No all’hotspot, voto del consiglio comunale è unanime «Siamo pronti a fare ricorso se lo Stato vorrà imporsi»

Palermo non lo vuole, tutto il consiglio è unanime. Così l’hotspot, il centro di identificazione dei migranti che lo Stato vorrebbe realizzare allo Zen, viene bocciato su tutta lineaA Sala delle Lapidi presente anche il sindaco Leoluca Orlando. Ma la brutta notizia è che potrebbe sorgere comunque anche con il parere contrario del consiglio comunale. Il prefetto può scavalcare il Comune e passare direttamente la faccenda sui tavoli dell’assessorato territorio e ambiente della Regione Siciliana. È quanto emerso questa mattina dall’intesa discussione, durata ore, per discutere proprio del parere da dare al nuovo centro di identificazione che dovrebbe nascere allo Zen, al Baglio S.Gabriele, in un bene confiscato alla mafia e vincolato dalla sovrintendenza. 

La direttiva comunitaria prevede questa struttura a Palermo e in altri luoghi in Europa: un muro di cinta altissimo, all’interno 400 posti letto, e poi un luogo di culto e una mensa. Per un investimento totale di sette milioni e 200mila euro. Per la prima volta Orlando in aula chiama l’hotspot con il proprio nome e riconosce la gravità di questa operazione in città. Questo centro non lo vuole nessuno, né la destra né la sinistra. «Ci avevano detto che era un centro per migliorare la prima accoglienza – spiega il sindaco – per facilitare le operazioni al porto dopo gli sbarchi, ma guardando il progetto si capisce che è una struttura di permanenza che va in contrasto con la politica messa in atto a Palermo.  È inaccettabile che sorga a Palermo proprio per questa contrarietà politica, qui non esistono migranti, chiunque arrivi a Palermo diventa cittadino di questa città. Siamo pronti a fare ricorso qualora lo Stato decidesse di farlo ugualmente anche con il parere contrario del Comune». La città che ha fatto dell’accoglienza il suo punto saldo non può permettersi di far nascere in un bene confiscato un hotspot, in un quartiere che è già ad alto rischio di marginalità sociale. 

«Questo è un passaggio storico per questa città, è bene ribadirlo – dice Giusto Catania, di Sinistra Comune – riguarda l’identità che abbiamo voluto costruire di questa città. Un hotspot è un non luogo che vieta e nega i diritti fondamentali dell’uomo. Non luoghi dove si fabbricano non persone. Non basta il voto del consiglio comunale, la nostra battaglia continuerà alla Regione. A Palermo vengono prima le persone e i diritti. Ma poi a Palermo non ci sono più sbarchi così frequenti, quindi perché insistere nel voler fare una struttura simile?».

Intanto l’opposizione non perde occasione per attaccare Orlando, assente in aula dal 6 dicembre. «Sindaco, Palermo ha tante emergenze eppure non la vediamo da mesi in consiglio, quella di oggi ci sembra più una passerella che altro – dice Fabrizio Ferrandelli -. Dobbiamo parlare delle emergenze reali della città. La scelta dell’hotspot allo Zen inoltre la trovo irriguardevole e scandalosa per gli abitanti dello Zen». Contrari anche i 5stelle, che però sul tema vanno divisi. Da una parte la nota dei cinque consiglieri Ugo Forello, Viviana Lo Monaco, Giulia Argiroffi, Antonino Randazzo e Concetta Amalla.

«Siamo soddisfatti – dicono – per la decisione presa dall’aula su un’opera invasiva e costosa, sbagliata nella concezione, nel metodo e nel progetto. Ribadiamo che per il Movimento 5 Stelle i diritti umani vengono prima di tutto. Questa soluzione ipotecherebbe per sempre il riscatto di un quartiere in cui i politici tutti hanno fallito. L’unica nota positiva di oggi, oltre all’unione d’intenti dell’intero consiglio su questo tema, è stata la presenza del sindaco assente, che in aula non si vedeva da fine 2017 e che sembra scappare dalle sue responsabilità: dall’emergenza rifiuti, ai debiti del Comune e delle partecipate, a un’emergenza sociale con una Palermo sempre più povera e distante dalle esigenze dei cittadini». Resta isolato, almeno nelle dichiarazioni alla stampa, l’altro pentastellato Igor Gelarda. Che ribadisce di ritenere «assoluta la necessità di tutelare i diritti umani dei migranti» e allo stesso tempo di «tutelare i diritti di coloro che vivono a Palermo, abbandonati a se stessi in una città allo sbando». 

Soddisfatti infine anche i consiglieri del Partito Democratico Dario Chinnici, Francesco Bertolino, Carlo Di Pisa, Rosario Arcoleo e Giovanni Lo Cascio. «Abbiamo apprezzato – dicono i consiglieri dem – la proposta condivisa da molti colleghi di riqualificare aree come quella di Fondo San Gabriele, proposta questa del Centro Pio La Torre, o di scuole oggi degradate, ribadendo la nostra difesa dei diritti e contestualmente l’obiettivo di votare atti che certamente contribuiranno nel percorso di crescita di questa città». Il presidente del consiglio Totò Orlando ha poi annunciato che il sindaco tornerà in consiglio giorno 30 giugno per affrontare altre tematiche urgenti in città. 

«Oggi in aula abbiamo ribadito il nostro ‘no’ agli hotspot – afferma il capogruppo di Palermo 2022 a Sala delle Lapidi Antonino Sala – Il nostro è stato un ‘no’ innanzitutto politico. Queste strutture non sono la soluzione e non rappresentano il modello di accoglienza che auspichiamo. Ed è un ‘no’ tecnico, perché coinvolgerebbe un’area in cui è presente verde storico e in cui sono stati rinvenuti dei qanat, antiche opere di ingegneria idraulica dell’epoca araba. Siamo pertanto soddisfatti per l’esito del voto. Ma è necessario individuare soluzioni alternative. Per questo saremo presenti all’incontro con l’assessore regionale al Territorio e Ambiente Toto Cordaro».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]