Noto, Figura da consigliere a candidato sindaco «Mi ispiro a Giorgio La Pira e Barack Obama»

Consigliere più votato dai cittadini nel 2011, Corrado Figura per cinque anni è stato presidente del Consiglio comunale a Noto sostenendo la precedente amministrazione. Il 37enne impiegato di banca, dopo la spaccatura con Bonfanti, oggi si propone come primo cittadino sostenuto da quattro liste civiche senza l’appoggio di nessun partito e di nessun esponente politico.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Perché penso di poter rappresentare tutti i miei concittadini che vogliono una città che guardi verso il futuro uscendo dai vecchi schemi e dal circolo vizioso della politica locale che ha ingessato la città, impedendole di cogliere le opportunità che le sono state offerte».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Rinnovamento, partecipazione e convergenza di tutti i netini attorno all’idea che il bene comune è ciò che di più prezioso possediamo. Non possiamo rinunciare alle opportunità offerte dal turismo che attira investimenti sul nostro territorio. Dobbiamo evitare che questa ricchezza sia effimera e fare in modo, invece, che sia sostenibile e duratura, a disposizione anche delle prossime generazioni».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Giorgio La Pira che diceva che “l’impegno politico si fonda su principi fondamentali” e che lui non era “fatto per la vita politica nel senso comune di questa parola, non amo le furbizie dei politici e i loro calcoli elettorali”. E poi anche due presidenti americani: Barack Obama che, quando molti credevano che il sistema americano fosse in ginocchio, ha dimostrato al mondo intero che è possibile risorgere e che il suo Yes, we can non era solo uno slogan; e Franklin Delano Roosevelt, un uomo che riuscì a vincere una terribile crisi economica attraverso il new deal e che sconfisse il nazismo».

In caso non riuscisse ad andare a ballottaggio, con chi si alleerebbe eventualmente nel secondo turno?
«Domanda a cui non posso rispondere perché io andrò al ballottaggio o passerò al primo turno».

Elenchi le prime tre cose che farebbe appena eletto primo cittadino.
«Organizzare la squadra che deve realizzare il programma del quinquennio da me annunciato; elaborare il planning operativo e cominciare a far sentire la nostra voce alla Regione siciliana».

Qual è l’avversario che teme di più?
«L’assenteismo degli elettori».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Il pregio è stato sicuramente un pacchetto di propositi iniziali. Il difetto, invece, aver reso la fine del mandato troppo condizionato dalla campagna elettorale per costruire l’immagine efficentista dell’attuale sindaco. Ne è esempio l’inaugurazione del Museo del mare e la sua successiva chiusura al pubblico».

Lei, da presidente del consiglio comunale è stato in linea con la maggioranza fino a un certo punto, poi che cosa l’ha spinta a cambiare rotta?
«La presa di coscienza che l’amministrazione tradiva i propositi e gli ideali che erano stati alla base del sua elezione».

Quali sono le scelte che non ha condiviso?
«L’alleanza con Patto per Noto di Corrado Cultrera e la nomina ad assessore del segretario del partito dell’onorevole Giuseppe Gennuso, persona che non vive e non conosce la realtà netina».

Ma lei perché non si è dimesso per tempo dopo aver manifestato il suo dissenso?
«Per due motivi: innanzitutto, perché ho rispettato il mandato degli elettori che hanno creduto nella mia persona offrendomi la loro preferenza e poi anche perché uscendo di scena avrei favorito proprio chi voleva il campo libero. Fare opposizione non è stato facile ed è stato molto dispendioso in termini d’energia e di tempo sottratto alla mia famiglia».

Questa costellazione di liste civiche, è segno di vergogna o paura dei simboli dei partiti che vengono visti come sinonimi di mala politica?
«Vergogna, pura vergogna».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]