Misterbianco, la squadra di Santapaola non molla «Ha dimostrato serietà, è una persona perbene»

«Ѐ come se dal cavallo galoppante, cioè il Comune di Misterbianco, fosse caduto un pidocchio». Nino Di Guardo, a dimissioni avvenute, faceva ricorso alla metafora per parlare, davanti ai giornalisti, del suo ex vicesindaco Carmelo Santapaola. Quattro anni fa come oggi, per l’eterno sindaco di Misterbianco, c’erano sempre da commentare le dimissioni del suo numero due, allora come oggi il re dei quartieri nonché luogotenenente del deputato Ars del Pd Luca Sammartino. Un rapporto tra alti stratosferici e bassi che più bassi non si può, quello fra due dei mattatori politici di una città che ha tributato loro l’ennesima valanga di voti da ultimo nel 2017. Anche grazie a un plotone di candidati consiglieri, molti dei quali in grado di garantire performance al top in quartieri come Lineri, Monte Palma e Belsito. Con qualche eccezione: Alfio Saitta guadagna 78 voti nel 2012 e zero nel 2017, ora coinvolto nell’inchiesta con l’accusa di associazione mafiosa.

Chi invece di voti ne portava parecchi è Giuseppa Gisa Vittorio, veterana del Consiglio comunale, 276 preferenze l’anno scorso, non coinvolta nell’inchiesta e convinta nel difendere, con fede, Carmelo Santapaola. In aula siede nel gruppo consiliare omonimo a fianco del consigliere Gaetano Furia. «Conosco Carmelo da una vita, così come i Placenti, perché sono di Lineri», dice a MeridioNews l’attuale capogruppo di chi, nel senato cittadino, è stato eletto sotto l’egida dell’ex vicesindaco. I Placenti sono Carmelo, Giuseppe Gabriele e Vincenzo, ritenuti dagli investigatori punti di riferimento a Misterbianco della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano spesso intercettati al telefono mentre parlano di voti. «Sono amareggiata ma anche fiduciosa sul fatto che la magistratura faccia presto chiarezza, Santapaola è persona perbene e gran lavoratore per la gente. Dimettendosi ha dimostrato serietà», continua la consigliera. 

Nel 2012, Vittorio era stata eletta con 196 voti nella maggioranza di Nino Di Guardo. Cinque giorni dopo le elezioni di quell’anno, Vincenzo Placenti viene intercettato a bordo di una Fiat Bravo mentre parla, secondo la procura, dei manifesti di ringraziamento fatti affiggere dalla candidata. «Pensavo a lei (..) che ci metteva questo “grazie”! Renditi conto – dice Placenti – e noialtri che ci dobbiamo mettere allora!». «Prego!», gli risponde Saitta, in macchina anche lui. Poi interviene, laconico, il vicesindaco in pectore Santapaola: «Vuole fare la festa nella piazza … Gli ho detto: “Lascia perdere”», aggiungendo nel proseguo della conversazione: «Gli ho detto: “Le nostre cose dobbiamo fare e basta”». «La lista non ha i voti dei clan – replica oggi Gisa Vittorio – Per quelli che ho preso io devo ringraziare solo il mio lavoro». E sulla proposta di scioglimento del Comune per mafia avanzata con forza dal Movimento 5 stelle risponde: «Sono solo parole».

Chi invece, da un po’, ha mollato Carmelo Santapaola è un altro volto da centinaia di voti: Turi Scaletta, anche lui del tutto estraneo all’inchiesta, oggi alfiere della Lega nel Catanese e candidato alle Regionali, alle Politiche e infine alle Comunali di Catania. Oltre 200 voti, cinque anni fa, nella lista Santapaola, poi diventati 300 e passa nel 2017. Il legame, malgrado il tempo passato assieme, si spezza alla fine in pochi mesi. «Non mi trovavo bene in quella situazione politica – racconta a MeridioNews – e con Santapaola ho rotto, sono un uomo di destra». Scaletta dice di sapere che il centro scommesse sequestrato Orso bianco «apparteneva a Carmelo», ma di mafia non ne aveva vista: «Non avevo idea di chi fossero i Placenti, ma perché non si può mai sapere chi sono le persone con cui si parla». E qualora il ministro Matteo Salvini dovesse chiedergli un parere, Scaletta sarebbe risoluto: «La bufera per il Comune è stata enorme, una doccia fredda che non mi aspettavo, lo scioglimento è l’unica cosa da fare. Oppure voterei la sfiducia a Di Guardo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]