Notte dei Ricercatori. Aperitivi, invenzioni e qualche assente

Parlare di ricerca scientifica tra musica e spritz. È la formula scelta per la Notte dei Ricercatori 2011. A Catania il Centro di Documentazione Europea e Ustation, il network dei media universitari, hanno organizzato Aperitivo Ricercato, una serata dedicata ad avvicinare docenti, studenti e curiosi al mondo dei ricercatori e alle loro invenzioni. La serata, inserita nell’ambito del progetto Everyday science – Italy plays science e promossa dalla Commissione Europea attraverso il Programma Quadro in Ricerca e Sviluppo Tecnologico, si è svolta in contemporanea ad altre cinque città d’Italia. Per l’evento catanese si è scelta come sede lo splendido Chiostro di Levante del Monastero dei Benedettini, grazie al patrocinio dell’Università di Catania. Ad intrattenere gli ospiti la musica e le interviste realizzate dagli speaker di Radio Zammù.

«Abbiamo pensato ad un modo per avvicinare i giovani alla ricerca in maniera informale – spiega Giovanna Morso, responsabile documentalista del CDE. A volte si pensa che la scienza sia noiosa, abbiamo scelto questa formula per dimostrare a tutti che si può parlare di ricerca anche in un contesto divertente». Una festa, quindi, tra cultura e divertimento, anche se festeggiare non sembra la scelta più adatta in un momento così difficile per la ricerca italiana e catanese in particolare: «Per la ricerca si potrebbe fare di più, ma forse non molti sanno che esistono anche i fondi europei a cui si può accedere per realizzare i propri progetti. Questa serata è anche un modo per parlarne e farli conoscere».

In molti, tra addetti ai lavori o semplici curiosi, si sono lasciati affascinare dalle invenzioni presentate dai ricercatori invitati alla serata. Sorseggiando un aperitivo e approfittando del rinfresco, si poteva assistere a dimostrazioni pratiche o intrattenersi a chiaccherare di robotica, energia elettrica, antenne, sensori. Molti i progetti interessanti presentati nel corso della serata, e tutti rigorosamente catanesi. Dal telescopio sottomarino, realizzato da Giorgio Riccobene dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, che tramite i neutrini emessi dalle sorgenti astrofisiche permette di vedere il cielo in maniera diversa, a dispositivi innovativi che migliorano le prestazioni nella conversione da energie rinnovabili ad energia elettrica.

Particolarmente interessante il prototipo realizzato da Nino Catena come progetto di laurea: si tratta di un aiutopilota che permetterebbe di effettuare rilevazioni di cenere lavica evitando i problemi di scarsa visibilità che si riscontrano quando si è in volo sopra i vulcani attivi, come l’Etna. Molto spazio anche alla robotica. Ci sono i modellini ispirati al comportamento degli insetti, che ne simulano l’attività neurale tramite modelli matematici, studiati dai ragazzi di Ingegneria Elettrica ed Elettronica, o robot di salvataggio e ballerini degli studenti dell’ITIS Archimede, che tra passi di danza, capriole, Flash Dance e Waka Waka hanno già portato a casa premi e ottimi posizionamenti in campionati nazionali e mondiali.

Non si sono visti invece i ricercatori precari catanesi che, contattati, hanno risposto di non sapere nulla dell’iniziativa, mentre i membri del Coordinamento unico d’ateneo hanno dichiarato di non essere stati coinvolti. «L’evento avrebbe dovuto coinvolgere l’intero ateneo, invece gli inviti sono stati fatti ad hoc, usando, sembra, come parametro unico quello dell’abilità a portare fondi – ci dicono dal Coordinamento. Sono stati invitati alcuni colleghi che hanno progettato con il Settimo Programma Quadro. Noi come Coordinamento non siamo stati invitati e stiamo pensando ad una forma simpatica di segnalare i criteri degli inviti, rispettando l’evento che chiaramente ha una notevole valenza».

«I ricercatori che sono qui stasera sono stati scelti e contattati in base all’interesse e alla particolarità del loro progetto» ribatte Morso. E sul perché non si è pensato di coinvolgere anche i ricercatori precari e il Coordinamento dice: «abbiamo avuto poco tempo per organizzare la serata e non c’è stata la possibilità di metterci in contatto con tutti, anche se avremmo sicuramente voluto coinvolgere più ricercatori».

Nel corso della serata è stato inoltre presentato il Premio per il miglior ricercatore dell’anno, promosso da CAPITT, il centro per l’aggiornamento delle professioni e per l’innovazione e il trasferimento tecnologico, a cui si accederà, come ha spiegato la dott.ssa Morso, «tramite un bando di concorso che non è ancora uscito. La premiazione si svolgerà non prima dell’anno prossimo».

[Foto di Maxgiani]


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]