenza tecnica per lo svolgimento dei concorsi per potenziare i Centri per l’impiego». Recita così il documento emesso dall’amministrazione guidata dal presidente Nello Musumeci. La manovra, che si preannuncia ambiziosa e fan ben sperare, viene confermata anche dall’assessore regionale al Lavoro Antonio Scavone. «Quella del concorso per i Centri dell’impiego era un’idea che va di pari passo con gli obiettivi del governo regionale. Doveva già partire nel 2019, ma le procedure si sono fermate a causa del Covid – afferma Scavone a MeridioNews – Adesso abbiamo la possibilità di avviare tutte le procedure. Il progetto rientra nelle misure previste dal reddito di cittadinanza e nelle ultime linee dettate dal piano nazionale di rilancio e resilienza: le nuove assunzioni sono necessarie anche per accedere ad alcune risorse del recovery plan».

L’iniziativa è stata voluta dalla Regione «dopo una battaglia col governo nazionale», fa notare Scavone. «Sarà uno dei concorsi più importanti mai realizzati in Sicilia – prosegue l’assessore – Si assumeranno 1135 nuovi profili di categoria C e D. Pertanto prevediamo la candidatura di tantissime persone. Adesso stiamo individuando l’interlocutore tecnico che dovrà gestire il concorso. Speriamo di partire già nelle prime settimane dell’autunno con la macchina organizzativa». Rispetto a com’era stato pensato inizialmente, le procedure per le selezioni saranno quasi interamente online, con una preselezione per titoli, anzianità e servizio rivolta ad alcuni profili. Così come stabilito dalle nuove procedure dettate dal ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta.

Questa manovra rientra nel bilancio di previsione della Regione siciliana per il triennio 2021-2023, anche alla luce della convenzione del governo Musumeci con Anpal Servizi (Agenzia nazionale delle Politiche attive lavoro) che offre programmi formativi a occupati e disoccupati. Sui Centri per l’impiego avevano puntato diversi partiti politici per rilanciare le assunzioni, ridurre la disoccupazione e, di conseguenza, rilanciare il Paese. 

A concentrarsi sull’ammodernamento dei vecchi uffici di Collocamento era stato soprattutto il Movimento Cinque Stelle, che aveva visto nei Centri per l’impiego un anello della catena fondamentale per tutti coloro che percepivano il reddito di cittadinanza e che, grazie agli uffici, avrebbero dovuto trovare un’occupazione. Finora, però, non sembra essere stato proprio così. Gli oltre duemila navigator siciliani – il personale che avrebbe dovuto aiutare inoccupati e disoccupati – sono in cerca di risposte concrete per una stabilizzazione definitiva. A questi si aggiungono anche i problemi che si sono registrati con Garanzia giovani. L’esperienza formativa e lavorativa rivolta ai ragazzi dai 15 ai 35 anni avrebbe dovuto concludersi con i tirocini, a cui, però, molti non avrebbero potuto partecipare per degli stalli burocratici. «I tirocini per quei datori di lavoro che hanno presentato la documentazione regolare sono stati tutti pagati – sottolinea Scavone – Nei mesi scorsi abbiamo creato delle piattaforme informatiche che permettono l’arruolamento dei ragazzi. Abbiamo anche cercato di semplificare alcuni automatismi digitali per coloro che non sono in possesso dello Spid. Adesso siamo la prima Regione a proporre questo concorso: siamo pronti. Insieme alla funzione pubblica stiamo cercando di garantire delle procedure quanto più immediate e trasparenti per iniziare il prima possibile».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]