Muos, ministero Difesa chiede via libera a nuovi lavori «Il M5s ha usato speranze degli attivisti per avere voti»

Il rifacimento di otto strade, la manutenzione di un’antenna e poi la messa in sicurezza di una parte di collina a rischio frana. Sono questi gli interventi che il ministero della Difesa italiano, a maggio scorso, ha chiesto di autorizzare all’interno della base militare di Niscemi, lì dove sorge il Muos. Dietro alla richiesta del governo italiano, così come in passato, ci sono le istanze della marina militare statunitense. A darne notizia è il comitato No Muos che, insieme a Legambiente, ha riportato l’attenzione sul discusso sito, già al centro di una lunga querelle giudiziaria e al momento oggetto di un processo per reati ambientali. In quanto l’area in cui sono state edificate le antenne fa parte della zona A di una riserva naturale. 

«Siamo recentemente venuti a conoscenza di una nuova richiesta di autorizzazioni da parte della marina Usa tramite il ministero della Difesa italiano, per la realizzazione di manutenzione straordinaria dentro la base – si legge in una nota degli attivisti -. La richiesta, avanzata nel maggio scorso, è stata inoltrata agli uffici della Regione Siciliana e al Comune di Niscemi per le rispettive competenze. Esattamente come undici anni fa, quando il ministero della Difesa italiano inoltrò le richieste di autorizzazione delle parabole Muos, i cittadini non sono stati informati dei progetti presentati»

Gli attivisti puntano il dito anche contro il sindaco di Niscemi Massimiliano Conti. «L’amministrazione comunale di Niscemi, non solo pare non abbia informato nessuno, ma non ha nemmeno mai risposto alla nostra richiesta di accesso agli atti inoltrata e protocollata ormai più di quindici giorni fa», prosegue la nota. A essere state coinvolti nel recente passato e a doversi esprimere sul Muos sono tutte le parti politiche a vario livello. «Nonostante le richieste autorizzative siano partite dal precedente governo a guida Pd, a pochi giorni dalla scadenza del proprio mandato, attualmente il ministero proponente è retto da Elisabetta Trenta, in quota M5s. Ancora nessuna parola è stata spesa dal partito di Di Maio sul Muos, nonostante le promesse gridate in campagna elettorale di smantellamento immediato delle parabole e della base tutta». Un attendismo che, unito alle recenti dichiarazioni in merito ad altre infastrutture fortemente osteggiate dalle popolazioni locali, non prometterebbe nulla di buono. «Dopo i recenti voltafaccia del governo nei confronti dei movimenti No Tav e No Tap, il ministero della Difesa italiano ancora una volta ha accettato la servitù militare senza battere ciglio e il gruppo politico di turno al potere ha usato le speranze No Muos dei cittadini siciliani per accaparrarsi voti», denuncia il comitato.

Sullo sfondo resta il convincimento da parte degli attivisti che l’interesse a mantenere buoni rapporti con gli Stati Uniti resti predominante. «Per far contento l’alleato americano niente è impossibile. Al di là della legge, del diritto e del buon senso. Per questo- conclude la nota – sarà compito dei comitati, del movimento e dei cittadini vigilare e fare pressione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]