Ospedale Sant'Elia a Caltanissetta, pronto soccorso

Caltanissetta, arriva in ospedale con codice verde ma muore poco dopo. Aperta un’inchiesta

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla procura di Caltanissetta sulla morte del 76enne Angelo Lombardo deceduto improvvisamente il 21 aprile all’ospedale Sant’Elia del capoluogo nisseno. La famiglia dell’uomo, assistita dall’avvocato Giuseppe Dacquì, ha presentato una denuncia ed è stata già eseguita l’autopsia. Secondo la ricostruzione della figlia del 76enne, il 21 aprile il padre avrebbe avvertito forti dolori in particolare alla spalla e sotto le costole. La donna ha raccontato che l’ambulanza avrebbe trasportato l’uomo in pronto soccorso a sirene spente e procedendo ad andatura lentissima. La registrazione al triage è avvenuta alle 14.35 e al paziente è stato assegnato il codice verde. E, sempre secondo il racconto della figlia, nonostante le visibili sofferenze, il 76enne sarebbe stato fatto entrare alle 16.30 in ambulatorio per la visita. A quel punto, sarebbero stati eseguiti gli esami e una tac dalla quale non sarebbe emersa la gravità del quadro clinico. Intorno alle 19 l’uomo, che continuava ad accusare forti dolori anche al volto e al collo, è morto improvvisamente. La famiglia chiede venga chiarito cosa sia accaduto e quali siano state le cause della morte del 76enne.


Dalla stessa categoria

I più letti

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla procura di Caltanissetta sulla morte del 76enne Angelo Lombardo deceduto improvvisamente il 21 aprile all’ospedale Sant’Elia del capoluogo nisseno. La famiglia dell’uomo, assistita dall’avvocato Giuseppe Dacquì, ha presentato una denuncia ed è stata già eseguita l’autopsia. Secondo la ricostruzione della figlia del 76enne, il 21 aprile il padre avrebbe avvertito […]

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla procura di Caltanissetta sulla morte del 76enne Angelo Lombardo deceduto improvvisamente il 21 aprile all’ospedale Sant’Elia del capoluogo nisseno. La famiglia dell’uomo, assistita dall’avvocato Giuseppe Dacquì, ha presentato una denuncia ed è stata già eseguita l’autopsia. Secondo la ricostruzione della figlia del 76enne, il 21 aprile il padre avrebbe avvertito […]

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla procura di Caltanissetta sulla morte del 76enne Angelo Lombardo deceduto improvvisamente il 21 aprile all’ospedale Sant’Elia del capoluogo nisseno. La famiglia dell’uomo, assistita dall’avvocato Giuseppe Dacquì, ha presentato una denuncia ed è stata già eseguita l’autopsia. Secondo la ricostruzione della figlia del 76enne, il 21 aprile il padre avrebbe avvertito […]

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla procura di Caltanissetta sulla morte del 76enne Angelo Lombardo deceduto improvvisamente il 21 aprile all’ospedale Sant’Elia del capoluogo nisseno. La famiglia dell’uomo, assistita dall’avvocato Giuseppe Dacquì, ha presentato una denuncia ed è stata già eseguita l’autopsia. Secondo la ricostruzione della figlia del 76enne, il 21 aprile il padre avrebbe avvertito […]

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo